Tirocini e attività sostitutive

Il termine tirocinio (utilizzato nella normativa italiana vigente) e il termine francese stage, così come le traduzioni inglesi internship o traineeship, sono sinonimi e vengono utilizzati in modo interscambiabile nelle pagine web, nei regolamenti, nei moduli e nei documenti di Ateneo.

I tirocini e le attività sostitutive di tirocinio consistono nello svolgimento di un’attività formativa, di studio o di ricerca in un contesto specifico. Ogni studente deve acquisire il numero di crediti previsto dal proprio piano di studi. Si assegna 1 credito ogni 25 ore documentate di tirocinio o attività sostitutiva. Il totale di crediti previsti dal piano di studi può essere maturato anche cumulando diverse attività fra quelle indicate in questa pagina web.

Contatti

Per ulteriori informazioni si rimanda alla pagina dedicata all'attivazione di uno stage oppure si consiglia di rivolgersi al tutor del corso di laurea magistrale all'indirizzo  tutordsu.acel@unive.it.

Per gli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Antropologia culturale, etnologia, etnolinguistica (ACEL) il tirocinio prevede lo svolgimento di un’attività pertinente al corso di laurea, valutata prima dal docente Referente del Collegio Didattico:

Misure straordinarie per tirocinio e tesi   
Valide fino alla sessione autunnale di laurea 2022

Il Collegio Didattico ACEL riconosce due tipologie di attività sostitutive di tirocinio per cui gli studenti iscritti possono richiedere il riconoscimento crediti. 

  1. Tirocini con enti esterni all’università riconosciuti ufficialmente da Ca’ Foscari;
  2. Seminari, laboratori e attività di ricerca riconosciuti dal collegio didattico ACEL.

Nel punto 2, rientrano le seguenti tipologie:

  1. Laboratorio-DEA: 1 cfu per la partecipazione a 5 incontri + 1 cfu per relazione scritta di approfondimento su uno degli incontri a scelta da concordare con un docente ACEL. Valgono in modo equivalente al Lab-DEA anche gli incontri di “Femminismi contemporanei” e quelli del ciclo “Antropologi al lavoro”. Potrà inoltre essere chiesta l’attribuzione dei crediti cumulando il numero di incontri di questi differenti laboratori.
  2. Laboratorio laureandi: ciclo di incontri settimanali dedicati alla preparazione per il campo e stesura della tesi; vengono riconosciuti 3 cfu per la partecipazione attiva a 10 incontri + presentazioni in aula.
  3. Preparazione e stesura del progetto di ricerca per la tesi magistrale (research design) con la supervisione del relatore di tesi: 2 cfu.
  4. Approfondimenti bibliografici e tematici a scelta sotto la supervisione di un docente del Collegio Didattico ACEL, e accompagnati da una relazione scritta: 1 cfu ogni 25 ore di studio da concordare con il docente.
  5. Convegni e seminari elencati nella pagina ACEL.
  6. Partecipazione a convegni e seminari a scelta, previa autorizzazione del collegio didattico ACEL; riconoscimento solo con consegna di un attestato di presenza: numero di cfu definito dal Collegio Didattico in base all’impegno richiesto.
  7. Seminario internazionale “America Indigena” numero di crediti da concordare con il responsabile ai tirocini in base alle ore di impegno richieste per l'attività
  8. Seminario POIKILIA (corpo e potere). Resp. Sabina Crippa: 5 incontri seminariali di 3 ore l'uno, accreditabili da 1 a 3 cfu a seconda dell'impegno previsto.
  9. Corso di formazione “Antropologia storica” del mondo antico e didattica delle differenze”: numero di crediti da concordare con il responsabile ai tirocini in base alle ore di impegno richieste per l'attività.
  10. Partecipazione ai convegni annuali delle associazioni di antropologia nazionali e internazionali (SIAC, SIAM, SIAA, EASA, ecc.): numero di cfu definito dal Collegio Didattico in base all’impegno richiesto.

Tirocini

Per attivare un tirocinio curriculare, è necessario produrre i due documenti fondamentali, la convenzione (qualora non fosse già attiva) e il progetto formativo e di orientamento.

Nella pagina sullo stage in Italia per studenti dei corsi di laurea è indicata la procedura da seguire.

