Tirocinio e attività sostitutive

Il termine tirocinio (utilizzato nella normativa italiana vigente) e il termine francese stage, così come le traduzioni inglesi internship o traineeship, sono sinonimi e vengono utilizzati in modo interscambiabile nelle pagine web, nei regolamenti, nei moduli e nei documenti di Ateneo.

Nell’ambito delle cosiddette “Altre attività formative”, il piano di studio prevede 6 Crediti Formativi Universitari (CFU) di Tirocini formativi e di orientamento.

I CFU relativi ai tirocini formativi e di orientamento si acquisiscono in primo luogo attraverso l'attività di stage.

I CFU si possono acquisire anche tramite attività sostitutive di tirocinio, scegliendo fra le attività che saranno indicate di volta in volta in questa pagina web.

Il riconoscimento in crediti delle attività di stage/tirocinio e delle attività sostitutive si fonda sull’impegno richiesto allo studente, secondo il principio per cui a 25 ore (comprensive di una quota di lavoro individuale) corrisponde 1 CFU. L’attribuzione del numero di crediti per le attività sostitutive di tirocinio è stabilita e verificata dal Collegio didattico (ed è dunque indicata e preventivamente resa nota agli studenti in riferimento a ciascuna attività proposta). Non si potranno riconoscere attività pregresse.

Gli studenti part-time hanno la possibilità di sostituire il tirocinio con un esame, previo parere favorevole del docente referente. 

Tirocinio curriculare

Durante il proprio percorso di studio, gli studenti possono svolgere un periodo di formazione professionale presso enti pubblici o privati convenzionati con l'Ateneo. L’attività di tirocinio viene riconosciuta in CFU per un massimo di 6 CFU.

La gestione amministrativa e l’avvio dei tirocini curriculari è curata dai Servizi di Campus umanistico, in collaborazione con Career service.

Per attivare un tirocinio, è necessario produrre i due documenti fondamentali, la convenzione e il progetto formativo.

Dalla propria Area Riservata è inoltre possibile verificare le offerte attive  e l'elenco delle aziende già convenzionate con l'Ateneo.

Gli studenti che intendono proporre l’attivazione di una nuova convenzione con un ente presso il quale svolgere il tirocinio possono consultare la procedura per l’attivazione dello stage, dove è reperibile anche la modulistica da inviare all’ente.

La procedura di attivazione dello stage va espletata prima dell'inizio dell'attività da parte dello studente. Il Collegio Didattico non prenderà in considerazione attività già svolte senza previo accordo con il docente referente.

Ciascun docente del Corso di Studio può essere tutor universitario, in relazione all'attinenza dell'insegnamento con il progetto formativo oggetto dello stage. Lo studente contatterà il docente che darà l'assenso e firmerà i documenti, previo colloquio se ritenuto necessario. A fine stage lo studente porterà la documentazione al docente e redigerà, se richiesta, una breve relazione sull'attività svolta. I documenti approvati saranno consegnati alla Segreteria dei Servizi didattici di Campus umanistico, via e-mail e previa scansione.

Nell’ambito delle attività formative definite "A scelta dello studente" (8 cfu) e "Altro" (5 cfu), il piano di studio prevede rispettivamente 

  • 6 CFU - esame a libera scelta
  • 2 CFU - obbligatori denominati "Seminari" si possono acquisire mediante la frequenza di attività seminariali organizzate da Ca’ Foscari o da altre Istituzioni culturali pubblicizzate sul sito d'Ateneo. Il docente che organizza l’attività sarà Tutor e certificherà la presenza dello studente. Per il riconoscimento di 1 cfu è necessaria la partecipazione almeno ad una giornata di seminario, più la stesura di una breve relazione finale. Alla fine dell’attività la documentazione completa va consegnata al Campus per la firma del Referente (prof.ssa Stefania Portinar). E’ possibile conseguire i 2 cfu con il prolungamento di 50 ore dello stage obbligatorio se gli obiettivi del progetto formativo lo richiedono. 
  • 5 CFU di Tirocinio curriculare obbligatorio
  • 6 CFU – Esame a scelta/Stage. L’esame a scelta può essere sostituito da un’ulteriore attività di stage. Si può quindi svolgere un tirocinio fino a 13 cfu, ma in questo caso lo studente deve:

    • predisporre un Progetto formativo finalizzato alla tesi di laurea magistrale, da presentare per l'approvazione al Coordinatore del Collegio Didattico, prima di iniziare il tirocinio e con il coinvolgimento del docente relatore. Il Progetto formativo dovrà essere fortemente professionalizzante.
    • alla fine del tirocinio, lo studente dovrà presentare al Coordinatore una relazione scritta di almeno 10 cartelle contenete un rapporto dettagliato sull'attività svolta, con analisi critica ed evidenza del raggiungimento degli obiettivi del progetto.

