Venetonight 2019

Attività

Venetonight torna a Ca’ Foscari con uno stile tutto nuovo: quello dei dieci anni!

Una moltitudine di tematiche da trattare, affrontate con laboratori, attività per bambini, installazioni, performance e ospiti; insomma, ce ne sarà per tutti i gusti.
L’archeologia, l’ambiente, l’economia, le lingue straniere, il lavoro quotidiano dei ricercatori di Ca’ Foscari e del DVRI sarà fruibile al pubblico nella sede centrale dell’Ateneo e nei palazzi storici di Ca’ Bottacin e Ca’ Dolfin.

Non mancare all’appuntamento con la ricerca: vieni a conoscerne gli interpreti!

Scopri le tematiche di ricerca:

Incontri e racconti

Sulla stessa barca: a bordo con la ricerca!

Dove: Ca’ Foscari, androne, dalle 17.30
Chi: Fabiana Zollo (referente), Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica
Pubblico: per adulti

Cosa ci fa un vaporetto ormeggiato a Ca’ Foscari? Se vuoi sapere in che direzione navigano i nostri ricercatori,  sali a bordo e inondali di domande!

Il viaggio del ricercatore

Dove: Ca’ Foscari, secondo piano, Sala Archivio, dalle 17.30
Chi: Alice Girotto (referente), ADI Venezia e FLC - CGIL
Pubblico: per tutti

Come si lega la ricerca a ciò che voglio fare da grande? Perché è importante il viaggio nella vita di un ricercatore? Bambini e ragazzi esprimeranno il loro volere sul lavoro che vorranno fare in futuro, creando una mappa che faccia capire come il mondo della ricerca sia inesorabilmente connesso a tutti quei lavori. Una lezione in cui capire la vita avventurosa dei dottorandi e dottori di ricerca e dei loro viaggi in giro per il mondo.

Speed date narrativo

Dove: Ca’ Bottacin, piano terra, dalle 17.30
Chi: Monica Calcagno (referente), Dipartimento di Management
Pubblico: per ragazzi e adulti

Vuoi mettere alla prova la tua storia e quella degli altri? Lo storytelling è un concetto chiave al giorno d’oggi. Chiunque voglia valorizzare la propria storia potrà raccontarla in pochi minuti a qualcuno seduto dall’altro capo del tavolo. Può sembrare poco ma tutti abbiamo bisogno di storie per vivere!

Incontrare l'altro nella letteratura e nella realtà

Dove: Ca’ Bottacin, piano terra, dalle 19.15 alle 19.35
Chi: Camilla Spaliviero (referente), Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati
Pubblico: per adulti

“Fare esperienza dell’altro” senza i timori che le situazioni reali possono portare tramite l’ausilio dei testi letterari. Ma come è possibile realizzare questo incontro? E i benefici che ne derivano si possono trasferire nella nostra quotidianità? Una serie di esperienze raccolte tra gli studenti e un powerpoint saranno il mezzo grazie al quale realizzare una serie di attività a coppie in forma scritta e orale.

EuCorner 2019

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, Androne, dalle 17.30
Chi: Monicaelisa Bettin (referente), Europe Direct del Comune di Venezia
Pubblico: per tutti

L’EUCorner è un punto d’informazione fuori dagli schemi dove sperimentare la dimensione europea giocando, guardando cartoni animati, video, ricevendo informazioni e pubblicazioni sulle opportunità offerte dall’UE.

A long time ago...

Archeologia dallo Spazio

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, androne, dalle 17.30
Chi: Claudio Silvestri (referente), Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica
Pubblico: per tutti

Molti archeologi scoprono nuovi siti usando foto scattate dallo spazio o dal cielo tramite l’uso di satelliti e droni. Tramite un display e uno schermo tattile, sarà possibile capire come gli archeologi scoprono le tracce lasciate nelle aree inesplorate partendo dalle immagini satellitari. Vieni ad imparare come scoprire nuovi siti usando immagini dallo spazio!

