Speaker

RESEARCH COMMUNICATION WEEK 2020  
21-26 settembre 2020

Alberto Cairo

Alberto Cairo

Alberto Cairo è un giornalista e designer infografico, da molti anni alla guida di team di esperti di grafica e visualizzazione dei dati in diversi Paesi. Nel 2012 è entrato a far parte della School of Communication dell'Università di Miami, dove tiene corsi di infografica e visualizzazione dei dati.

È inoltre direttore del Center for Visualization, Data Communication & Information Design presso Institute for Data Science and Computing dell’Università di Miami, e membro della facoltà presso il Centro Abess per la scienza e la politica dell'ecosistema.

Nell'ultimo decennio, Cairo ha insegnato e offerto consulenza in quasi trenta Paesi, lavorando per Microsoft, Google, la National Guard of the United States, e molte altre società e istituzioni. È stato relatore di numerose conferenze su data journalism, data science e visualizzazione e ha ricevuto numerosi riconoscimenti.

Alberto Cairo ha anche scritto per il New York Times e la rivista Scientific American ed è autore di numerosi libri. La traduzione italiana del suo ultimo libro, How Charts Lie: Getting Smarter About Visual Information (W.W. Norton, 2019), sarà pubblicata nel settembre 2020 con il titolo Come i grafici mentono. Capire meglio le informazioni visive da Raffaello Cortina Editore.

Vieni a conoscerlo al panel How charts lie. Author’s chat with Alberto Cairo.

Elsa Fornero

Elsa Fornero

Elsa Maria Fornero è economista, accademica, e politica. Dal 2011 al 2013 ha ricoperto la carica di ministro del Lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, nel governo Monti.

Ha ricoperto l’incarico di professore ordinario di Economia politica presso la Facoltà di Economia dell'Università di Torino, insegnando Macroeconomia ed Economia del risparmio, della previdenza e dei fondi pensione.

Nella sua lunga e prestigiosa carriera accademica, Elsa Fornero ha ricoperto numerosi ruoli di rilievo e ricevuto numerosi riconoscimenti in ambito nazionale ed internazionale.

Al centro delle sue ricerche c'è il problema della sostenibilità dei sistemi pensionistici, vale a dire come si può assicurare che il debito previdenziale contratto con le varie generazioni possa essere onorato. Ha inoltre collaborato come editorialista per il quotidiano economico e finanziario "Il Sole 24 ore".

Vieni a conoscerla al panel Comunicare l’economia oggi.

Sebastiano Barisoni

Sebastiano Barisoni

Sebastiano Barisoni si laurea in relazioni internazionali a Firenze. Giornalista professionista dal 1996, dopo tre anni di esperienza a Londra a Bloomberg Television, approda nel 1999 a Radio 24 dove si occupa di finanza e risparmio conducendo inizialmente "Salvadanaio" per passare in seguito all'attualità economica di "Focus Economia", realizzato con i protagonisti della giornata economico-finanziaria ed il contributo di giornalisti e analisti de Il Sole 24 Ore.

Ha percorso tutti i passaggi nell'organigramma di Radio 24 fino a diventarne Vicedirettore Esecutivo nel 2013. Da ottobre 2015 membro del Board di Oxfam Italia, ONG internazionale, specializzata in aiuti umanitari e progetti di sviluppo.

Vieni a conoscerlo al panel Comunicare l’economia oggi.

Beatrice Mautino

Beatrice Mautino

Beatrice Mautino, alias @divagatrice, è biotecnologa con un dottorato di ricerca in Neuroscienze e un master in comunicazione della scienza.

Oggi è divulgatrice e giornalista scientifica e si occupa della progettazione e organizzazione di eventi divulgativi. Dopo dieci anni da freelance, dal 2016 è co-fondatrice di FRAME - Divagazioni scientifiche con cui, dal 2017, organizza il Food&Science Festival di Mantova, il primo festival al mondo dedicato al rapporto fra scienza e cibo.

È anche autrice con Dario Bressanini di “Contro natura” (Rizzoli) e curatrice di un blog su Le Scienze (La ceretta di Occam) il cui scopo è di andare alle basi del mondo della cosmetica, ragionando sulle formulazioni e sfatando qualche mito, temi che riprende in “Il trucco c’è e si vede” e “La scienza nascosta dei cosmetici” (Chiarelettere, 2018 e 2020).

