Perché iscriversi 
Lingue, economie e istituzioni dell'Asia e dell'Africa mediterranea

Il corso di laurea magistrale in Lingue, economie e istituzioni dell'Asia e dell'Africa mediterranea ti permette di concentrare i tuoi studi su tre aree geografiche: Cina, Giappone e Paesi Arabi. Acquisirai elevate competenze linguistiche e comunicative, insieme a una solida conoscenza dell’attuale realtà politica e socioeconomica nell’area culturale di specializzazione.

Durante gli studi potrai approfondire:

  • i linguaggi settoriali in ambito giuridico, politico, economico e sociale;
  • i sistemi istituzionali e le trasformazioni socioeconomiche recenti, colte in una prospettiva storica;
  • le relazioni tra processi nazionali e il più ampio contesto regionale e globale;
  • metodi e strumenti della ricerca, compreso l’ambito informatico.

Ti approprierai delle metodologie proprie delle singole discipline e svilupperai capacità analitiche e di comunicazione interculturale trasversali ai diversi settori. In questo modo acquisirai un profilo professionale flessibile e autonomo, interessante per molte imprese o enti impegnati negli scambi tra l’Italia e i Paesi oggetto di studio. 

Occupazione

Con questo tipo di Laurea, potrai svolgere funzioni di elevata responsabilità negli enti pubblici e privati che operano nel campo delle relazioni internazionali (interscambi economici e culturali; analisi delle politiche pubbliche delle aree di competenza), nelle organizzazioni per la cooperazione allo sviluppo, nelle imprese attive sui mercati dell'Asia e dell'Africa Mediterranea. Potrai anche orientarti verso il settore del giornalismo specialistico e dell'editoria tecnico-scientifica, e fornire consulenza per la mediazione interculturale in diversi contesti.

Network internazionale

Grazie ai numerosi accordi di cooperazione stretti dall’Ateneo con prestigiose università in Asia Orientale e nei Paesi arabi, ti offriamo numerose opportunità di trascorrere almeno un semestre nei Paesi oggetto di studio. Solo in Giappone, ad esempio, abbiamo accordi di scambio con più di venti università tra Tokyo, Kyoto, Osaka e altre città. Grazie a questa rete più cento studenti potranno perfezionare ‘sul campo’ le proprie competenze linguistiche e arricchire il proprio percorso di studi.
Allo stesso modo, quindici università nella Repubblica Popolare Cinese ospitano ogni anno più di centocinquanta studenti. Oltre a questo, potrai frequentare regolari corsi universitari in Europa e in diversi Paesi extra UE, quali ad esempio Australia, Canada e Stati Uniti e potrai svolgere il tirocinio presso enti e aziende internazionali.

Scopri i programmi di mobilità internazionale di Ca’ Foscari

Open day online 2023

Il 12 aprile 2023 l’Università Ca’ Foscari presenterà alle future matricole i suoi corsi di laurea magistrale; dal 13 al 15 aprile presenterà l’offerta formativa triennale. Tutti gli appuntamenti saranno in presenza, a Venezia. In programma mini-lezioni universitarie, visite alle sedi, desk informativi e incontri di approfondimento su servizi, modalità di immatricolazione, tasse e test. La partecipazione all’Open Day è su prenotazione. A breve pubblicheremo il programma e il link per prenotare.

Iscriviti alla newsletter dell'Open day

Didattica innovativa e interdisciplinare

Minor

Puoi arricchire il tuo ambito di formazione con uno dei numerosi Minor, insegnamenti interdisciplinari complementari sui temi più richiesti del momento: cambiamenti climatici, sostenibilità, storytelling, educazione economica e finanziaria e molti altri.

Contamination Lab

Se ti piace l’idea di metterti al lavoro in team multidisciplinari per risolvere sfide e problemi reali, puoi partecipare alle numerose iniziative dei Contamination Lab (CLab). Sono laboratori che promuovono la cultura dell’imprenditorialità, della sostenibilità, dell’innovazione e del fare, così come l’interdisciplinarietà e nuovi modelli di apprendimento.

Spazi e attività didattiche ed extradidattiche

#fattixconoscere

Renzo Riccardo Cavalieri, professore di Istituzioni giuridiche dell'Asia orientale presso il dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea, parla della Nuova Via della seta.

Last update: 17/01/2023