Festival Internazionale
di Letteratura a Venezia
3 6 novembre 2021

home incroci

Deepa Anappara

Deepa Anappara è nata nello stato del Kerala, nel sud dell’India, e ha lavorato come giornalista a Mumbai e Delhi, in India, per undici anni.
Ha ricevuto molti premi per i suoi reportage sull’impatto della povertà e della violenza religiosa sull’educazione dei ragazzi, il Developing Asia Journalism Award, l’Every Human has Right Media Award, e la Sanskriti-Prabha Dutt fellowship in giornalismo.
Il suo primo romanzo, Djinn Patrol on the Purple Line (tradotto in Italiano da Einaudi con il titolo La pattuglia dei bambini, 2020) racconta le vicende, drammatiche e piene di mistero, di tre bambini alla ricerca del proprio compagno di scuola scomparso in una gigantesca città dell’India.
È stato considerato come uno dei migliori romanzi del 2020 dal New York Times, dal Washington Post, da Time e dalla National Public Radio, Stati Uniti.
È stato premiato inoltre con l’Edgar Award per il miglior romanzo, e selezionato per il Women’s Prize for Fiction e per il JCB Prize for Indian Literature. Una versione parziale del romanzo ha vinto il Lucy Cavendish Fiction Prize, il Writer’s Award della Deborah Rogers Foundation e il Bridport/Peggy Chapman Award per il miglior romanzo d’esordio. Djinn Patrol and the Purple Line è tradotto in ben 23 lingue.

 

Foto: © Liz Seabrook