Non si potranno riconoscere attività pregresse.

Gli studenti part-time hanno la possibilità di sostituire il tirocinio con un esame, previo parere favorevole del docente referente. 

Tirocinio curriculare

Durante il proprio percorso di studio, gli studenti possono svolgere un periodo di formazione professionale presso enti pubblici o privati convenzionati con l'Ateneo. L’attività di tirocinio viene riconosciuta in CFU per un massimo di 13 CFU.

La gestione amministrativa e l’avvio dei tirocini curriculari è curata dai Servizi di Campus umanistico, in collaborazione con Career service.

Per attivare un tirocinio , è necessario produrre i due documenti fondamentali, la convenzione e il progetto formativo.

Dalla propria Area Riservata è inoltre possibile verificare le offerte attive  e l'elenco delle aziende già convenzionate con l'Ateneo.

Gli studenti che intendono proporre l’attivazione di una nuova convenzione con un ente presso il quale svolgere il tirocinio possono consultare la procedura per l’attivazione dello stage, dove è reperibile anche la modulistica da inviare all’ente.

La procedura di attivazione dello stage va espletata prima dell'inizio dell'attività da parte dello studente. Il Collegio Didattico non prenderà in considerazione attività già svolte senza previo accordo con il docente referente.

Ciascun docente del Corso di Studio può essere tutor universitario, in relazione all'attinenza dell'insegnamento con il progetto formativo oggetto dello stage. Lo studente contatterà il docente che darà l'assenso e firmerà i documenti, previo colloquio se ritenuto necessario. A fine stage lo studente porterà la documentazione al docente e redigerà, se richiesta, una breve relazione sull'attività svolta. I documenti approvati saranno consegnati alla Segreteria dei Servizi didattici di Campus umanistico, via e-mail e previa scansione.

Attività sostitutive di stage

Il Collegio didattico può riconoscere come crediti formativi le conoscenze e abilità professionali certificate, purché coerenti con gli obiettivi formativi del corso di studio.

Potranno essere riconosciute attività sostitutive di tirocinio su progetti specifici proposti dal Collegio Didattico.

All'avvio dell'attività, gli studenti compileranno l’apposito modulo reperibile in Area Riservata. Lo stesso, al termine dell'attività, sarà consegnato al Campus Umanistico,  firmato dal docente tutor della singola attiività, assieme ad eventuale altra documentazione, come registro presenze, report dell'attività svolta, relazione finale già valutata dal docente tutor.

Il Collegio didattico non riconoscerà attività pregresse e non autorizzate.

Conferenze e seminari

Il convegno, domandandosi se davvero New York ha rubato la scena all'Europa e in particolare a Parigi come capitale dell'arte a partire dal secondo dopoguerra, ispirandosi al quesito posto dal noto libro di Serge Guibault, How New York Stole the Idea of Modern Art, vuole indagare le strategie espositive degli artisti italiani in America, com'era la Roma della Dolce Vita rispetto alla New York underground degli anni Sessanta, se in Italia non abbiamo davvero la land art, come coraggiose giovani curatrici negli anni Ottanta hanno scoperto la Graffiti Art, nipote della street art dell'oggi. A cura di Sergio Marinelli e Stefania Portinari.

Il convegno si tiene all'Università Ca' Foscari Venezia, aula magna G. Trentin - Ca' Dolfin giovedì 16 dicembre 2021. 80 persone potranno essere in presenza a Ca' Dolfin, fino a 300 potranno seguire in streaming.

Per prenotare un posto in presenza o chiedere il link per lo streaming su zoom scrivere a dott.ssa Marianna Rossi ( marianna.rossi@unive.it).

Per gli studenti che seguissero il convegno e redigessero una relazione da inviare alla prof.ssa Stefania Portinari ( stefania.portinari@unive.it) è possibile ottenere il riconoscimento di 1 cfu

file pdfProgramma4.29 M

La giornata di studi è dedicata a Anton Maria Zanetti il Giovane, bibliotecario e critico d'arte italiano, erudito e storiografo veneziano, conservatore della biblioteca Marciana che nel 1771 si dedica ad un importante inventario sulle smisurate bellezze di Venezia, concepito in senso cronologico a partire dal XIV secolo. Nel 1773 viene incaricato dal Consiglio dei Dieci di stendere una catalogo di tutte le opere pittoriche pubbliche custodite nella città e nelle isole della Laguna, prevedendo anche la creazione di elenchi da consegnarsi agli amministratori di tali beni. A cura di Paolo Delorenzi, Paolo Pastres e Chiara Piva.

Il convegno si tiene all'Università Ca' Foscari Venezia presso la sede di Ca’ Dolfin, Aula Magna Silvio Trentin, il 1 dicembre 2021, in presenza.

