Festival Internazionale
di Letteratura a Venezia
3 6 novembre 2021

home incroci

Jan Brokken

Jan Brokken è uno scrittore e viaggiatore olandese, famoso come autore di più di venti libri di saggi e reportage, sei romanzi e tre raccolte di racconti dedicate ai luoghi più diversi e lontani, tra cui l'Africa occidentale, i Caraibi olandesi, l'Indonesia, la Cina e la Russia, tale da meritargli la fama di nuovo Bruce Chatwin. Jungle Rudy (1999), il suo primo successo internazionale, è un omaggio al leggendario avventuriero e pioniere Rudy Truffino, un uomo che dedicò la sua vita alla scoperta e alla mappatura della foresta pluviale dell'Orinoco. L'acclamato Baltische zielen (2010; tr. it. Anime baltiche) è un viaggio dello spirito in un cruciale ma dimenticato pezzo d’Europa sulle tracce del fil rouge che lega artisti e intellettuali come Mark Rothko, Hannah Arendt, Romain Gary, Gidon Kremer, esuli dal mondo baltico ma pieni dell'anima di quel luogo. De gloed van Sint-Petersburg (2016, tr.it. Bagliori a San Pietroburgo) e De rechtvaardigen (2018; tr. it. I Giusti) sono dedicati rispettivamente alla grande città patria della musica e della poesia russa, e a un reportage sull'operazione di salvataggio del 1940 condotta dal console onorario in Lituania, l’olandese Jan Zwartendijk, che riuscì a mettere in salvo più di ottomila ebrei dalla persecuzione nazista. L'ultimo suo libro pubblicato in Italia da Iperborea, Anima delle città (2021), esplora le tante città dello spirito visitate da Brokken nei suoi viaggi e nei suoi reportage. 

Opere scelte:

  • In het huis van de dichter (tr. it. Nella casa del pianista, Iperborea, 2011)
  • Baltische zielen (tr. it. Anime baltiche, Iperborea, 2014)
  • De Kozakkentuin (tr. it. Il giardino dei cosacchi, Iperborea, 2016)
  • De gloed van Sint-Petersburg (tr. it. Bagliori a San Pietroburgo, Iperborea, 2017)
  • Jungle Rudy (tr. it., Iperborea, 2018)
  • De rechtvaardigen (tr .it., I Giusti, Iperborea, 2020)
  • Stedevaart (tr. it. L'anima delle città, Iperborea, 2021))

 

Foto: © Jelmer de Haas