Programma attività formative

Il percorso formativo è strutturato in modo da affrontare, attraverso un approccio multidisciplinare, i diversi aspetti che oggi l’argomento ‘cibo-vino’ richiede: profonda conoscenza delle basi storico-culturali e produttive, strumenti operativi, tecniche innovative coniugando elementi di storia, geografia, antropologia, economia, marketing, legislazione, analisi sensoriale. Il Master intende fornire competenze in:

  • marketing e comunicazione per la valorizzazione e la promozione delle risorse agroalimentari ed enogastronomiche;
  • organizzazione e gestione di eventi legati ai prodotti agroalimentari sia all’interno delle aziende sia a livello territoriale;
  • conoscenza storica di un territorio e dei suoi prodotti;
  • progettazione di sistemi di ospitalità e di esperienza di visita turistica in azienda agroalimentare e nei territori di produzione;
  • strutturazione di itinerari incentrati su uno o più prodotti agroalimentari tipici, sull’enogastronomia tout court oppure integrata con altri filoni tematici territoriali, capaci di coinvolgere numerosi e diversi attori locali.

In particolare il Master in Cultura del cibo e del vino prevede le seguenti attività formative:

Il sistema agroalimentare

Il modulo intende delineare le caratteristiche del sistema agroalimentare in relazione ai caratteri differenziali del prodotto, all'evoluzione del comportamento del consumatore, alla struttura economica, gestionale ed organizzativa delle imprese, anche con riferimento al caso delle imprese e organizzazioni collettive. Approfondisce, inoltre, aspetti legislativi e di politica comunitaria relativi alla qualità, tipicità e sicurezza dei prodotti nel sistema agroalimentare. Una sezione del modulo è dedicata allo studio dei diversi canali distributivi, anche innovativi, in relazione alle specificità del prodotto.

Storia e cultura dell’agricoltura e del cibo

Agricoltura e cibo, modelli alimentari e governo delle risorse agrarie nel corso dei secoli e nelle diverse civiltà hanno sempre presentato una forte connessione.
È importante conoscere quando e come un prodotto e una pratica alimentare sono divenuti partecipi di quel processo evolutivo che costruisce l’identità e la tradizione di una comunità. Il modulo è finalizzato a far conoscere sia i momenti salienti della storia dell’agricoltura italiana e veneta, sia gli elementi basilari dei diversi sistemi alimentari: una grammatica che permetterà allo studente di appropriarsi degli strumenti conoscitivi e interpretativi per poter decifrare i diversi regimi alimentari che nei secoli, fino ai nostri giorni, hanno sostanziato le comunità urbane e contadine e, quindi, interpretare molti ‘perché’ della realtà attuale.
La didattica prende in considerazione gli elementi di storia dell’agricoltura e dell’alimentazione; l’antropologia dell’alimentazione; le connessioni individuabili dal rapporto cibo e letteratura, teatro, cinema; tra cibo e filosofia, religione e arte; aspetti della storia dell’editoria culinaria.

Management e marketing del Made in Italy

L’insegnamento introduce gli studenti agli strumenti e alle tecniche del management strategico, con particolare attenzione al raccordo esistente tra decisioni inerenti al modello di business, le strategie di marketing e le concrete iniziative di promozione e commercializzazione. L'insegnamento si articola in tre sottomoduli:
1. Strategia e business model design. Gli studenti apprenderanno, con un mix di approfondimenti teorici e problem-based learning, gli strumenti startegici fondamentali, con una particolare attenzione alla progettazione di modelli di business sostenibili nel medio-lungo termine e innovativi;
2. Marketing. Il modulo introduce gli studenti al marketing strategico, prestando particolare attenzione alla sua funzione di raccordo e interfaccia tra produzione/offerta ed evoluzione socio-culturale della domanda. Vengono forniti approfondimenti sui metodi e sulle tecniche di comunicazione e promozione del prodotto/servizio enogastronomico, sulle principali modalità di pianificazione delle iniziative di comunicazione e promozione, sulle modalità di gestione di budget e progetti promozionali;
3. Web marketing e web strategy. Il sotto-modulo avvia gli studenti all’esplorazine degli strumenti degli strumenti del digitale al servizio della promozione, del marketing e del commercio online del made in Italy agroalimentare.

Filiere agroalimentari e prodotti tipici

Il modulo intende offrire, con riferimento alle principali filiere agroalimentari (vino, lattiero-caseario, olio, ecc...) un panorama il più possibile dettagliato su aspetti produttivi (dalle tecniche agronomiche ai processi di trasformazione della materia prima), proprietà nutrizionali, classificazioni merceologiche, utilizzo degli alimenti in cucina e abbinamenti. Verranno forniti alcuni principi dell’analisi sensoriale e strumenti atti ad individuare i principali elementi di attrazione dei territori di produzione (terroir, paesaggio).

Internazionalizzazione delle imprese agroalimentari

L’insegnamento si propone di affrontare le tematiche relative ai processi di internazionalizzazione delle imprese agroalimentari con particolare riferimento a tre macro-aree: (1) la globalizzazione dei mercati e le implicazioni per il settore agroalimentare; (2) l’analisi e la scelta dei mercati esteri; (3) le modalità di entrata nei mercati esteri, e l’identificazione dell’approccio strategico più adatto alla loro gestione. Saranno discussi, anche attraverso interventi specialistici, presupposti, logiche strategiche e strumenti operativi.

Turismo enogastronomico

Il modulo intende indagare le possibili sinergie tra produzioni agroalimentari tipiche locali, valori di terroir e turismo. Da una conoscenza di base dei meccanismi di gestione che regolano il settore turistico si passa allo sviluppo di un’indispensabile visione interdisciplinare, utile per interpretare il fenomeno del turismo enogastronomico nelle sue diverse componenti identitarie e geografico-culturali, progettuali e gestionali, di prodotto, segmentazione e target, nell’ottica della qualità, sostenibilità e personalizzazione delle esperienze degustative e di visita. In particolare si mira a dare una formazione teorico-pratica per l’accoglienza e l’ospitalità nelle aziende che intendono avvicinarsi al turismo, nonché per l’organizzazione e gestione di eventi, anche a livello territoriale, legati all’enogastronomia. Infine, vengono fornite competenze per la realizzazione di itinerari e soggiorni da sviluppare attorno ad un prodotto centrale fortemente legato alla tradizione locale, ma orientato alla valorizzazione dell’intero contesto territoriale.

Stage ed elaborato finale

Il percorso formativo si completa con 300 ore di stage presso aziende o enti del settore agroalimentare in cui l'allievo possa avere un’esperienza diretta e mettere in pratica le competenze acquisite.
Gli iscritti che svolgono un lavoro inerente alle tematiche del Master possono effettuare l’attività di stage presso la propria sede lavorativa, previa presentazione di una dichiarazione del proprio datore di lavoro. L’eventuale esonero dovrà essere approvato con delibera del Collegio Docenti del Master.
Segue poi la stesura di un elaborato finale (Tesi di Master) sul progetto sviluppato nel corso del periodo di stage.

Last update: 15/09/2020