Tirocinio/stage

Lo stage è un periodo di formazione on the job offerto a studenti e neolaureati per acquisire conoscenze e competenze professionali spendibili nel mondo del lavoro, sperimentando una situazione concreta di vita aziendale.

É un'attività obbligatoria prevista nel piano di studio di tutti i corsi di laurea e laurea magistrale. Lo stage può essere collegato alla prova finale ed è consigliato svolgerlo durante l'ultimo anno di corso.

Per calcolare la durata del tirocinio è necessario moltiplicare il numero di crediti previsti dal proprio piano di studio per 25 ore: per esempio 6 CFU = 150 ore, 9 CFU = 225 ore, 12 CFU = 300 ore.

Stage in Italia
Gli studenti interessati a trovare uno stage in Italia possono consultare le offerte e candidarsi seguendo le indicazioni riportate nell’apposita sezione.

Stage all'estero
Ca’ Foscari promuove e organizza tirocini in tutto il mondo. Agli studenti che scelgono di svolgere il tirocinio all’estero l’Università attribuisce punti bonus per il voto finale di laurea.

Come scegliere il tutor universitario
Dopo aver individuato un’offerta o un contatto utile ed esserti candidato secondo le modalità previste, dovrai chiedere l’accettazione del progetto formativo al tutor universitario. Potrai scegliere come tutor un docente dell'area economica, preferibilmente un docente la cui disciplina sia affine a quella dello stage che intendi svolgere. Per eventuali chiarimenti puoi anche rivolgerti al Presidente del Collegio Didattico del tuo corso di studio.


Regolamento stage del Corso di Laurea

Prima di attivare uno stage consulta il regolamento stage del tuo Corso di studio, nel quale sono indicati durata, requisiti e tutor universitari a cui presentare il progetto formativo.

Regolamento per lo svolgimento di tirocini/stage in Italia e all'estero

  1. Finalità
    Il tirocinio mira a valorizzare la comprensione dei processi decisionali, strutture e meccanismi di coordinamento; in subordine, consente di conoscere ruoli operativi, funzioni e mansioni presenti nei contesti aziendali internazionali. Il tirocinio può essere svolto all’estero o in Italia.
    In particolare, il tirocinio all’estero permette di ampliare le conoscenze dei mercati internazionali e dei sistemi economici e competitivi di altri paesi, sviluppando le capacità di operare in contesti organizzativi internazionali e migliorando le proprie conoscenze linguistiche.
  2. Destinazioni estere
    Il tirocinio all’estero può essere svolto presso aziende e istituzioni pubbliche e private straniere e italiane con sede all’estero, business center, imprese, camere di commercio italiane e straniere all’estero, organismi internazionali, uffici delle università, ecc. 
  3. Durata
    Deve avere una durata di un minimo di 150 ore certificate dal tutor aziendale, corrispondenti a 6 crediti formativi universitari (CFU), da svolgersi in un periodo minimo di 1 mese.
  4. Requisiti
    Al momento della presentazione della domanda per il tirocinio lo studente deve essere, di norma, iscritto al 3° anno ed avere registrati almeno 72 CFU.
    Nel caso di stage all’estero, lo studente deve aver superato l’esame della lingua del paese in cui si svolgerà il tirocinio oppure l’esame della lingua veicolare.
  5. Domanda di stage per destinazioni bandite dall’Ateneo
    Lo studente per intraprendere il tirocinio all’estero dovrà seguire le indicazioni della pagina stage all’estero.
  6. Copertura assicurativa
    L’Università ai fini dello svolgimento del tirocinio copre gli studenti con le assicurazioni infortuni sul lavoro e la responsabilità civile.
  7. Avvio dello stage
    Le modalità comuni di avvio dello stage si trovano alle pagine: 

    Lo studente deve allegare al progetto formativo una copia del piano di studi stampata attestante il possesso dei requisiti richiesti per l’avvio dello stage. Per la firma del progetto formativo, gli studenti si dovranno rivolgere ad un docente referente in base alla suddivisione per cognome degli studenti. I docenti referenti saranno individuati dal Collegio didattico e manterranno la responsabilità fino a nuova deliberazione del Collegio didattico.

