Primi piani

Jasenka Gudelj
Storia dell'architettura

Ci parli di lei: da dove proviene, cosa insegna a Ca’ Foscari, quali sono i suoi interessi e i suoi ambiti di Ricerca. 
Jasenka Gudelj – sono originaria della Croazia, insegno e svolgo le mie ricerche in Storia dell’architettura, spaziando tra l’epoca moderna e il contemporaneo. Mi interesso soprattutto della costa orientale dell’Adriatico, che vedo come uno spazio dinamico in cui s’intersecano culture architettoniche diverse, come suggerisce il titolo del progetto ERC che dirigo (AdriArchCult).

Qual è stato il suo percorso accademico?
Mi sono laureata in Storia dell’arte e lingua e letteratura italiana all’Università di Zagabria in Croazia, dove ho conseguito anche il master di II livello. Durante gli studi dottorali in Storia dell’architettura presso la Scuola Studi Avanzati di Venezia (Ca’ Foscari, IUAV, VIU), ho usufruito di un periodo di studio presso il Warburg Institute di Londra. In seguito sono stata post-doctoral fellow presso l’Università di Pittsburgh (USA) e la Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck di Storia dell’arte a Roma. Ho insegnato Storia dell’architettura all’Università di Zagabria prima di ritornare a Ca’ Foscari nel 2020.

Le soddisfazioni professionali più grandi?
La soddisfazione più grande ovviamente è stata risultare vincitrice di un progetto così prestigioso come l’ERC, che mi ha permesso di creare un team di ricerca d’eccellenza e di investire molta energia negli studi che mi appassionano. Inoltre, mi ha fatto molto piacere ricevere dei riconoscimenti professionali quali il Premio nazionale croato per la scienza e quello dell’Associazione degli storici dell’arte croati. Ovviamente, attribuisco un valore particolare ai vari premi e riconoscimenti vinti dai miei studenti, in quanto risultati di una collaborazione stimolante e proficua.    

L’ ambito di cui si è sempre voluto occupare ma che non ha ancora avuto occasione di esplorare?
Un dipartimento che riunisce diverse anime e specializzazioni come il DFBC mi permetterà avverare il mio sogno di esplorare le intersezioni tra la Storia dell’architettura e discipline contigue come la storia della musica, del cinema, della filosofia, sociologia, pedagogia ecc.    

Qual è l'aspetto che più l'appassiona del suo ambito di ricerca?
Mi appassiona lavorare oltre (e trasversalmente) ai recinti delle storiografie nazionali di storia dell’arte e dell’architettura, in quanto l’area di cui mi occupo ne ha risentito con molte conseguenze dal punto di vista interpretativo. In questo sono aiutata dalla conoscenza di varie lingue e dai vari punti di vista di cui mi sono resa conto durante i periodi passati in diversi ambienti accademici europei e statunitensi.

Last update: 27/09/2022