Conferenze e seminari

Tramite la partecipazione a queste iniziative gli studenti potranno avere un contatto più ravvicinato con il mondo scientifico. I seminari e le conferenze daranno modo di approfondire alcune tematiche specifiche e di conoscere i 'cantieri' di ricerca aperti. La frequenza ai seminari e alle conferenze si accompagnerà alla stesura di una relazione finale. Per conoscere il numero di CFU corrispondente ad ogni iniziativa si rimanda alla sezione dedicata alla singola attività.

La partecipazione alle conferenze e ai seminari indicati in questa pagina sarà riconosciuta come attività sostitutiva di tirocinio. Per la convalida dei CFU maturati, gli studenti dovranno scaricare il modulo per il riconoscimento di attività sostitutive di tirocinio, sottoporlo alla firma del responsabile dell’iniziativa, e consegnarlo al Campus Umanistico al raggiungimento del numero di CFU previsto dal piano di studi insieme al resto della documentazione.

VI SAEG Seminario Avanzato di Epigrafia Greca, 16-17-18/01/2019

Responsabile: prof.ssa Claudia Antonetti

Tutor: dr.ssa Martina Saviano

Prerequisiti obbligatori: conoscenza del greco antico

Prerequisiti facoltativi: aver frequentato (o frequentare) il corso di Epigrafia greca

Numero massimo di partecipanti: 20

Descrizione: il Seminario Avanzato di Epigrafia Greca (SAEG) è un incontro a cadenza biennale, giunto alla sua sesta edizione, che riunisce i massimi esperti di epigrafia greca in Italia, a fianco di giovani ricercatori, per fare il punto sulla ricerca in corso e sullo stato di salute della disciplina. Quest'anno sede del SAEG sarà Ca' Foscari che ospita uno dei principali poli di ricerca a livello nazionale, grazie all'attività di ricerca di Claudia Antonetti e Stefania De Vido e del Laboratorio epigrafico del DSU.

Calendario:

  • mercoledì 16 gennaio 2019
  • giovedì 17 gennaio 2019
  • venerdì 18 gennaio 2019

Saranno inoltre organizzati una riunione introduttiva e incontri con il tutor per la preparazione e correzione degli elaborati (in date da definire secondo le disponibilità di tutti).

Articolazione: gli studenti, dopo un lavoro introduttivo, saranno invitati ad interagire con i relatori del convegno e a dare un supporto all'organizzazione dello stesso; sceglieranno fra le relazioni quella che li ha interessati maggiormente e su questa stenderanno l’elaborato che sarà seguito dal tutor e corretto dalla prof. Antonetti.

Impegno complessivo e crediti:

  • ore di frequenza: 30
  • ore di lavoro individuale: 20
  • totale ore di lavoro: 50

Si richiede il riconoscimento per gli studenti partecipanti di 2 CFU.

Tipo di verifica: verifica delle presenze mediante registro delle firme, redazione di un elaborato scritto e revisione critica dello stesso assieme alla tutor didattica e al professore responsabile dell’attività.

Alle radici dei diritti.  Incontri con le storiche, ottobre 2018 - gennaio 2019

Responsabile: Prof.ssa Adelisa Malena

Prerequisiti per la partecipazione: essere iscritti al corso di laurea in storia (triennale o magistrale)

Descrizione: la Società Italiana delle Storiche (sez. del Veneto) in collaborazione con  il Centro Donna del Comune di Venezia, l’Università Ca’ Foscari (Dipartimento di Studi Umanistici),  dopo il successo di adesioni riscontrato nelle edizioni dei precedenti anni,  organizza anche per il 2017 il CORSO DI FORMAZIONE Alla Radice dei diritti. Incontri con le storiche, rivolto a dipendenti comunali, associazioni, insegnanti, studenti e cittadinanza interessata. L’edizione di quest’anno intende mettere a fuoco in una prospettiva diacronica alcuni temi cruciali nella vita delle donne, sui quali si sono articolati nel corso del tempo resistenze, lotte, rivendicazioni, ma  anche originali contributi ed iniziative femminili: quello della religione, del lavoro, del potere, della guerra, della  violenza, della politica delle donne, in confronto con altri femminismi dell’area del Mediterraneo. Trattati da diverse docenti, esperte nei vari settori, gli incontri metteranno a fuoco queste tematiche dando opportuno rilievo anche alla dimensione locale nel quadro di un confronto nazionale e internazionale. Ogni incontro sarà dedicato a una parola-chiave della storia delle donne e del genere affrontata in forma diacronica (maternità, famiglia, economia, reclusioni, sentimenti-sessualità, femminismo, donne-famiglia nelle società mussulmane). Ai/alle partecipanti sarà distribuito materiale bibliografico.

Calendario: consultare la locandina allegata

Articolazione del corso:

Il corso sarà  articolato in 7 incontri più 1 introduttivo e 1 finale, per un totale di 21,30 ore.

Si svolgerà da ottobre a gennaio, con scadenza quindicinale. 

Ai frequentanti verrà fornito materiale bibliografico ed altri testi a supporto delle lezioni, che si avvarranno anche di  slides e power point. 

