MARIOTTI Marcella Maria

Qualifica Ricercatore Universitario
Telefono 041 234 9528
E-mail mariotti@unive.it
cafoscari_japanese_studies@unive.it - Ca' Foscari Japanese Studies
jalea@unive.it - JApanese LEArning Research Team
itadict@unive.it - MARIOTTI Marcella
placement.japan@unive.it - Placement Japan
Web www.unive.it/persone/mariotti (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea
Sito web struttura: http://www.unive.it/dsaam
Sede: Palazzo Vendramin

AVVISO TESI TRIENNALI LICSAAM GIAPPONE - Proposta di tesi

Pubblicato il 10/01/2017

Si consiglia di consultare QUESTO LINK per verificare il carico di tesi già accettate da ciascun docente (cliccare sui tab che riportano i nomi dei docenti, sottostanti al documento stesso).

Si consiglia inoltre di VERIFICARE gli argomenti d'interesse di ciascun docente consultando la rispettiva pagina web personale e le relative pubblicazioni.

Lo studente deve concordare con il docente della materia la modalità, contattandolo con adeguato anticipo al ricevimento o (se il relatore ne indica la disponibilità) per email, per sottoporgli la propria proposta di tesi.


Lo studente può richiedere la tesi solo dopo aver superato l’esame di Lingua giapponese 2.

Indipendentemente dalla tipologia, ANCHE per quanto riguarda le tesi di traduzione, la proposta di tesi deve essere composta da:

- titolo

- abstract (max. 1000 caratteri, vd. sotto)

- indice/sommario

- bibliografia di almeno 4-5 titoli.

Per l'a.a. 2015/2016, gli studenti che devono svolgere la tesina triennale (area giapponese) per la prova finale possono rivolgersi ai seguenti docenti di ruolo del DSAAM, indipendentemente dagli anni di corso in cui questi insegnano o dal fatto che gli studenti li abbiano avuti o meno come propri docenti. Ciascun docente potrà accettare massimo 10 tesi a sessione, senza dover dare precedenza all’ordine di arrivo. È a discrezione del docente  accettarne ulteriori in sovrannumero. E' inoltre a discrezione di ciascun docente a contratto non presente in questa lista accettare o meno eventuali proposte di testi triennali o magistrali.

BIENATI Luisa

CALVETTI Paolo

HEINRICH Patrick

MARIOTTI Marcella

MIYAKE Toshio

NEGRI Carolina

RAVERI Massimo

REVELANT Andrea

RUPERTI Bonaventura

TOLLINI Aldo

VESCO Silvia

ZANOTTI Pierantonio

La prova finale per la laurea triennale può essere di 5 tipi:

1.      breve elaborato redatto nella lingua triennale su un argomento concordato col relatore; tale elaborato dovrà essere corredato da un glossario contenente i termini tecnici / settoriali relativi all'argomento prescelto (circa 3 cartelle da 600 parole l'una: due di testo in lingua e una di glossario).
2.      traduzione di un breve testo nella lingua triennale concordata con il relatore (testo originale di almeno 3000 caratteri per la prova da 1 cfu e 6000 per la prova da 3 cfu).
3.      ricerca bibliografica su argomento assegnato dal relatore, che preveda l’uso di fonti e repertori nella lingua triennale.
4.      redazione di una recensione di uno o più volumi scelti dal relatore, con breve introduzione in lingua di 60-100 caratteri.
5.      breve relazione su un argomento concordato col relatore per la cui stesura siano stati utilizzate fonti primarie (storie, cronache, resoconti di viaggio, iscrizioni, epigrafi, ecc.) o fonti secondarie (articoli, capitoli di libri o lunghe voci enciclopediche) scritte nella lingua triennale. Questo tipo di elaborato deve essere comunque introdotto da una breve prefazione nella lingua triennale.

Cosa può contenere l’abstract:
1. Tema
- qual è il tema e perché è importante trattarlo?
2. Quesito di ricerca (anche per le traduzioni)
- qual è l’interrogativo (gli interrogativi) di fondo al quale lo studio intende offrire una risposta? Quali gli scopi?
3. Stato dell’arte
- in che contesto di studi si inserisce la propria ricerca? Qual è la conoscenza attuale (accademica) sugli interrogativi e sul tema presentato? Quali i limiti e le possibilità di questi studi precedenti? In che modo si distingue ed in che cosa è originale la propria ricerca?

Alcuni riferimenti bibliografici utili su come impostare e costruire un elaborato accademico:
Eco, Umberto, Come si fa una tesi di laurea, Milano, Bompiani, 1977 (o ristampe successive)
Legrenzi, Paolo, Prepararsi agli esami, Bologna, Il Mulino, 1999.
De Francesco, Corrado, Delli Zotti, Giovanni, Tesi (e tesine) con PC e Web: impostare e scrivere il testo, organizzare e gestire idee e materiali, cercare informazioni su Internet, Milano, Franco Angeli, 2004.
Molti altri utili suggerimenti sulla concezione dell’elaborato sono disponibili in questo sito:
http://writing-speech.dartmouth.edu/learning/materialshttp://writing-speech.dartmouth.edu/learning/materials
Gli studenti sono invitati a leggerlo con molta attenzione.

Su aspetti quali: formato dell’elaborato, convenzioni stilistiche, canali preferenziali di comunicazione relatore-laureando, eventuale presenza di un correlatore, modalità di eventuali stesure e correzioni intermedie, ecc., gli studenti si atterranno poi alle indicazioni fornite loro dai rispettivi relatori.

Gli studenti sono inoltre invitati a:
-         prendere visione delle pagine del sito istituzionale di Ca' Foscari relative alle procedure burocratiche da espletare per il conseguimento della laurea triennale;
-         informarsi sugli Uffici competenti in materia;
-         farsi parte attiva nel rispetto delle scadenze burocratiche. 

Proposta di tema per prova finale e tesi magistrali

Pubblicato il 10/01/2017

Sono disponibile a seguire prove finali triennali e magistrali sui vari aspetti del tema: "Giappone in Italia e in Europa oggi".

Discuteremo le proposte SOLO a ricevimento (non inviatemi email).

segui il feed