Collabora inoltre con giornali e riviste e cura mostre ed eventi scientifici di rilievo internazionale. Nella sua attività nei social si occupa di diffondere informazioni (e divagazioni) sui cosmetici visti attraverso gli occhi della scienza e con una buona dose di sano spirito critico. Con le sue acute stories su Instagram ha ad oggi collezionato più di 124.000 follower mentre il suo canale YouTube conta quasi 70.000 iscritti, collezionando decine di migliaia di visualizzazioni.

Vieni a conoscerla al panel La scienza approda su Instagram.

Marco Cattaneo

Marco Cattaneo

Marco Cattaneo è fisico e giornalista scientifico da più di vent'anni. Presente nella redazione de Le Scienze dal 1991, nel 2006 ne diviene direttore responsabile. Oltre alla redazione e all'organizzazione del mensile, cura i contatti redazionali con le edizioni internazionali di Scientific American e si occupa dell'ideazione e della programmazione dei prodotti ancillari della testata.

Per Le Scienze S.p.A. è direttore responsabile anche di Mente&Cervello, mensile di psicologia e neuroscienze nato nel 2003, di cui ha curato la progettazione sia in termini di contenuti sia in termini di grafica.

Ha collaborato con frequenza ad altre testate nazionali, sia quotidiane che periodiche, con articoli di argomento scientifico e reportage di viaggio pubblicati, tra gli altri, da Il Giorno, La Repubblica, Airone, Meridiani, Cosmopolitan, Verve.

Nel 2006 è diventato direttore responsabile di Le Scienze e Mente&Cervello, e dal dicembre 2010 è direttore di National Geographic Italia. Ha ricevuto il Premio Voltolino per la divulgazione scientifica (2001) e il Grand Prix dell'Associazione Francese Scrittori di Viaggio (2008). È coautore dell'opera in tre volumi Il Patrimonio mondiale dell'Unesco (White Star, 2002-2004; 2012) e di Le città del mondo (White Star, 2005).

Vieni a conoscerlo al panel La scienza approda su Instagram

Dania Movia

Dania Movia

Dania Movia è Senior Research Fellow del Dipartimento di Medicina Clinica del Trinity College di Dublino, dove nel 2012 ha conseguito un dottorato di ricerca in Chimica. Nel 2018, ha ottenuto uno Special Purpose Certificate in Academic Practice dalla stessa università.

Il suo attuale lavoro di ricerca si concentra sullo sviluppo di nuove metodologie di approccio (NAM) che possono sostituire gli studi sugli animali nella ricerca sul cancro. La sua visione di ricerca a lungo termine è un mondo in cui la ricerca biomedica è priva di animali e la scoperta di farmaci anti-cancro può condurre a trattamenti tempestivi ed economici, assicurando che i pazienti ricevano sempre la migliore terapia possibile.

A livello europeo, è Trinity co-Principal Investigator nel progetto EC-H2020 BIORIMA. Fa anche parte dello Scientific Advisory Panel di Animal-Free Research UK, un ente di beneficenza per la ricerca medica che finanzia e promuove tecniche che non prevedono la sperimentazione su animali. Inoltre è Expert Evaluator per la Commissione Europea nell'ambito del programma H2020, membro del gruppo di esperti del progetto SAToRIBTR e Topic Editor per la rivista Frontiers Bioengineering and Biotechnology.

Infine, è membro del Social Media Advisory Board della Trinity School of Medicine.

Vieni a conoscerla al panel La scienza approda su Instagram

Roberta Villa

Roberta Villa

Giornalista scientifica specializzata nei temi della salute, Roberta Villa è attualmente assegnista di ricerca per l’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove collabora al progetto europeo QUEST per la comunicazione della scienza in Europa.

È membro del nucleo strategico del NITAG, National Immunization Technical Advisory Group del Ministero sulle vaccinazioni e della task force della Presidenza del consiglio contro la disinformazione su Covid-19. Fa parte del team che produce il sito “Dottore, ma è vero che…” per la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO).

