Scheda del corso

Anno Accademico di riferimento: 2017/2018

Livello del titolo di studio

Laurea Magistrale

Classe

LM-38 (Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale)

Sede

Dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea, Palazzo Vendramin dei Carmini, Dorsoduro 3462, 30123 Venezia.
Per informazioni contattare la Segreteria didattica del Dipartimento,  didattica.dsaam@unive.it

Referente

Prof. Franco Gatti (coordinatore del collegio didattico,  fgatti@unive.it

Lingua

Italiano e Inglese

Modalità di accesso

Programmato: posti disponibili 170 di cui 20 posti Curriculum Lingua, politica e economia dei Paesi arabi, 70 posti Curriculum Language and Management to China, 30 posti Curriculum Lingua, società e istituzioni della Cina contemporanea, 50 posti  Curriculum Lingua, economia e istituzioni del Giappone.
Contingente riservato a studenti stranieri non comunitari residenti all'estero: 3 posti, di cui 2 riservati a studenti di nazionalità cinese, residenti in Cina, nell'ambito del Progetto Marco Polo.

Requisiti di accesso

L'ammissione al corso richiede un'adeguata personale preparazione, verificata attraverso un test di accesso, specifici requisiti curriculari maturati con l'acquisizione di un numero minimo di crediti in determinati ambiti disciplinari. e, in ingresso, È prevista, inoltre, la verifica della la conoscenza della lingua inglese a livello B2.
I requisiti di accesso sono verificabili nell'apposita pagina web.

Obiettivi formativi

Il corso di laurea magistrale in Lingue, economie e istituzioni dell'Asia e dell'Africa Mediterranea ha come obiettivo formativo la preparazione di laureati in possesso di una elevata competenza in una lingua dei Paesi asiatici o dell'Africa Mediterranea, con particolare attenzione ai linguaggi settoriali relativi all'ambito economico e giuridico, unita a una solida conoscenza della realtà economico-aziendale, giuridica, storico-politica e politico-sociale attinente all'area geografica oggetto dello studio e declinata in modo specialistico a seconda del curriculum scelto. Un elemento fondamentale di tale preparazione è la padronanza dei processi sociolinguistici e comunicativi peculiari alle aree in esame, tale da mettere il laureato in grado di risolvere problemi di natura pratica, etica e socio-antropologica insiti nella comunicazione interculturale e in vari aspetti della cooperazione internazionale. Il laureato, inoltre, avrà competenze informatiche e telematiche sia generali che legate alle specifiche realtà linguistiche di riferimento (software per la scrittura in lingue con alfabeti diversi da quello latino o non-alfabetiche, utilizzo e compilazione di database in tali lingue, ecc.), nonché una conoscenza approfondita dei principali strumenti di ricerca e delle relative metodologie, nel campo delle istituzioni sociali, politiche, economiche e giuridiche dell'Asia e dell'Africa Mediterranea.

Curricula / percorsi

  • Lingua, politica e economia dei Paesi arabi: lingua di studio arabo
  • Language and Management to China: lingua di studio cinese. In questo curriculum la lingua di insegnamento per i moduli diversi da quelli di lingua cinese è l'inglese.
  • Lingua, società e istituzioni della Cina contemporanea: lingua di studio cinese
  • Lingua, economia e istituzioni del Giappone: lingua di studio giapponese

Profili professionali

I laureati potranno operare, con funzioni di elevata responsabilità, nell'ambito delle relazioni presso imprese e istituti finanziari attivi sui mercati dell'Asia e dell'Africa Mediterranea, inserirsi come funzionari, con mansioni ad alto livello, in enti pubblici locali, nazionali e internazionali, in organizzazioni del volontariato e in istituzioni e organismi internazionali operanti nei settori della cooperazione e degli aiuti allo sviluppo.

Potranno altresì svolgere la loro attività professionale e di expertising presso enti e istituzioni nell'ambito dell'integrazione economica, sociale e culturale, nel settore del giornalismo specialistico e dell'editoria tecnico-scientifica, nella consulenza specialistica in campo economico-finanziario e nell'ambito della tutela delle lingue immigrate.

Modalità di frequenza

Libera

Esami di profitto e prova finale di laurea

L'attività formativa prevede lezioni frontali, laboratori e stage al fine di acquisire competenze ampie spendibili nel mondo del lavoro.
Durante tutto il percorso universitario le conoscenze apprese dallo studente verranno verificate attraverso esami di profitto scritti e orali.
La prova finale consiste nella stesura di una tesi che dovrà possedere caratteri di originalità, documentazione e approfondimento scientifico esauriente e verrà discussa davanti a una commissione composta da professori universitari ed esperti.

Accesso a studi successivi

Master di I e II livello e Dottorato di Ricerca.