Touch me! I vasi raccontano

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, androne, dalle 17.30
Chi: Fiorenza Bortolami (referente), Dipartimento di Studi Umanistici
Pubblico: per tutti

Ogni scavo archeologico porta alla luce moltissimi oggetti antichi, soprattutto frammenti di vasi, che venivano utilizzati in antichità con diverse funzioni dalla vita quotidiana ai rituali funerari. Ma cosa ci raccontano questi reperti? Sarà possibile toccare con mano alcuni oggetti che hanno viaggiato nel tempo per 2000 anni e hanno portato fino a noi un sapere che sarebbe potuto andare perso. Come si svolge uno scavo? Chi e per quale funzione venivano utilizzati questi oggetti? Un archeologo porterà la propria testimonianza e spiegherà cosa comporta e come si arriva a dare un riconoscimento a questi cimeli.

Prepariamo i cosmetici degli antichi romani

Dove: Ca’ Bottacin, primo piano, dalle 17.30
Chi: Daniela Cottica (referente), Dipartimento di Studi Umanistici
Pubblico: per bambini

Gli archeologi hanno portato alla luce antiche ricette romane per creme, unguenti e profumi. I bambini avranno il compito di mettere a frutto le ricerche archeologiche, producendo grazie alle antiche istruzioni, il proprio prodotto cosmetico naturale imparando una storia che spesso non compare sui libri.

Il mestiere dell'epigrafista

Dove: Ca’ Foscari, primo piano, dalle 17.30
Chi: Eleonora Cussini (referente), Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea
Pubblico: per tutti

Tramite lo studio di alcune fonti scritte e di foto di materiale epigrafico, sarà possibile apprendere un antico alfabeto, quello Aramaico, e di imparare a scrivere il proprio nome, capendo tutte le difficoltà di lettura ed interpretazione che il mestiere dell'epigrafista comporta.

Il Disco di Festòs. Contestualizzando un oggetto enigmatico

Dove: Ca’ Foscari, primo piano, dalle 17.30
Chi: Eleonora Cussini (referente), Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea
Pubblico: per tutti

Tramite lo studio di alcune fonti scritte e di foto di materiale epigrafico, sarà possibile apprendere un antico alfabeto, quello Aramaico, e di imparare a scrivere il proprio nome, capendo tutte le difficoltà di lettura ed interpretazione che il mestiere del epigrafista comporta.

Sulle orme di Marco Polo

Dove: Ca’ Bottacin, piano terra, dalle 17.30 alle 18.00 
Chi: Elisa Cugliana (referente), Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica
Pubblico: per tutti

Un approccio interattivo alle mappe antiche, approcciandosi alla figura di Marco Polo e al suo mondo, uno spazio ricco di avventura, animali fantastici, re, principesse, cannibali e molto altro. Sulle orme del mercante veneziano sperimenteremo le mappe del tempo e l’immaginario medievale incontrando popoli dimenticati, luoghi sperduti e bestie mostruose.

Kura-Araxes Fashion Night

Dove: Ca’ Bottacin, primo piano, dalle 17.30
Chi: Vittoria dall’Armellina (referente), Dipartimento di Studi Umanistici
Pubblico: per bambini e ragazzi

La cultura Kura-Araxes arriva a Ca’ Foscari direttamente dal III millennio a.C., portandosi dietro tutti gli usi e i costumi che gli archeologi stanno pian piano ricostruendo. Tramite l’incisione a sbalzo, bambini e ragazzi potranno ricreare i monili in uso a quel tempo. Mi raccomando, prima di tornare a casa, non dimenticare di scattare una foto ricordo!

Lab di Archeologia Medievale: parliamo di chi eravamo

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, androne , dalle 17.30
Chi: Sauro Gelichi (referente), Dipartimento di Studi Umanistici
Pubblico: per adulti

Attraversando il territorio lagunare grazie a riproduzioni di esperienze immersive, sarà possibile scoprire i cambiamenti naturali e artificiali che hanno cambiato hanno lasciato dei segni in passato che oggi possiamo ancora leggere. L’obiettivo della ricerca sarà scoprire il territorio riappropriandosi della propria storia e diventandone protagonisti.