È inoltre possibile verificare le offerte attive e l'elenco delle aziende già convenzionate con l'Ateneo.

Conferenze, seminari, convegni

Viene riconosciuta la frequenza a conferenze o altre attività segnalate dai docenti (seminari, convegni, ecc.) previa approvazione del docente Referente del Collegio Didattico.

Ai fini del riconoscimento dei crediti di tirocinio, è necessario richiedere un attestato di presenza firmato e datato dagli organizzatori.

Gli studenti che necessitano di crediti per la riduzione di tasse o altri tipi di agevolazioni, devono avviare con congruo anticipo la richiesta di riconoscimento al Referente del Collegio Didattico sottolineandone l’urgenza.

Sono accreditabili senza previa valutazione di merito soltanto le conferenze settimanali del Laboratorio DEA. Per gli studenti iscritti alla magistrale ACEL, le conferenze del Laboratorio DEA vengono calcolate come attività sostitutiva di tirocinio nella misura di 1 CFU ogni 5 conferenze seguite integralmente dall’inizio alla fine. 

Al termine dell'attività lo studente dovrà far firmare il modulo per il riconoscimento di attività sostitutive di tirocinio al docente referente della singola attività sostitutiva e poi consegnare al Campus umanistico al raggiungimento del numero di CFU previsto dal piano di studi insieme al resto della documentazione.

ResponsabileProf.ssa Sabina CRIPPA - M/STO- 06 Storia delle religioni

DSU- Palazzo Marcorà e-mail:  scrippa@unive.it    poikilia@unive.it 

Prerequisiti per la partecipazione:  nessuno

Area di intervento (PNR – Horizon Europe): n. 2 Cultura umanistica, creatività, trasformazioni sociali, società dell’inclusione.

Titolo: Norma e Costruzione dell’umano

Il seminario Poikilia si fonda su uno stabile Gruppo di Ricerca coadiuvato a partire dal corrente anno accademico da un Comitato scientifico internazionale.

Proseguendo e ampliando quanto proposto gli anni scorsi, l’obiettivo del seminario, luogo di formazione per vocazione aperto e interdisciplinare, è far dialogare discipline diverse e complementari, non solo dell’ambito umanistico - quali storia, storia delle religioni, antropologia, archeologia, linguistica, letteratura e filosofia -  ma anche scientifico (economia, matematica, scienze naturali, informatica).

Negli incontri seminariali previsti verranno dunque sostenute e discusse ricerche di docenti e studenti volte ad analizzare e a discutere diversi aspetti della tematica proposta, "Norma e Costruzione dell'umano", in prospettiva interdisciplinare ed interculturale.

Per il corrente anno accademico ambito privilegiato di ricerca saranno dunque le differenti concezioni e costruzioni sociali dell'umano (teorie della persona e delle sue articolazioni, teorie del corpo, dei suoi elementi costitutivi, dei suoi limiti, delle pratiche culturali che ne derivano) in relazione alle molteplici declinazioni della norma (giuridica, etica, religiosa, scientifica, estetica, etc.), dei suoi diversi campi di applicazione (corpi, comportamenti, linguaggi, produzioni intellettuali e discorsive) e delle sue modalità di legittimazione.

Le riflessioni presentate saranno chiamate dunque a riflettere e discutere in modo critico, da differenti angolazioni, il ruolo normativo delle modalità di produzione e negoziazione dell'identità individuale e collettiva, compresa la costruzione culturale del genere, della razza o dell'etnia.

La partecipazione attiva degli studenti durante gli incontri è promossa in diverse forme, dalla discussione alla presentazione volontaria di ricerche originali, e costituisce un tratto distintivo del seminario.

Negli ultimi mesi, il gruppo di ricerca Poikilia, inoltre, ha avuto modo di ampliare la propria modalità di lavoro attraverso la creazione e lo sviluppo di una piattaforma telematica, un sito in collaborazione con Digital Humanities diretto dal Prof. Fischer, attraverso cui non solo avrà modo di promulgare la propria attività di ricerca e di didattica, ma anche di avvalersi pienamente del supporto interattivo di collaborazioni internazionali, già, comunque, precedentemente presenti. In particolare il sito ospiterà anche informazioni e documentazioni  provenienti dai gruppi di ricerca stranieri riguardanti attività internazionali in corso o in via di sviluppo.