Seguirà quanto prima locandina

per informazioni: prof. Paolo Delorenzi  paolo.delorenzi@unive.it

Per gli studenti di EGArt magistrale che seguissero il convegno e redigessero una relazione da inviare al prof. Paolo Delorenzi è possibile ottenere il riconoscimento di 1 cfu

 

Il programma del ciclo annuale di seminari RiVe (Centro Studi Rinascimento Veneziani) di quest’anno, dedicato all’«opera corale», vuole essere un’occasione per riflettere sulla coralità che il cantiere artistico del Rinascimento veneziano manifesta e sviluppa su piani ben definiti e distinti, ma allo stesso tempo fortemente intrecciati: la coralità di artefici, di committenza e dei mezzi espressivi.

Per informazioni: prof.ssa Valentina Sapienza  valentina.sapienza@unive.it

Per gli studenti di EGArt magistrale che seguissero l’intero ciclo di seminari e presentassero una relazione scritta è possibile ottenere il riconoscimento di 2 cfu, oppure 1 solo cfu per la metà del ciclo e la redazione di una relazione scritta da inviare alla prof.ssa Valentina Sapienza.

file pdfProgramma2.43 M

Descrizione: LUnAM è un "progetto pilota" di didattica e condivisione della ricerca ideato dall'Università Ca' Foscari di Venezia e dalle Gallerie dell'Accademia di Venezia: di esso fa parte una serie di conferenze tenute dai docenti di storia dell'arte di Ca' Foscari, legate ai temi delle collezioni del museo, aperte alla cittadinanza e ai nostri studenti, che tratteranno della firma degli artisti, di donne, sante e eroine nella pittura, di ritratti di famiglia del Settecento veneziano, della piazza di San Marco di 500 anni fa, dell'’incisione nordica nella pittura veneta del Cinquecento, delle collezioni d’arte contemporanea e dei giardini dipinti nel patrimonio delle Gallerie dell’Accademia.

Responsabile: Prof.ssa Valentina Sapienza

Eventuali prerequisiti: l'attività è riservata agli studenti iscritti al corso di laurea magistrale in Economia e Gestione delle Arti e delle Attività Culturali.

CFU + eventuale verifica finale: la partecipazione a 6 conferenze e la redazione di una breve tesina (da inviare alla prof.ssa Valentina Sapienza:  valentina.sapienza@unive.it) consentono agli studenti del corso di laurea magistrale in EGArt di conseguire 1 cfu per Attività sostitutiva di tirocinio. 

Università di Bologna, ottobre-dicembre 2021
Luca Zan, Franco Mancuso e Claudio Menichelli
Docente proponente: Maria Lusiani

Dal 15 ottobre al 10 dicembre 2021 si offre la possibilità di seguire il ciclo di seminari online "Storia, Sviluppo, Sostenibilità. Il caso di Venezia", organizzato dall'Università di Bologna (lingua: italiano).
Per programma e iscrizione gratuita (fino ad un massimo di 20 posti), scrivere a  maria.lusiani@unive.it entro venerdì 15 ottobre.
La documentata partecipazione a tutto il ciclo di 15 incontri consente il conseguimento di 2 CFU di seminari.

Descrizione: L’attività organizzata dalle studentesse dell’Associazione Femminismi Contemporanei avrà lo scopo di formare studentesse e studenti alla scrittura giornalistica, con un'attenzione particolare al formato del blog ealle tematiche di genere.

L'attività sarà divisa in due parti.

  • La prima prevede quattro incontri laboratoriali sulla scrittura giornalistica con una particolare attenzione ai temi di genere.
  • Nella seconda parte, invece, si chiederà a studentesse e studenti di mettere in pratica le nozioni imparate, formando una redazione che pubblicherà articoli per il blog dell'associazione.

Gli incontri sono stati organizzati e saranno gestiti dalla giornalista, scrittrice e poetessa Antonella Barina.

Gli/Le studenti che parteciperanno all’attività saranno un massimo di 10, per garantire la massima attenzione da parte della giornalista ai lavori individuali, e verranno selezionati tramite una breve prova scritta, decisa da Antonella Barina e secondo i criteri decisi dalla giornalista.

Per la selezione gli/le studenti devono scrivere all'indirizzo anna.lughezzani@gmail.com.

Le lezioni dureranno un totale di 12 ore, 3 ore a incontro.

In preparazione di ogni incontro, gli/le studenti partecipanti dovranno svolgere almeno 3 ore di lavoro di scrittura e di lettura a casa. Anche durante il quarto incontro verrà assegnato un esercizio, le ore di lavoro indipendente saranno quindi un totale di 12.
Questa prima parte laboratoriale durerà un totale di 24 complessivo di lezioni e lavoro autonomo.