È autrice di un e-book inchiesta sul caso Stamina, dal titolo “Acqua sporca” (2014), scritto con Antonino Michienzi, del libro “Vaccini. Il diritto di non avere paura”, distribuito nel 2017 con il Corriere della Sera e riedito nel 2019 dal Pensiero scientifico editore. Nello stesso anno 2019, insieme con Silvio Garattini, ha scritto anche “Il guerriero gentile. La mia vita, le mie battaglie”, edito da Solferino.

È molto attiva sui social network, dove sperimenta un approccio semplice e confidenziale alla divulgazione scientifica.

Vieni a conoscerla ai panel La scienza approda su Instagram e Guns, Germs, and Covid-19. Why science communication needs metaphors.

Dagmar Paulus

Dagmar Paulus

Dagmar Paulus ha conseguito un Master presso l'Università Humboldt di Berlino e un dottorato di ricerca presso l'Università di Nottingham. I suoi interessi di ricerca includono la cultura della memoria tedesca nel XIX secolo, il nazionalismo, la letteratura russa e la letteratura di viaggio.

Nel suo primo libro, pubblicato nel 2014, analizza le opere storiche di Wilhelm Raabe, uno dei principali sostenitori del realismo tedesco, e confrontando la sua visione della storia tedesca con fonti storiografiche contemporanee. L’obiettivo dell’opera è quello di mostrare il ruolo vitale della memoria culturale nei discorsi politici dell'epoca, anche se il termine stesso non era ancora stato coniato.

Dal 2013 è docente della University College London (UCL). Attualmente, Paulus lavora ad uno studio che esplora le interconnessioni tra paesaggio e nazionalismo durante il nazionalsocialismo.

Vieni a conoscerla al panel Guns, Germs, and Covid-19. Why science communication needs metaphors.

Fabiana Zollo

Fabiana Zollo

Fabiana Zollo è Assistant Professor presso il Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica e Assegnista di Ricerca presso il Centro per le Scienze Umanistiche e il Cambiamento Sociale dell'Università Ca' Foscari Venezia.

La sua ricerca indaga la diffusione di informazioni e disinformazione, le dinamiche sociali e l'emergere di narrazioni collettive sui social media online. Ha scritto diversi articoli su questo argomento, sia con coautori nazionali che internazionali.

È responsabile scientifico per Ca' Foscari del progetto europeo H2020 QUEST sulla qualità e l'efficacia della comunicazione scientifica, e del progetto europeo REC IMSyPP sui sistemi innovativi per il monitoraggio e la prevenzione dell'incitamento all'odio online.

Dal 2019 presta servizio come esperto esterno presso l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA). Dall'aprile 2020 è membro della Task Force “Data Science” istituita dall'AGCOM, l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. È inoltre membro del Gruppo di lavoro istituito dalla Presidenza italiana del Consiglio per studiare il fenomeno della disinformazione su COVID-19.

Vieni a conoscerla al panel La scienza approda su Instagram

Stephen Flusberg

Stephen Flusberg

Stephen Flusberg è professore associato di psicologia e direttore della facoltà di pedagogia presso il Purchase College (SUNY - State University of New York). Ha conseguito una laurea in Psicologia e Religione presso la Northwestern University e un master in Psicologia e un Dottorato in Psicologia Cognitiva alla Stanford University.

Flusberg è direttore del laboratorio di psicologia Everyday Cognition Lab (ECL), dove assieme ai suoi studenti studia come le persone pensano e ragionano sul mondo che li circonda, come queste abilità vengono modellate dall'esperienza collegandosi ai processi sociali e cognitivi più basilari e in che modo tali intuizioni hanno un impatto sul mondo reale.

Flusberg ha condotto numerose ricerche sul ruolo della metafora nella comunicazione e nel pensiero quotidiano, esaminando come le metafore riflettono e modellano gli atteggiamenti e il ragionamento su questioni complesse e astratte come il cambiamento climatico, il ruolo delle forze dell’ordine nel mantenimento dell’ordine pubblico, e l'economia.

Vieni a conoscerlo al panel Guns, Germs, and Covid-19. Why science communication needs metaphors.

Marina Chiara Garassino

Garassino

 

Marina Chiara Garassino è attualmente Responsabile della Struttura Semplice di Oncologia Medica Toraco-Polmonare, facente parte della Struttura Complessa di Oncologia Medica 1, presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale di Tumori di Milano, uno dei più importanti centri oncologici in Italia e uno dei più importanti in Europa.