Calendario: 6 incontri: 5 incontri seminariali che si svolgeranno nel corso del secondo semestre, il mercoledì, dalle 14 alle 16.30. Nel primo quadrimestre si svolgerà 1 ulteriore incontro introduttivo della durata di 2,5 ore.

Articolazione: Il seminario prevede 1 incontro introduttivo e 5 incontri seminariali, svolti da remoto (meet/Zoom) o in presenza in ottemperanza alle norme che saranno vigenti; negli incontri interverranno gli invitati (docenti italiani e stranieri, ricercatori, dottorandi di università italiane ed estere) e gli studenti che decidano di presentare oralmente un contributo; concluderà ogni incontro una discussione aperta tra i partecipanti – relatori ed uditori - di ordine tematico e metodologico.

Impegno complessivo e crediti

Ore di frequenza: 15 (6 incontri di 2,5 h)      

Ore di lavoro individuale: varia a seconda dell'impegno previsto

  1. 1 CFU (25 ore): partecipazione ai seminari, lettura di testi assegnati in preparazione a ciascun incontro.
  2. 2 CFU (50 ore): partecipazione ai seminari, lettura di testi assegnati in preparazione a ciascun incontro, presentazione di una relazione scritta frutto di letture aggiuntive e di ricerca personale ed originale sulle tematiche del seminario concordata con la responsabile o il GDR (la relazione può essere presentata anche oralmente prima della consegna su decisione del GDR)

Tipo di verifica: Relazione scritta (per i 2 crediti). Su proposta degli studenti e a discrezione del GDR i contributi degli studenti potranno essere presentati anche oralmente.

Ricerca sul campo

La ricerca etnografica può essere riconosciuta come attività sostitutiva di tirocinio. Prima dell’inizio della ricerca sul campo, lo studente deve discutere il progetto di tesi con il suo relatore. Al ritorno dal campo, al momento della presentazione della domanda di tesi, lo studente deve riempire l’apposito modulo per il riconoscimento della ricerca sul campo come attività sostitutiva di tirocinio.

Il modulo dovrà essere firmato e approvato prima dal docente relatore di tesi e poi dal Docente Referente per i Tirocini, prof.ssa Valentina Bonifacio per i tirocini a Venezia (o dal Presidente del corso di laurea magistrale ACEL) e dalla prof.ssa Donatella Schmidt per i tirocini a Padova.

Laboratori

Certificati linguistici

I certificati linguistici vengono considerati attività sostitutiva di tirocinio solamente se si presenta un attestato di valutazione finale, con relativo punteggio e previa approvazione del Referente per il tirocinio (il solo attestato di frequenza non è sufficiente).

Il riconoscimento non è mai automatico e il Referente per il tirocinio e il Collegio Didattico si riservano di valutare la qualità scientifica dell’attestato caso per caso.

Tirocini internazionali e programma Erasmus Placement

Qualora lo studente volesse fare una proposta di tirocinio, la documentazione del progetto di ricerca e/o il profilo del tirocinio da svolgere deve essere sottoposta al Docente Referente almeno 1 mese prima dell’inizio del tirocinio.

Per i docenti

I docenti interessati a promuovere nuove attività sostitutive di tirocinio possono farne proposta al Collegio didattico. Le attività non approvate preventivamente dal Collegio didattico non potranno essere riconosciute come CFU agli studenti.

Si tenga presente che almeno un terzo delle ore dell’attività sostitutiva deve essere svolta in presenza di almeno un docente e che l'attività deve prevedere la produzione, da parte degli studenti, di un elaborato che dovrà essere verificato da un docente. Nel caso in cui l'attività preveda dei costi per i partecipanti il docente promotore dovrà nella sua proposta indicarne l'entità e la giustificazione.

Il docente promotore di una nuova attività sostitutiva di tirocinio deve indicare esplicitamente al Collegio uno o più docenti referenti a cui gli studenti potranno rivolgersi per ricevere informazioni e per la consegna e la verifica dei materiali richiesti per l’attività (tesine, relazioni...). Il docente individuato come referente della attività sostitutiva di tirocinio provvederà infine a firmare il modulo per l'accreditamento dei CFU che lo studente dovrà poi consegnare al Campus umanistico.

Moduli

Last update: 20/01/2022