Facciamo i conti

Il tuo profilo da leader con Ca' Foscari Competency Center

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, androne, dalle 17.30
Chi: Sara Bonesso (referente), Dipartimento di Management
Pubblico: per adulti

Lo stile di leadership influenza il clima organizzativo e ha un impatto determinante sulla performance. Il modo in cui una persona gestisce il suo gruppo influenza il senso di responsabilità e impegno dei collaboratori, l’efficienza ed efficacia nello svolgere una mansione, la trasmissione di valori comuni. Attraverso la compilazione di un questionario sviluppato dal Ca’ Foscari Competency Centre, i partecipanti potranno scoprire quali sono gli stili di leadership che li caratterizzano e discuterne i risultati.

4.0: le imprese danno i numeri... digitali

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, androne, dalle 17.30
Chi: Nunzia Coco (referente), Dipartimento di Management e Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica
Pubblico: per adulti

Conoscere le potenzialità del mondo digitale a livello economico, oggi, è di vitale importanza e conoscerne i segreti sapendo riadattarli alla propria realtà richiede formazione ed esperienza. Con semplici dimostrazioni i ricercatori di Statistica, daranno dimostrazioni sul possibile sviluppo e sulle nuove traiettorie a cui questa innovazione può portare.

It’s a Mad World: il concetto di razionalità

Dove: Ca’ Foscari, secondo piano, Sala Archivio, dalle 17.30
Chi: Valentina Maggian (referente), Dipartimento di Economia
Pubblico: per adulti

Il modello economico rispecchia perfettamente il comportamento degli individui? Applicando il concetto di “Equilibrio di Nash” (profilo strategico che si applica nel gioco), i partecipanti dovranno scrivere su un foglietto un numero da 0 a 100 avvicinandosi il più possibile alla media individuata dai partecipanti per vincere nel gioco. Un modo semplice per testare la razionalità propria ed altrui, in ambito economico.

Imprenditoria immigrata in Europa

Dove: Ca’ Foscari, primo piano, dalle 17.30
Chi: Nur Suhaili Binti Ramli (referente), Dipartimento di Management
Pubblico: per ragazzi e adulti

Tramite l’utilizzo di un poster interattivo che sfrutta i codici QR sarà possibile imparare nuove nozioni e soprattutto sottoporsi a dei quiz a premi non solo in lingua italiana ma anche in inglese.

Money Masters: la banca e i suoi servizi

Dove: Ca’ Foscari, secondo piano, Aula Baratto, dalle 18.05 alle 18.35
Chi: Antonio Proto (referente), Dipartimento di Management
Pubblico: per bambini

Metti alla prova le tue conoscenze finanziarie attraverso un piccolo test. Una serie di domande a risposta multipla, fruibili tramite l’app Kahoot, per valutare le proprie conoscenze in materia economica.

Il piccolo investigatore digitale

Dove: Ca’ Foscari, secondo piano, Aula Baratto, dalle 18.40 alle 19.10
Chi: Simone Mazzonetto (referente), Dipartimento di Economia
Pubblico: per bambini

Dopo il successo della VenetoNight 2017, ritorna la possibilità per i bambini di imparare il funzionamento della tecnologia di Blockchain nel modo più semplice: giocando! Le squadre di piccoli investigatori digitali impareranno a tracciare le transazioni in Criptovalute, capendo con un classico gioco dell’Oca, il mondo dei BitCoin.

Tra bene comune ed egoismo

Dove: Ca’ Foscari, secondo piano, Sala Archivio, dalle 17.30
Chi: Francesca Zantomio (referente), Dipartimento di Economia
Pubblico: per bambini

Iniziamo a sperimentare, in prima persona, il significato di imposte, collettività, e contribuzione al bene pubblico attraverso un gioco di ruolo sulla di contribuzione al bene pubblico, dove bambini e ragazzi potranno sperimentare, tramite 4 monete, come gestire i propri soldi decidendo come e quanti soldi investire nel bene pubblico e quanti tenerne per sé.

