Progetti di ricerca

Al proprio interno lo CSAR ha sviluppato e sviluppa progetti pluriennali di ricerca e laboratori scientifici, che coinvolgono, docenti, dottorandi, studenti avanzati, stagisti e studiosi internazionali.
Molte di queste indagini si sono tradotte in pubblicazioni di rilevante spessore (anche internazionale) e hanno consentito di stabilire proficue relazioni con università, centri di ricerca, fondazioni, istituzioni museali e culturali.

Progetti di ricerca

in collaborazione con Intesa Sanpaolo Arte Cultura Beni storici

Il progetto triennale prevede la progettazione di attività espositive per l’attualizzazione e la valorizzazione della più importante raccolta di icone antico-russe dell’Europa Occidentale conservate nella sede museale delle Gallerie d’Italia, a Palazzo Leoni Montanari, Vicenza (la prima è consistita nella mostra “Kandinskij, Gončarova, Chagall. Sacro e bellezza nell’arte Russa” (5 ottobre 2019-26 gennaio 2020); il progetto di riallestimento della mostra permanente della raccolta di icone antico-russe; la progettazione e la gestione di attività didattiche e di alta divulgazione volte alla valorizzazione della collezione stessa.

in collaborazione con Fondation Lepercq, Bermuda
in collaborazione con Accademia Carrara, Bergamo

Il progetto prevede attività di catalogazione e descrizione scientifica delle icone di una importante collezione privata con possibili destinazioni museali e coinvolge studiosi italiani e specialisti russi.

in collaborazione con la Fondazione Internazionale Ocean Art Projects

A partire dall’organizzazione dell’installazione Subtiziano, evento collaterale della 53ª Biennale Internazionale d’Arte (2009), e del convegno internazionale di studi a essa collegata, il progetto si è sviluppato nella collaborazione alle diverse e successive edizioni veneziane del Padiglione dell’Antartide, approdando alla monografia di Silvia Burini e Giuseppe Barbieri, Alexander Ponomarev. The Second Voyage, Milano-New York, Rizzoli New York, 2020 (pp. 367)

in collaborazione con le Università di Tallinn e Tartu, Estonia

Lo CSAR dedica periodicamente una forte attenzione alla semiotica della cultura fondata da Jurij Lotman, soprattutto nelle sue possibili relazioni con l’ambito degli studi storico-artistici. Questo progetto si è concretato in numerose pubblicazioni scientifiche, seminari di studio e nel convegno internazionale (Università Ca’ Foscari, Venezia, Auditorium Santa Margherita, 26 – 28 novembre 2013) “Le muse fanno il girotondo: Jurij Lotman e le arti”, che ha prodotto un importante volume di atti: Le muse fanno il girotondo: Jurij Lotman e le arti, a cura di Matteo Bertelé, Angela Bianco, Alessia Cavallaro, Edizioni Ca’ Foscari, Venezia 2019 (riedizione). ISBN 978-88-6969-353-3 [https://edizionicafoscari.unive.it/en/edizioni4/libri/978-88-6969-353-3/]

 
in collaborazione con Archivio Storico delle Arti Contemporanee (ASAC), La Biennale di Venezia

Dalla sua fondazione lo CSAR collabora con il Ministero della Cultura della Federazione Russa per le attività inerenti all’organizzazione e alla gestione del Padiglione nazionale ai Giardini. Nel corso della 57ª edizione della Biennale i proff. Silvia Burini e Giuseppe Barbieri hanno affiancato il Commissario del Padiglione, Semyon Mikhailovsky, nella curatela del progetto espositivo “Cambio di scena”. Nelle ricerche sulla storia precedente del Padiglione si è impegnato soprattutto il prof. Matteo Bertelé, che ha dedicato al problema una recente monografia (Arte sovietica alla Biennale di Venezia (1924-1962), Milano-Udine, Mimesis, pp. 344 (ISBN 9788857557090) e sostanziali contributi alla miscellanea Russian Artists at the Venice Biennale, 1895-2013, Moskva, Stella Art Foundation (ISBN 9785904652067)

Progetti di collaborazione

in collaborazione con il Forum-Dialogo Italo-Russo delle società civili

Lo CSAR collabora attivamente da anni con il Forum di Dialogo, nella partecipazione ai tavoli istituzionali, nell’organizzazione di incontri di confronto (come quelli inseriti nel programma “Le Stagioni russe in Italia”), nella progettazione di attività espositive russe in Italia e italiane in Russia. Di recente la prof.ssa Silvia Burini, co-direttrice dello CSAR, è stata indicata come co-presidente per la parte italiana del gruppo cultura.  

CSAR collabora con il progetto di comunicazione intitolato "Ca' Foscari on the Map" coordinato dal settore Promozione e Reclutamento/Outreach and Recruitment. Il progetto ha come scopo far conoscere le attività di ricerca e didattiche dell'Ateneo all'estero. Le newsletter, preparate in 4 lingue (russo, turco, cinese e spagnolo), escono tre volte all'anno (febbraio, giugno ed ottobre), e presentano un range di contenuti, scelti/prodotti per i loro pubblici linguistico-culturali specifici: la maggior parte sono traduzioni di articoli pubblicati sulla magazine dell'ateneo, Cafoscarinews, mentre altri sono contenuti creati ad hoc, come interviste con professori, ricercatori o studenti internazionali dell'Ateneo. Tale iniziativa è collegata al progetto di Ateneo chiamato "Offices in the World", che prevede l'apertura di uffici rappresentativi all'estero su territori strategici, tra cui quello di Mosca, presso un importante partner universitario, la Higher School of Economics.

Laboratori

in collaborazione con il Centro dei Festival Cinematografici e dei Programmi Internazionali e Mosfil’m
Kandinskij, Gončarova, Chagall. Sacro e bellezza nell’arte russa – catalogo della mostra, Skira, 2019
SubTiziano di Alexander Ponomarev - installazione site specific - Canal Grande, Venezia, 1 giugno-22 ottobre 2009
Jurij Lotman, “Vily” (Forconi) n. 1. Archivio Università di Tallinn.