  • Primo incontro - La base della notizia - Le cinque WDinamiche sociali della comunicazione / Dinamiche relazionali di redazione Basi etiche del lavoro giornalistico / Costruire credibilità nel webProva di scritturaSaranno accennate le basi etiche del lavoro giornalistico fondate sulle Carte deontologiche promulgate dalle associazioni di categoria e alla loro possibile applicazione nel web.
  • Secondo incontro - Le sette W - Il mito e la fiabaEros e thanatos / L'informazione non è una merce La privacy dei soggetti trattatiProva di scritturaSarà dato particolare rilievo alla funzione sociale dell'informazione nel sociale e alla necessità di rispettare la privacy e la sensibilità dei soggetti che ne diventano protagonisti.
  • Terzo incontro - Il linguaggio dei media - Le raccomandazioni per un uso non sessista della lingua La scrittura oggettiva e soggettivaLa prospettiva narrativa. Prova di scrittura
  • Quarto incontro - L'immagine - Esca o veicolo informativoArte e fotografia Diritto d'autore e di autrice Prova di scritturaSeconda parte – Lavoro di redazione Gli/le studenti partecipanti costituiranno una redazione e scriveranno articoli per il blog dell’Associazione per mettere in pratica le nozioni imparate. Gli verrà richiesto di scrivere 7 articoli su temi di genere della lunghezza di 3 cartelle ciascuno (7 x 15 ore = 105 ore di lavoro) e di gestire in autonomia il sito dell’Associazione. Dovranno, inoltre, promuovere gli articoli sui social media.

Periodo di svolgimento. L'attività sarà svolta durante l'anno accademico 2021-22, dal 25 novembre 2021 al 15 giugno 2022.

Attribuzione dei crediti. Poiché l’attività raggiunge le 150 ore di lavoro, a conclusione dell'intera attività verrà richiesta l'attribuzione di 6 CFU.

Modalità dello svolgimento. Le attività laboratoriali si svolgeranno in presenza presso gli spazi dell'Ateneo, mentre gli incontri di feedback successivi si svolgeranno nello spazio riservato alle associazioni studentesche presso la biblioteca CFZ

Docente referente Prof. Alberto Zava

Descrizione: il Centro Studi sulle Arti della Russia (CSAR), costituito all’interno del Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali dell’Università Ca’ Foscari Venezia, propone agli studenti dei Corsi di Laurea Magistrali in Storia delle Arti e Conservazione dei Beni Culturali e in Economia e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali un’attività sostitutiva di tirocinio denominata “Curatorial Traineeship”, prendendo parte attiva nella realizzazione dei progetti espositivi organizzati per il 2022 dallo CSAR.
Gli studenti lavoreranno in piccoli gruppi (max 3 unità ciascuno), secondo le assegnazioni stabilite dai docenti referenti.
Le attività saranno suddivise in 6 aree tematiche collegate a diversi eventi espositivi:

  • Allestimento e registrar
  • Grafica e catalogo
  • Ufficio stampa, comunicazione e social media
  • Educational
  • Attività collaterali
  • Project managing (presso Fondazione Ca’ Foscari, una unità)

Per proporre la propria adesione è necessario inviare un CV sintetico (una pagina) e una lettera motivazionale a  csar@unive.it entro e non oltre le ore 12 di martedì 30 novembre 2021.
Le selezioni verranno fatte entro il 10 dicembre.
Prima di Natale ci sarà un incontro con gli studenti selezionati.

Responsabile: è prevista una attività di formazione preliminare e specifica, curata dai docenti referenti e dai tutor.Docenti referenti:

  • prof.ssa Silvia Burini
  • prof. Giuseppe Barbieri
  • prof. Matteo Bertelé

Tutor:

  • dott. Stefania Amerighi (presso Fondazione Ca’ Foscari)
  • dott. Giovanni Argan
  • dott. Angela Bianco
  • dott. Giulia Gelmi
  • dott. Anastasia Kozachenko-Stravinsky
  • dott. Maria Redaelli
  • dott. Alexandra Timonina

Eventuali prerequisiti: per presentare la propria candidatura, oltre alle verificabili competenze maturate in ambito storico-artistico ed economico gestionale, si richiede una lettera motivazionale che attesti, tra l’altro, atteggiamenti di flessibilità operativa e inclinazioni al lavoro di gruppo e alla soluzione di problemi. È richiesta inoltre la conoscenza della lingua inglese (B2 e superiori).

CFU ed eventuale verifica finale: la collaborazione ammonta ad almeno 150 ore (corrispondente a 6 CFU) in cui le/i curatorial trainees assisteranno la segreteria scientifica e gli assistenti dei curatori in tutte le fasi di realizzazione delle mostre

Calendario: gennaio - settembre 2022


Mediatori culturali - percorso di  formazione e autoformazione
La partecipazione consente il riconoscimento dell'attività sostitutiva di tirocinio fino ad un massimo di 6 CFU.

Last update: 06/12/2021