Ha contribuito a oltre 160 pubblicazioni peer-reviewed, tra cui pubblicazioni come primo o ultimo autore in Lancet Oncology, JCO, Annals of Oncology, New England Journal of Medicine. Ha tenuto diverse presentazioni a congressi internazionali tra cui ASCO, AACR, ESMO, ECCO, WCLC, per i quali ha partecipato anche alla stesura dei programmi scientifici.

Ha completato la sua formazione con una borsa di studio ESMO nel 2009 presso il Christie's Hospital di Manchester e conseguito un Master in Management in Oncologia presso l'Università di Economia e Commercio "Luigi Bocconi". E’ stata rappresentante nazionale ESMO per 8 anni (2011-2019).

Attualmente ricopre la carica di ESMO Chair delle National Societies ed è membro di diverse task force ESMO (Public Policy extended Committee, Press Committee, Publishing Working Group, Women for Oncology). È la fondatrice e presidente di Women for Oncology Italy.

Vieni a conoscerla al panel Guns, Germs, and Covid-19. Why science communication needs metaphors.

 

 

Germano Buttazzo

Germano Buttazzo

Professionista con quasi 20 anni di esperienza nel settore tecnologico, Germano Buttazzo riesce a coniugare l'impegno professionale con la passione per la vela e per la sua terra di origine, il Salento. Laureato in ingegneria presso il Politecnico di Bari e con un Master in Business Administration presso la SDA Bocconi, Germano ha iniziato la sua carriera in ruoli di project management, sviluppando successivamente il suo percorso professionale in ambito commerciale e manageriale.

Da sempre attivo in aziende ad alto tasso di innovazione come Teradata, Business Objects e SAP, dal 2013 è in LinkedIn Italia, dove attualmente ricopre l'incarico di Head of Sales.

Vieni a conoscerlo al workshop Brevetti: il linguaggio delle invenzioni

Matteo Moretti

Matteo Moretti

Premiato designer, è co-fondatore di Sheldon.studio, il primo studio che si concentra sulla progettazione di esperienze immersive attraverso l’uso dei dati. Matteo Moretti è docente presso la Facoltà di Design della Libera Università di Bolzano, presso l'Università di San Marino, l’Università di Firenze, la SPD di Milano e guest-professor al MADD, il master di data-design dell’Elisava di Barcellona. Nel 2020 ha conseguito l'Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN) come professore associato.

Moretti è co-fondatore della piattaforma di ricerca sul giornalismo visivo all'Unibz - dove riunisce i lavori dei suoi studenti - e di designformigration.com, la prima piattaforma che raccoglie progetti di design legati ai recenti fenomeni migratori europei. Attraverso la piattaforma, Moretti ha esplorato nuove pratiche di design sociale, presentate nel libro "Socio- Social- Design. Design practices for new perspectives on migration” (Corraini, 2019).

I suoi progetti di ricerca di design, presentati in numerose conferenze accademiche ed eventi come TEDx e Visualized.io hanno ricevuto il Data Journalism Award 2015, l'European Design Award 2016 e 2017. Moretti è stato anche membro della giuria al World Press Photo 2017-18 (Categoria immersive journalism) e uno dei 100 ambasciatori del design italiano nel mondo 2018, nominato dal Ministero degli Affari Esteri.

Vieni a conoscerlo al panel How charts lie. Author’s chat with Alberto Cairo.

 

 

Gianluca Briguglia

Gianluca Briguglia

Gianluca Briguglia è professore di Storia delle dottrine politiche all'Università di Venezia Ca' Foscari. Ha fatto ricerca e insegnato in importanti università e centri europei, come l'Accademia Austriaca delle Scienze, l'EHESS di Parigi, l'Università di Vienna e la LMU di Monaco di Baviera, contribuendo alla riscoperta e allo studio della filosofia politica medievale.

È stato direttore della Facoltà di Filosofia dell'Università di Strasburgo, dove ha insegnato Filosofia medievale. Dal 2020 è responsabile della School of Humanities dell'Università Ca' Foscari.