    • Gruppo docente 1 (prof.ssa Diana Barro) per studenti con cognome che inizia con le lettere da A a Buona 
    • Gruppo docente 2 (prof.ssa Martina Nardon) per studenti con cognome che inizia con le lettere da Buonc a Del
    • Gruppo docente 3 (prof.ssa Giuliana Martina) per studenti con cognome che inizia con le lettere da Dem a Len
    • Gruppo docente 4 (prof. Mariella Lamicela) per studenti con cognome che inizia con le lettere da Leo a Pasi
    • Gruppo docente 5 (prof.ssa Francesca Parpinel) per studenti con cognome che inizia con le lettere da Pasl a Sen
    • Gruppo docente 6 (prof. Paolo Pellizzari) per studenti con cognome che inizia con le lettere da Seo a Z

  8. Report finale sullo stage
    Il report finale dovrà essere redatto dallo studente con particolare riferimento agli obiettivi raggiunti (e le eventuali difficoltà riscontrate) durante il tirocinio.
  9. Chiusura dello stage e riconoscimento crediti
    Concluso il tirocinio all’estero, lo studente ha 15 (quindici) giorni per rientrare in Italia e presentare al Settore Stage all’Estero il registro delle presenze in originale, debitamente formato dal tutor aziendale e controfirmato dallo stagista.
    Prima della consegna dei documenti, lo studente deve presentare al docente/tutor universitario il registro assieme ad un report sulle attività svolte durante lo stage.
    Il docente/tutor universitario valuterà, dopo aver ricevuto il report sullo stage, sentito il resoconto dello studente e letto la valutazione del tutor aziendale, il riconoscimento dei 6 cfu per un minimo di 150 ore di lavoro svolte (1 cfu corrisponde a 25 ore lavorative).
  10. Casi particolari
    Lo stage può essere interrotto solo per gravi e comprovati motivi e comunque previa richiesta, inviata per e-mail al Settore Stage di competenza. Si dovrà compilare in seguito il modulo di variazione stage, dopo aver avuto l’approvazione del tutor aziendale e del tutor universitario.

Versione PDF

file pdfRegolamento stage Commercio estero28 K

Riconoscimenti, stage in sovrannumero o sostitutivo CFU libera scelta

Per richieste inerenti al riconoscimento di attività sostitutive di stage, a tirocini con CFU in sovrannumero o in sostituzione di esami a libera scelta, contatta il Campus di Treviso  treviso@unive.it.

Tirocinio in sovrannumero

È possibile inserire in piano di studio un tirocinio in sovrannumero, cioè in aggiunta ai CFU totali già previsti dal tuo Corso di studio, con una modifica del piano di studio valutata dal Collegio Didattico.

La richiesta va inoltrata al tuo Campus di riferimento prima di intraprendere l’attività di stage in tutti i seguenti casi: 

  • tirocinio ulteriore a quello curriculare già svolto
  • tirocinio che preveda un numero di ore superiori a quello curriculare
  • proroga di un tirocinio in itinere

Dovrai compilare l’apposito modulo di modifica del piano di studio e trasmetterlo via e-mail al tuo Campus di riferimento assieme alla documentazione in esso indicata.

file pdfModifica piano di studio per tirocinio/stage117 K

Il campus sottoporrà la modifica del piano al Coordinatore del Collegio Didattico per l’autorizzazione. In caso di esito positivo, a conclusione dello stage dovrai trasmettere la documentazione prevista per ottenere il riconoscimento finale.

Una volta ottenuto il riconoscimento finale, il Campus invierà la documentazione al Settore Carriere Studenti per l’aggiornamento della carriera.

Tirocinio in sostituzione di un esame a libera scelta

I collegi Didattici consentono la sostituzione di esami a libera scelta con il tirocinio solo in condizioni particolari.

Prima dell'inizio dello stage dovrai compilare l’apposito modulo per richiedere la modifica del piano di studio che andrà trasmesso via e-mail al tuo Campus di riferimento, assieme alla documentazione in esso indicata.

file pdfModifica piano di studio per tirocinio117 K

Il Campus invierà la documentazione al Coordinatore del Collegio Didattico per l’autorizzazione preventiva.
Se hai ottenuto l'autorizzazione preventiva, dovrai conservare il modulo fino al termine del tirocinio e poi richiedere il riconoscimento finale, ritrasmettendo tutto al tuo Campus di riferimento.

Una volta ottenuto il riconoscimento finale, il Campus invierà la documentazione al Settore Carriere Studenti per l’aggiornamento della carriera. 

É possibile inserire il tirocinio tra i crediti a libera scelta:

  • nei corsi di laurea per un massimo di 18 CFU complessivi nel percorso formativo.
  • nei corsi di laurea magistrale per un massimo di 6 CFU. Inoltre non si possono prevedere complessivamente più di 12 CFU di tirocinio in un piano di studi.