Al termine dalle relazioni verrà dato spazio a interventi e domande.

L’incontro finale sarà finalizzato ad un valutazione del corso e alla somministrazione di un test di gradimento.

Impegno complessivo e crediti:

  • ore di frequenza: 20
  • ore di lavoro individuale: 10
  • totale ore di lavoro: 30

CFU riconosiuti: si richiede il riconoscimento per gli studenti partecipanti di 1 CFU.

Tipo di verifica: breve relazione scritta da inviare a  adelisa.malena@unive.it

 

 

file pdfLocandina1.27 M

Donna e sport nella storia d'Italia, 9-10 novembre 2018

Responsabile: prof.ssa Alessandra Rizzi

Descrizione: partecipazione alle due giornate di convegno e redazione di una cronaca.

Calendario: Treviso, Palazzo dei Trecento, 9-10 novembre 2018

Impegno complessivo e crediti:

  • ore di frequenza: 13 per ascolto relazioni
  • ore di lavoro individuale: 12
  • totale ore di lavoro: 25

Si richiede il riconoscimento per gli studenti partecipanti di 1 CFU.

Tipo di verifica: redazione di una cronaca scritta

file pdfBrochure1.03 M

Laboratorio DEA, I semestre 2018/2019

Teoria e pratica della ricerca storica, II semestre

Responsabile: prof. Giorgio Politi

Descrizione: Teoria ed epistemologia della storia. La crisi in cui si dibatte attualmente la storia, così come tutte le scienze sociali di cui essa è parte, deriva dalla caduta ogni progettualità per il futuro che ha fatto seguito al crollo dei grandi sistemi ideologici novecenteschi, dovuta a sua volta alla rozzezza dei modelli antropologici su cui essi si fondavano. Il punto da cui ripartire è quindi la concezione dell’uomo, la formulazione di nuovi modelli antropologici possibile solo come frutto della collaborazione di tutte le scienze per l’uomo, a partire dalle scienze della vita (neuroscienze cognitive, genetica, etologia innanzitutto) che negli ultimi decenni hanno fornito contributi decisivi in tal senso. In tale contesto, ruolo specifico della storia è leggere i fenomeni nella loro temporalità; poiché però la temporalità è plurima (non esiste il tempo, ma i tempi, ovvero le durate specifiche dei diversi esseri) e la storia, chiamata a rispondere a bisogni contemporanei, è sempre storia contemporanea, essa va intesa non come impossibile ricostruzione del passato ma come scomposizione del presente lungo i molteplici piani temporali dalla cui intersezione il presente stesso risulta. In tale contesto la storia costituisce la componente essenziale di qualsiasi moderno umanesimo.
La pratica: scrivere storia. Molteplicità dei mondi e costruzione sociale della realtà. Porre il problema: l'individuazione del campo di studio. Le fonti secondarie e la loro esegesi: falsi e spirito del tempo. Le fonti primarie e la loro esegesi: lettura e datazione del documento mediante paleografia, cronologia, filigranologia. Sintassi formale del documento e diplomatica. Accessibilità materiale e intellettuale del documento nei suoi rapporti con il contesto documentario specifico e archivistica, generale e speciale. La pubblicazione delle fonti. edizione diplomatico-interpretativa ed edizione critica.

Articolazione:

A. 1. La storia è in crisi 2. perché è caduta ogni progettualità per il futuro 3. per il crollo dei grandi sistemi ideologici del secolo scorso 4. dovuto a sua volta alla rozzezza dei modelli antropologici su cui si fondavano. 5. Il punto da cui ripartire è quindi la concezione dell’uomo, concepibile solo come frutto della collaborazione fra tutte le scienze dell’uomo e per l’uomo, a partire dalle scienze della vita. In tale contesto 6. il ruolo della storia è di leggere i fenomeni nella loro temporalità. 7. Poiché però la temporalità è plurima (non esiste “il tempo” ma “i tempi”) e 8. la storia è sempre storia contemporanea, 9. essa va intesa non come ricostruzione del passato, ma come scomposizione temporale del presente. 10. In tale contesto la storia costituisce una componente essenziale di qualsiasi moderno umanesimo.

B. Creare storiografia. 1. La storia come elemento necessario della costruzione sociale della realtà. 2. L'individuazione del campo di studio. 3. Falsi, spirito del tempo ed esegesi delle fonti secondarie. 4. Le fonti primarie: lettura e datazione del documento mediante paleografia, cronologia, filigranologia. 5. sintassi formale del documento e diplomatica. 6. Accessibilità materiale e intellettuale del documento nei suoi rapporti con il contesto documentario specifico e archivistica, generale e speciale. 7. La pubblicazione delle fonti  e le edizioni diplomatico-interpretativa e critica.

Impegno complessivo e crediti:

  • Ore di frequenza: 30
  • Ore di lavoro individuale: 20
  • Totale ore di lavoro: 50

Riconoscimento CFU: si richiede il riconoscimento per gli studenti partecipanti di 2 CFU.

Tipo di verifica: al termine del corso gli studenti saranno invitati a scrivere una breve recensione di un testo a loro scelta entro una rosa di titoli coerenti con le tematiche trattate.

Last update: 17/10/2018