Primi piani

Najmeh Karimian
Chimica analitica

Ci parli di lei: cosa insegna a Ca’ Foscari, quali sono i suoi interessi e i suoi ambiti di Ricerca.
Sono Najmeh Karimian, ricercatrice presso il dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi dell’Università Ca’ Foscari Venezia. Insegno in corsi relativi alla Chimica Analitica sia nei corsi di laurea magistrale (Metodi Analitici e Applicazioni con Laboratorio - 2) che Bachelor (Chimica Analitica e Laboratorio - mod. 2). I miei interessi scientifici riguardano:

  • Sviluppo di chemio/biosensori elettrochimici basati su polimeri a impronta molecolare per la diagnostica del lavoro artistico, l'analisi ambientale, clinica e alimentare.
  • Modifica della superficie utilizzando la tecnologia dell'imprinting molecolare
  • Sviluppo e utilizzo di nanoelettrodi come piattaforme di rilevamento per applicazioni chemio/bioanalitiche.
  • Sviluppo della chimica analitica/elettroanalitica nei diversi campi analitici dai metodi di caratterizzazione dei materiali alle procedure finalizzate alla diagnosi

Cosa significa, per lei, insegnare e fare ricerca?
Mi piace sempre condividere le conoscenze e ispirare l'interesse degli studenti per la tecnologia e instillare un senso di autostima tra tutti gli studenti. Ho iniziato a insegnare con una laurea in scuole secondarie e superiori, avendo esperienza nella gestione con successo di una classe e assumendomi la responsabilità dell'apprendimento e ho continuato a insegnare durante il mio dottorato di ricerca nelle diverse università.
Credo e ho spesso assistito all'enorme effetto sinergico derivante dalla messa insieme di un lavoro di squadra multidisciplinare. Sono sempre molto  interessata a un'opportunità così eccitante e stimolante di lavorare e fare ricerca.

Cosa dice ai giovani che si avvicinano alla ricerca oggi?
Coinvolgere i giovani in progetti di ricerca può aiutare a colmare i divari tra loro e gli anziani.
La partecipazione alla ricerca è un modo per consentire ai giovani di essere attivamente coinvolti nelle questioni che riguardano la loro vita e quella dei loro coetanei.
Può fornire opportunità per contribuire alle loro comunità e ai loro servizi. L'esperienza può migliorare la vita: aiutare con lo sviluppo personale, inclusa una maggiore sicurezza, autostima e la convinzione che le loro opinioni contano e possono influenzare il cambiamento. Possono anche incontrare nuove persone - sia adulti che coetanei - e può essere un'esperienza piacevole, inoltre, può aggiungersi ai CV dei giovani per un impiego futuro.

Il tema della disparità di genere nelle discipline STEM, in Italia, è ancora molto attuale. Cosa racconterebbe alle ragazze che intendono avvicinarsi a queste materie?
Imparare a pensare e risolvere problemi come scienziati e ingegneri può fornire alle ragazze la conoscenza, fiducia e creatività nell'affrontare le principali sfide nelle loro comunità, come la generazione di energia, la prevenzione e il trattamento delle malattie, il mantenimento delle forniture di acqua e cibo sostenibili e la risoluzione dei problemi del cambiamento ambientale. L'istruzione STEM consente alle studentesse di capire come funziona il mondo, guidando l'esplorazione e la scoperta.

Last update: 22/09/2022