Ulteriori crediti di attività di tirocinio possono essere riconosciuti come CFU in sovrannumero.

Questi limiti valgono sia per le lauree del nuovo ordinamento D.M. 270/04 che per le lauree dell’ordinamento D.M. 509/99.

Riconoscimento volontariato, collaborazioni studentesche o stage con AIESEC

Altre attività di stage non convenzionate con l’Ateneo o di volontariato possono essere riconosciute previa valutazione del Coordinatore del Collegio Didattico.
Prima di intraprendere l’attività richiedi una valutazione preventiva inviando il progetto formativo/documentazione inerente al tuo Campus di riferimento che lo sottoporrà al Coordinatore del Collegio Didattico.
Una volta terminata l’attività invia tutta la documentazione in tuo possesso al Campus che lo sottoporrà al Coordinatore del Collegio per il riconoscimento finale.

Se sei interessato a svolgere uno stage con AIESEC, consulta la normativa per richiederne il riconoscimento.

Vi è inoltre la possibilità di svolgere una collaborazione studentesca partecipando a un bando. Per richiedere il riconoscimento della collaborazione, una volta conclusa, dovrai inviare al tuo Campus di riferimento una dichiarazione del responsabile dell’Ufficio/Settore, che attesti la durata dell'attività, le ore mediamente svolte e le mansioni svolte. Il Coordinatore del Collegio Didattico valuterà la richiesta e autorizzerà di volta in volta l'attribuzione o meno dei crediti.

Riconoscimento attività lavorativa come sostitutiva di stage

In sostituzione del tirocinio curriculare possono essere riconosciute diverse attività che andranno sottoposte e valutate di volta in volta dal Coordinatore del Collegio Didattico in base all’attinenza con il tuo corso di laurea/laurea magistrale.

Il tirocinio obbligatorio può essere sostituito da attività lavorativa svolta per esempio presso un’impresa o uno studio professionale. Per richiedere il riconoscimento dell’attività lavorativa dovrai inviare al tuo Campus di riferimento:

  • una copia del contratto di lavoro;
  • una dichiarazione del datore di lavoro che attesti la durata dell'attività, le ore mediamente svolte, e le mansioni svolte.
file rtfModello dichiarazione stage del datore di lavoro40 K

In caso di attività lavorativa in proprio, dovrai inviare una visura camerale dell’azienda (o analoga certificazione) e un’autocertificazione dettagliata che specifichi:

  • la natura e la durata dell'attività
  • le mansioni svolte
  • le competenze acquisite

e riporti la denominazione di eventuali aziende/clienti o fornitori con cui hai collaborato.

file rtfModello autocertificazione stage da attività lavorativa in proprio76 K

Il Coordinatore del Collegio Didattico, dopo avere valutato la pertinenza della richiesta pervenuta, può autorizzare l’attribuzione dei crediti.
L’attività lavorativa svolta prima dell’immatricolazione, ai fini del riconoscimento del tirocinio curriculare:

  • per i corsi di laurea può essere considerata purché sia coerente con il corso di studio intrapreso;
  • per i corsi di laurea magistrale non può essere considerata.

L’attività lavorativa può essere riconosciuta solo in sostituzione del tirocinio obbligatorio.

Per la richiesta di riconoscimento dell’attività lavorativa come sostitutiva di stage sono previsti i seguenti passaggi:

  • prima di procedere consulta la normativa sul riconoscimento
  • compila il form di richiesta
  • invia a  docu.comes@unive.it, in formato .pdf, la copia del contratto di lavoro e idonea dichiarazione del datore di lavoro, che attesti la durata dell'attività e la sua pertinenza rispetto agli argomenti tipici della laurea che si intende conseguire (vedi il modello indicato nella normativa sul riconoscimento)

Ti sarà spedita un'e-mail con il giudizio sulla domanda effettuata.

Scadenze per le richieste di riconoscimento:

  • richiesta entro il 20 novembre: comunicazione dell’esito a partire dal 1 dicembre
  • richiesta entro il 20 gennaio: comunicazione dell’esito a partire dal 1 febbraio
  • richiesta entro il 20 marzo: comunicazione dell’esito a partire dal 1 aprile
  • richiesta entro il 20 maggio: comunicazione dell’esito a partire dal 1 giugno
  • richiesta entro il 20 agosto: comunicazione dell’esito a partire dal 1 settembre

Last update: 18/07/2018