VESCOVO Pier Mario

Qualifica
Professore Ordinario
Telefono
041 234 7207
E-mail
vescovo@unive.it
Fax
041 234 7250
SSD
DISCIPLINE DELLO SPETTACOLO [L-ART/05]
Sito web
www.unive.it/persone/vescovo (scheda personale)
Struttura
Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali
Sito web struttura: https://www.unive.it/dip.fbc
Sede: Malcanton Marcorà

Piermario Vescovo – Curriculum vitae

 

Piermario Vescovo (1959) è professore ordinario di Discipline dello spettacolo presso l'Universitò di Venezia, dove prima è stato ricercatore e professore associato di Letteratura italiana (per cui pure ha conseguito l’idoneità di prima fascia).

Si è laureato in Lettere e ha proseguito gli studi a Venezia (Scuola di perfezionamento in filologia neolatina, Dottorato di ricerca in italianistica).

Ha insegnato come professore invitato presso varie Università straniere, tra cui Paris III, Paris-Sorbonne, Ecole Normale Supérieure (Paris-Lyon), Clermont-Ferrand.

La gran parte delle sue pubblicazioni riguarda la drammaturgia italiana, con particolare riferimento a Ruzante, Calmo, Andreini, i pregoldoniani, Goldoni, Gozzi, Gallina, Nievo e con numerose edizioni critiche di testi, tra cui "Rodiana" e "Travaglia" di Andrea Calmo, "Baruffe chiozzotte" e "L’Uomo prudente" di Carlo Goldoni, di Tutto il teatro di Giacinto Gallina, delle Commedie di Ippolito Nievo e di commedie inedite di Carlo Gozzi. Si è occupato di teoria e storia della teoria teatrale ("Entracte. Drammaturgia del tempo"; "A viva voce. Percorsi del genere drammatico", Venezia, Marsilio, 2007 e 2015), della memoria e dell'immaginazione del teatro e dei generi teatrali tra età tardoantica ed età moderna.

Tra i campi di interesse privilegiati anche quello del rapporto tra letteratura e arti visive (con qualche sconfinamento sul terreno della storia dell’arte, da Giorgione a Giandomenico Tiepolo).

È segretario scientifico dei Comitati delle Edizioni nazionali delle opere di Carlo Goldoni, Carlo Gozzi e Ippolito Nievo (Marsilio editori, Venezia), fa parte del comitato scientifico di "Engramma" e "Drammaturgia", è  vicedirettore di"Studi Goldoniani", redattore di "Studi sul Boccaccio", "Quaderni Veneti”. Co-direttore di "Rivista di Letteratura Teatrale".

 

Ha fatto parte dei gruppi di ricerca interuniversitari italiani (PRIN -direttore dell’unità di ricerca di Venezia per il PRIN 2008) ha partecipato e partecipa a progetti dedicati alla fortuna europea del teatro italiano dal XVI al XVIII finanziati dai rispettivi ministeri dalle Università Paris-Sorbonne (CNRS), Barcelona-Autónoma, Santiago de Compostela.

È socio corrispondente dal 2021 dell'Istituto Veneto di Scienze, lettere ed arti.

 

Affianca all’attività di ricerca la pratica teatrale diretta, curando traduzioni e riduzioni per la scena e come regista. Ha frequentato nella seconda metà degli anni ‘70 la scuola del teatro a l’Avogaria di Venezia, allora diretta da Giovanni Poli. Ha collaborato con lo stesso teatro fino al 1983 (presso la stessa è tornato ad insegnare dal 2011). Ha messo in scena da allora come regista – da solo o in collaborazione – una trentina di spettacoli, con particolare riferimento alla tradizione teatrale veneta, coltivando tra gli interessi principali quello del teatro di figura. Ha realizzato spettacoli, tra gli altri, per il Mittelfest, la Biennale di Venezia, Napoli Teatro Festival, Estate Teatrale Veronese.

Dal 2021 è direttore artistico del Teatro Stabile di Verona.