10, 100, 1000 notti di luna! Probabilità in fiaba

Dove: Ca’ Dolfin, piano terra, dalle 17.30
Chi: Debora Slanzi (referente), Dipartimento di Management
Pubblico: per bambini

Nel paese di Chisaquanto, ogni notte una strega lancia in cielo una luna. La luna d’argento illuminerà il viaggio di Amleto, mentre la luna nera lo obbligherà ad attendere nella notte buia. Ogni notte un dubbio, ogni notte due possibilità: una fiaba che coinvolgerà i bambini in una vicenda avvincente ma anche di grande forza didattica. I giovani protagonisti potranno lanciare, contare e organizzare le lune a loro disposizione sperimentando empiricamente la legge dei grandi numeri.

Debunking Rumors

Dove: Ca’ Foscari, secondo piano, Aula Baratto, dalle 19.15 alle 19.45
Chi: Nicole Tabasso (referente), Dipartimento di Economia
Pubblico: per adulti

L’attività prevede una presentazione seguita da una discussione, avente come tema la diffusione e lo smascheramento delle dicerie. L’intero laboratorio si svolgerà in lingua inglese.

Lingue e linguaggi

Scarta la carta!

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, androne, dalle 17.30
Chi: Elise Franssen (referente), Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea
Pubblico: per tutti

Scoprire dettagli invisibili o secondari all’occhio non esperto guidati dal sapere e dalle mani sapienti dei ricercatori che faranno capire l’importanza delle filigrane e la quantità di informazioni che esse contengono. Delle presentazioni delle unità di studio che faranno capire come trovare queste filigrane, come riconoscerle e studiarle.

Il colore che passione

Dove: dalle 17.30
Chi: Angela Bianco (Referente), Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali
Pubblico: per bambini

In occasione della mostra “Gely Korzhev. Back to Venice” sarà possibile, per i bambini dai 5 agli 11 anni, svolgere un laboratorio didattico a stretto contatto con le opere di questo importante artista russo. Gli oggetti esposti saranno la nostra tavolozza e grazie ad essi potremmo immergerci nel mondo della pittura ad olio.

Prenotazioni:  cartelab@unive.it

Migrating the Classroom: approfondimento linguistico al museo

Dove: Ca’ Bottacin, dalle 17.30
Chi: Fabiana Fazzi (referente), Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati
Pubblico: per adulti

Da molti anni l’Unione Europea sottolinea come l’apprendimento linguistico non sia limitato alla classe, ma avviene anche in altri contesti, tra cui il museo. Opere d’arte, reperti e oggetti sono, infatti, un ricco punto di partenza per esplorare nuove lingue e nuove culture. Ma come farlo? Questa intervista mira a discutere le potenzialità e criticità di progettare e realizzare percorsi per imparare una lingua e, allo stesso tempo, conoscere il patrimonio culturale e scientifico.

Feel the Language

Dove: Ca’ Foscari, primo piano, Aula Berengo, dalle 17.30
Chi: Chiara Branchini (referente), Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati
Pubblico: per ragazzi e adulti

Alla scoperta del linguaggio e della sua importanza grazie alla piattaforma Kahoot.it grazie alla quale si faranno quiz sulla lingua e cultura della comunità sorda e sordo cieca con dibattiti e discussione dei risultati. L’esperienza ha il suo culmine con l’uso di una pedana sensoriale grazie alla quale capire come i sordi fanno esperienza della musica.

Retorica trash o solo testi casuali? Divertirsi con Polygen

Dove: Ca’ Foscari, piano terra, androne, dalle 17.30
Chi: Stefano Calzavara (referente), Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica
Pubblico: per adulti

Polygen, software che realizza testi casuali partendo da serie di grammatiche pronte, diventa protagonista di un’installazione del tutto innovativa e coinvolgente, che elabora il linguaggio ed offre numerosi spunti. Vuoi conoscere il tuo oroscopo di domani o sapere come finirà il prossimo romanzo di Dan Brown? Passa al nostro stand!

Walter Benjamin e il compito del traduttore

Dove: Ca’ Bottacin, Piano Terra, dalle 18.40 alle 19.10
Chi: Giulia Scotto (referente), Dipartimento di Economia
Pubblico: per tutti

Tutti sanno che serve conoscere almeno una lingua straniera, e se ci chiediamo perché vengono in mente ragioni pratiche: per comunicare, capire e farci capire, per trovare un lavoro migliore. Ma, come indica il filosofo Walter Benjamin, è soltanto grazie alla traduzione da una lingua all'altra che facciamo esperienza della "pura lingua": qualcosa che non coincide con nessuna lingua storica ma che consente di comprendere l'alterità, illumina la traccia universale che alberga in ogni essere umano.