Tra i suoi libri Stato d'innocenza. Adamo, Eva e la filosofia politica medievale (Carocci 2017), Le pouvoir mis à la question (Belles Lettres 2016), L'animale politico. Agostino, Aristotele e altri mostri medievali (Salerno 2016), Marsilio da Padova (Carocci 2013) e Il pensiero politico medievale (Einaudi 2018). È collaboratore del supplemento culturale della domenica de “Il Sole 24 Ore”, e scrive per «Il Post».

Vieni a conoscerlo al panel Guns, Germs, and Covid-19. Why science communication needs metaphors.

Alice Corona

Alice Corona

Alice Corona lavora come libera professionista offrendo consulenza nel campo della comunicazione, visualizzazione ed elaborazione dei dati. Insegna inoltre in corsi universitari e seminari, sia presenza che online.

Alice ha conseguito una laurea in Storia presso l'Università di Siena e un Master in Scienze della comunicazione e dell'informazione presso l'Università di Tilburg. Dal 2014 lavora nel campo del data journalism e dell’alfabetizzazione dei dati, prima come libera professionista, poi come data journalist presso la startup Silk ad Amsterdam fino al 2016, e poi di nuovo come libera professionista.

Dal 2018, Alice Corona è leader del progetto di Batjo, un progetto finanziato dalla Google Digital News Initiative (DNI) che promuove l'uso della data physicalization e aiuta i giornalisti ad acquisire nuove abilità digitali. Lavora anche con attivisti e organizzazioni no profit, come OCIO, un laboratorio con sede a Venezia che monitora i dati e elabora proposte politiche su temi di accessibilità abitativa e diritto dei residenti.

Vieni a conoscerla al panel How charts lie. Author’s chat with Alberto Cairo.

Elena Semino

Elena Semino

Elena Semino insegna Stilistica, Lingua Inglese, e Linguistica Cognitiva alla Lancaster University, dove è anche direttrice del Center for Corpus Approaches to Social Science. È inoltre visiting professor presso la Facoltà di Lingue Straniere dell'Università di Fuzhou in Cina.

Prima di entrare a far parte del Dipartimento, ha insegnato italiano come lingua straniera al Napier Polytechnic di Edimburgo e alla Lancaster University.

I suoi interessi di ricerca riguardano la comunicazione sanitaria, le medical humanities, la stilistica e la teoria e l'analisi delle metafore. Nel suo lavoro combina l'analisi qualitativa con metodi della linguistica dei corpora.

Vieni a conoscerla al panel Guns, Germs, and Covid-19. Why science communication needs metaphors.

Enrico Luzzatto

Enrico Luzzatto

 

 

Enrico Luzzatto è direttore della Direzione Principale “Patent Knowledge” – Ufficio Europeo dei Brevetti (European Patent Office - EPO). Luzzatto ha studiato Chimica presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” conseguendo la laurea con lode nel 1985. Nel 1986 entra a far parte del dipartimento di ricerca e sviluppo di un'azienda italiana (RADIM S.p.A.) che produce diagnostica umana.

È entrato a far parte dell'EPO nel 1989 come esaminatore. Nel 1998 ha superato l'esame di qualificazione europea. È diventato direttore nel febbraio 2010 nel cluster "Chimica organica pura e applicata" e ha gestito tre direzioni in diversi settori tecnici: usi medici di sostanze naturali, cosmetici, composti organici, loro metodi di preparazione e usi.

È stato anche attivo nella formazione di esaminatori EPO (corsi introduttivi generali per neo-assunti e corsi avanzati, in particolare sulla procedura di opposizione) e ha dato presentazioni su questioni di brevettabilità in biotecnologia e chimica, nonché su questioni procedurali in numerose conferenze e seminari.

Nel gennaio 2018 è entrato a far parte della European Patent Academy come Senior Advisor e da gennaio 2020 lavora nella direzione principale Patent Knowledge.

Vieni a conoscerlo al workshop Brevetti: il linguaggio delle invenzioni.


 

 

Massimo Palladino

Massimo Palladino

Massimo Palladino si laurea in Chimica pura presso l'Università degli Studi di Milano e si specializza in EniChem dapprima come ricercatore e, dal 1992, nella stesura di domande di brevetto e relativa prosecution, principalmente nel campo dei polimeri.