Il Giapponese intuitivo: nuovi modi di scrivere online

Dove: Ca’ Bottacin, dalle 17.30
Chi: Marcella Maria Mariotti (referente), Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea
Pubblico: per ragazzi e adulti

I due inventori (cafoscarini) di un metodo semplice ed intuitivo per l’apprendimento della lingua giapponese, dialogheranno grazie ad un intervistatore per spiegare le difficoltà di una lingua che ha due alfabeti fonetici (hiragana e katakana) come nel caso della lingua giapponese ma, soprattutto, come sono arrivati a semplificarne l’apprendimento.

Due lingue, una sedia

Dove: Ca’ Foscari, secondo piano, Aula Baratto, dalle 19.50 alle 20.10
Chi: Andrea Facchin (referente), Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea
Pubblico: per adulti

Su quante sedie ci siamo seduti e quali significato ha avuto per noi ognuna di loro? “Due lingue, una sedia” è un percorso di testi in doppia lingua (italiano e arabo) che farà interagire le culture presenti creando ponti tra loro e utilizzando la sedia come elemento transculturale.

Una comunicazione multilingue? È possibile

Dove: Ca’ Bottacin, piano terra, dalle 18.05 alle 18.35
Chi: Marie-Christine Jamet (referente), Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati
Pubblico: per adulti

Verranno illustrate con attività di prova le ricerche degli ultimi venti anni nell'UE (in particolare l'ultimo progetto EVAL-IC) per promuovere il plurilinguismo e in particolare l'intercomprensione, ossia la possibilità di comunicare ognuno parlando la propria lingua.

Comparazione tra cinema di animazione sovietico e americano

Dove: Ca’ Bottacin, piano terra, dalle 19.50 alle 20.20
Chi: Angelina Zhivova (referente), Fondazione Ugo e Olga Levi onlus (DVRI)
Pubblico: per tutti

Sarà fatto un confronto tra il cinema di animazione americano e quello sovietico tramite l’analisi dei filmeti e delle colonne sonore dei film:

  1. The Opry House (Walt Disney, 1929) e Preljud Rachmaninova (Nikolaj Voinov, 1932);
  2. Il libro della Giungla (studio Disney, 1967) e Mowgli, Rakša (studio Sojuzmul’tfil’m, 1967);
  3. Winnie the Pooh and the Honey Tree ( studio Disney, 1966) e Vinni-Puch (studio Sojuzmul’tfil’m, 1969).

Al-la suono parola performance: produzione e ricezione

Dove: Ca’ Bottacin, dalle 17.30
Chi: Alessandra Trevisan (referente), Dipartimento di Studi Umanistici
Pubblico: per ragazzi e adulti

Voce e suono sono strumenti vivi nell’azione e nell’ascolto. Un’installazione acustica che immerge l’ascoltatore e lo fa viaggiare nel mondo del suono, partendo dal confine tra parola e articolazione vocale, passando per musica sperimentale, elettronica e  classica. In un percorso di voce e strumenti auto-costruiti.

Esplorando l’arte delle scienze marine

Dove: Ca’ Bottacin, dalle 17.30
Chi: Gabriella Traviglia (Referente), DVRI e Science Gallery
Pubblico: per tutti

La mostra "L'Arte delle Scienze Marine - Gli oceani ritratti da Artisti e Ricercatori", che aprirà il 4 ottobre presso M9, si mostra in anteprima dando la possibilità ai realizzatori di questo progetto di accompagnare il pubblico in un viaggio tra arte e scienza attraverso una selezione di 3 opere. L’evento è stato, infatti, ideato e seguito da 24 studenti dell’Accademia di Belle Arti di Venezia e da altrettanti ricercatori che hanno fuso i loro mondi di studio e i loro approcci per un’esposizione imperdibile.