Nel 1993 diventa responsabile dell'ufficio brevetti della società SAES Getters S.p.A., attiva nel campo della chimica inorganica, con particolare riferimento alle leghe metalliche. Sviluppa una ventennale esperienza come consulente brevettuale aziendale, conseguendo l’abilitazione italiana (1999) ed europea (2007).

Dal 2008 presso Notarbartolo & Gervasi, società di consulenza internazionale per la gestione della proprietà industriale, si occupa della stesura e del deposito di domande di brevetto a livello nazionale, europeo ed internazionale e della prosecution delle domande presso l’EPO e i principali Uffici Brevetti extranazionali nel campo della chimica in generale. Ha esperienza in numerose procedure di opposizione e appello presso l’Ufficio Europeo dei Brevetti, nonché come consulente di parte in cause brevettuali dinanzi a tribunali italiani.

È membro dell’Associazione Internazionale per la Protezione della Proprietà Intellettuale (AIPPI).

Vieni a conoscerlo al workshop Brevetti: il linguaggio delle invenzioni.

Fabio Pittarello

Fabio Pittarello

Fabio Pittarello è ricercatore in Informatica presso il Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica dell'Università Ca 'Foscari di Venezia, dove insegna interazione uomo macchina e information visualization per i corsi di laurea triennale in Informatica e di laurea magistrale in Computer Science, e web and user experience design per la nuova laurea magistrale in Digital e Public Humanities. Insegna sistemi interattivi all’Accademia di Belle Arti di Venezia per i curricula in Nuove Tecnologie per l’Arte.

Nell'ambito della sua attività di ricerca ha pubblicato circa 100 articoli nelle pagine di conferenze e riviste scientifiche di rilevanza internazionale. I suoi attuali interessi di ricerca comprendono aspetti teorici e applicativi dell'Interazione uomo-computer (HCI), con particolare riferimento all'interazione nel web, nella realtà aumentata e virtuale, all’informatica pervasiva e basata sull’uso di interfacce tangibili, in contesti legati alle digital humanities, all’arte e alle scienze ambientali.

Ha collaborato con partner industriali ed enti pubblici e privati, come BMW Italia, La Biennale di Venezia, Palazzo Grassi, la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli al Lingotto.

Vieni a conoscerlo al panel How charts lie. Author’s chat with Alberto Cairo.

Filippo Tognazzo

Filippo Tognazzo

Filippo Tognazzo è attore professionista e autore SIAE, nonché regista e formatore. Nel 2001 si laurea in discipline del teatro al DAMS di Bologna, specializzandosi poi a Milano nel teatro applicato alla formazione e all’educazione.

Dal 2008 è direttore artistico di Zelda, una compagnia teatrale professionale con la quale conta più di 800 repliche. È stato regista del Festival Ad Alta Voce promosso da Coop Alleanza 3.0 e di Futura Genova 2018 del MIUR.

Come formatore e regista ha collaborato con numerose realtà nazionali, proponendo corsi di teatro e public speaking presso aziende, università, scuole, fondazioni, enti pubblici, enti di ricerca e associazioni no-profit.

Nel 2012 è fra i vincitori del Premio Città Impresa 2012 come Fabbricatore di Idee e sviluppo promosso dal Corriere della Sera. Nel 2017 il suo spettacolo STARLIGHT settemillimetridiuniverso, prodotto in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), viene trasmesso su RAI Scienze, RAI Scuola e RAI play.

Attualmente collabora con continuità con l’Università Ca’ Foscari Venezia nell’ambito del Public Speaking e Storytelling d’impresa. Dal 2020 è Presidente di RES - REte dello Spettacolo dal vivo.

 

Vieni a conoscerlo al workshop Corso di Public Speaking.

Serena Giacomin

Serena Giacomin

Serena Giacomin è laureata in Fisica, con specializzazione in Fisica dell’Atmosfera e Meteorologia. Ha frequentato il Master RIDEF su Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica al dipartimento di energia del Politecnico di Milano.

Dal 2015 è meteorologa certificata del centro Meteo Expert, climatologa e consulente manageriale per la gestione del rischio climatico. Inoltre, è Presidente dell’Italian Climate Network, docente, divulgatrice scientifica, e formatrice di De Agostini Scuola.