Assaggi scientifici

La chimica incontra la cucina molecolare

Dove: Ca’ Foscari, androne, dalle 17.30
Chi: Valentina Beghetto (referente), Dipartimento di Scienze molecolari e Nanosistemi
Pubblico: per tutti

Cavalcando l’onda del successo, torna alla Venetonight il gelato molecolare che sarà da esempio per le spiegazioni che i ricercatori daranno riguardo alla cucina molecolare ad allo studio dei processi chimico fisici che avvengono durante la preparazione dei cibi.

La chimica dei sensi: il gusto

Dove: Ca’ Foscari, terzo piano, dalle 17.30
Chi: Stefano Paganelli (referente), Dipartimento di Scienze molecolari e Nanosistemi
Pubblico: per tutti

Come possono le persone sviluppare un’attitudine positiva nei confronti del cibo e una maggior consapevolezza di cosa mangiano effettivamente? Piccoli esperimenti da banco per dimostrare la presenza di alcune sostanze nei cibi. I ricercatori insegneranno ad analizzare la presenza di sostanze come additivi o conservanti di varia natura, aromi e fragranze.

La chimica dei sensi: il tatto

Dove: Ca’ Foscari, terzo piano, dalle 17.30
Chi: Vanessa Gatto (referente), Dipartimento di Scienze molecolari e Nanosistemi
Pubblico: per tutti

3 esperimenti incredibili che mettono in evidenza uno dei sensi più importanti e più estesi nel nostro corpo. Sarà possibile studiare con i ricercatori sia la particolarità che contraddistingue i fluidi non-Newtoniani, scoprire le bombe da bagno e le loro reazioni e capire quale dentifricio usano gli elefanti!

La chimica dei sensi: la vista

Dove: Ca’ Foscari, terzo piano, dalle 17.30
Chi: Simone Cailotto (referente), Dipartimento di Scienze molecolari e Nanosistemi
Pubblico: per tutti

Partendo dalla molecola e realizzando esperimenti di vario genere che stimoleranno la curiosità si potranno interpretare i colori e la loro natura: una serie di esperimenti che coinvolge gli inchiostri invisibili e la percezione cromatica.

Molecole invisibili... ma amiche di tutti

Dove: Ca’ Dolfin, piano terra, dalle 17.30
Chi: Michela Signoretto (referente), Dipartimento di Scienze molecolari e Nanosistemi
Pubblico: per tutti

Semplici esperienze laboratoriali ci spiegheranno cosa accomuna lo shampo con le mousse al cioccolato o con gli oggetti più vari, analizzando le particelle di cui si compone l’universo: le molecole. Con colori, acqua, olio e poco altro sarà possibile, tramite semplici esperimenti mostrare le ricerche su queste particelle invisibili ma fondamentali.

Brutti e cattivi…?!? No, fermentati!

Dove: Ca’ Dolfin, piano terra, dalle 17.30
Chi: Sabrina Manente (referente), Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi
Pubblico: per tutti

Cosa hanno in comune pane, formaggi e vino con yogurt, birra e crauti? Sono tutti alimenti derivanti dall'antico processo detto fermentazione. Nata per conservare i cibi, l’Uomo ha presto imparato ad usarla per migliorarne commestibilità e sapore, esaltandone gli effetti positivi sulla salute. Ma, chi innesca e porta a termine il processo? Sono i batteri, i lieviti e le muffe fermentanti, capaci di favorire digeribilità e sapidità degli alimenti. Scopriamo allora quali sono le loro strategie!

La quantistica nelle ombre - installazione interattiva

Dove: Ca’ Bottacin, piano terra, dalle 17.30
Chi: Gaetano Cataldo (referente), Accademia di Venezia – Dipartimento di Progettazione ed Arti Applicate - Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte
Pubblico: per adulti

La quantistica nelle ombre è una sfida! Chi passerà davanti all’installazione vedrà oggetti popolare la propria ombra ed il mondo che la circonda: sono i Quanti. Imparare di cosa siamo formati e come i quanti interagiscono tra loro con un gioco a più livelli di difficoltà, facendoci individuare tutti gli elementi del modello quantistico.