Conduce le rubriche meteo e di approfondimento climatico in onda sui canali Mediaset e tramite le principali radio nazionali. Oltre alle attività di analisi previsionale, è impegnata nel Progetto Scuole per portare meteo e clima tra i banchi dei bambini e dei ragazzi di oggi.

Autrice del libro ‘Meteo che Scegli, Tempo che Trovi. Guida alle previsioni su App, Web e TV’ un manuale alla portata di tutti per distinguere una previsione affidabile da una meteo-bufala.

Vieni a conoscerla ai panel La scienza approda su Instagram.

Monia Azzalini

Monia Azzalini

Monia Azzalini è socia dell’Osservatorio di Pavia, dove si è formata come ricercatrice subito dopo la Laurea in Filosofia nel 1994. Nel corso degli anni si è occupata di diverse tematiche attinenti ai media studies (agenda setting, comunicazione politica, educazione ai media, informazione, par condicio, pluralismo di genere, pluralismo sociale, TV e minori), specializzandosi prevalentemente in ricerche empiriche su media e genere, diversità e inclusione.

Dal 2005 è co-coordinatrice del Global Media Monitoring Project per l’Italia. È autrice di numerosi saggi, articoli e contributi scientifici, fra cui (con K. Ross) “The WIME Study: Contexts, Methods and Summaries, in K. Ross & C. Padovani (eds), Gender Equality and the Media. A Challenge for Europe, Taylor and Francis, New York and London, 2017.

È co-ideatrice del portale 100esperte.it, una banca dati online, che raccoglie 100 nomi e CV di esperte nell’ambito di Science, Technology, Engineering and Mathematics (STEM), tutti settori storicamente sotto-rappresentati dalle donne e al contempo strategici per lo sviluppo economico e sociale del nostro Paese.

Nel settembre 2018 ha iniziato un dottorato in Scienze del Linguaggio all’Università Ca’ Foscari Venezia, con un progetto di ricerca sull’uso della lingua nella costruzione delle identità di genere dentro e attraverso i media.

Vieni a conoscerla a Comunicare l’economia oggi.

Riccardo Puglisi

Riccardo Puglisi

Riccardo Puglisi è economista, professore universitario, e redattore de lavoce.info. Puglisi ha studiato all’Università di Pavia (dottorato in finanza pubblica) e alla London School of Economics and Political Science (PhD in economia).

Dopo essere stato visiting lecturer al dipartimento di scienze politiche del MIT e Marie Curie Fellow all’ECARES (Université Libre de Bruxelles), attualmente è professore associato in economia politica all’Università di Pavia. Si occupa principalmente di political economy, ed in particolare del ruolo politico dei mass media.

Vieni a conoscerlo al panel Comunicare l’economia oggi.

Alessandro Tommasi

Alessandro Tommasi

Alessandro Tommasi è Co-Founder & CEO di Will Media. Laureato in Commercio internazionale a Milano, si specializza successivamente presso l’ISPI e la London School of Economics. Durante gli anni dell’università è assistente al Parlamento Europeo. Ha lavorato nell’ufficio relazioni istituzionali di Confindustria e poi 4 anni presso CattaneoZanetto&Co, la società leader in Italia nell’ambito di public affairs, lobbying e political intelligence; è stato poi in Airbnb e Lime.

Nel gennaio 2020 co-fonda Will Media, startup d’informazione su Instagram e che oggi conta un seguito di oltre 450mila followers.

Vieni a conoscerlo al panel Comunicare l'economia, oggi

Martina Perotti

Martina Perotti

Martina Perotti è laureata in Filologia Moderna con specializzazione in Editoria letteraria, scientifica e culturale all’Università Cattolica di Milano. Dal 2012 si occupa della produzione dei contenuti per le sezioni informative del sito airc.it e degli altri siti e newsletter di AIRC e guida il team che si occupa della gestione dei profili social della Fondazione. Dal 2018 coordina le attività di comunicazione sui media digitali della Fondazione.

Le attività di comunicazione di AIRC comprendono la divulgazione scientifica dei risultati della ricerca sul cancro, gli interventi per la prevenzione, la promozione delle campagne di raccolta fondi e le attività nelle scuole e nelle università.

Vieni a conoscerla al panel La scienza approda su Instagram