Persone 
Centro di studi sul pensiero medievale

Direttore

Biografia

Professore associato di Storia delle dottrine politiche presso l’Università Ca’ Foscari, Gianluca Briguglia è stato direttore del Dipartimento di Filosofia dell'Università di Strasburgo, dove ha insegnato Filosofia medievale. Ha fatto ricerca e insegnato in importanti università e centri europei, come l'Accademia Austriaca delle Scienze (ÖAW), l'EHESS di Parigi (Marie Curie Fellowship dell’Unione Europe), l'Università di Vienna (Lise Meitner Fellow) e la LMU di Monaco di Baviera (Humboldt Fellow). Tra i suoi libri più recenti: "Il pensiero politico medievale" (Einaudi 2018); "Stato d’innocenza. Adamo, Eva e la filosofia politica medievale" (Carocci 2018); "L’animale politico. Agostino, Aristotele e altri mostri medievali" (Salerno 2015). Scrive per Il Post e per il domenicale del Sole 24 Ore; è autore di una fortunata serie Podcast “Bestiario politico”. 

Segretaria

Biografia

Caterina Tarlazzi è RTDb (Rita Levi Montalcini) in Storia della filosofia medievale a Ca’ Foscari. Dopo aver studiato a Padova, Parigi e Cambridge, ha lavorato all’Università di Cambridge (British Academy Postdoctoral Fellow) e di Ginevra (SNF Ambizione); è la seconda vincitrice della Leszek Kołakowski Honorary Fellowship (Foundation for Polish Science [ENG]). Si occupa di logica e metafisica medievale, in particolare del XII secolo latino, anche a partire da materiale manoscritto; ha studiato teorie medievali dell’anima e degli universali. Tra le sue pubblicazioni: "Individui universali. Il realismo di Gualtiero di Mortagne nel XII secolo" (Brepols 2018, vincitore del premio “Ana María Aldama Roy [SPA]”); "Individuals as Universals. Audacious Views in Early Twelfth-Century Realism" (Journal of the History of Philosophy 2017); "The Latin Tradition of Studying Porphyry’s Isagoge, ca 800‒980: A Catalogue of Manuscripts, Glosses, and Diagrams" (Archives d’Histoire doctrinale et littéraire du Moyen  ge 2020).
Caterina Tarlazzi su Academia

Consiglio direttivo

Biografia

Irene Binini è ricercatrice in Storia della Filosofia Medievale presso l'Università di Parma, e si occupa prevalentemente di storia della logica antica e medievale, con un particolare interesse per la logica modale. Attualmente, è Marie Curie fellow presso le Università di Parma Toronto. Il suo progetto [ENG] è dedicato alle teorie modali dei Calculatores, ed è svolto in collaborazione con Fabrizio Amerini e Peter King. Si è addottorata nel 2017 presso la Scuola Normale Superiore a Pisa, con una tesi sulla teoria e logica modale di Pietro Abelardo. Durante il percorso dottorale, è stata visiting student presso l'Università di Cambridge, sotto la supervisione di John Marenbon e presso l'Università di Auckland, sotto la supervisione di Christopher Martin. Nel 2018-2019, è stata ricercatrice post-dottorale presso l’Università di Friburgo, e da gennaio a dicembre 2018, visiting researcher presso l’Università di Oxford. Questi periodi di ricerca sono stati finanziati grazie a una DAAD PRIME fellowship. Maggiori dettagli sulle sue attività di ricerca e comunicazione possono essere trovate sul suo sito personale e sul sito UNIPR.

Biografia

Professoressa associata di Storia filosofia medievale presso l’Università del Salento, Alessandra Beccarisi è Direttrice del Centro di ricerca CETEFIL (Centro per l’edizione di testi filosofici medievali e rinascimentali) e General Editor delle pubblicazioni SIEPM (Societé Internationale pour l’Étude de la Philosophie médiévale): la rivista di fascia A ANVUR "Bulletin de philosophie médiévale" e la serie "Rencontres de philophie médiévale", entrambe per la casa editrice Brepols. Ha fatto ricerca in importanti università e centri europei, come l’Albertus Magnus Institut di Bonn e la LMU di Monaco di Baviera (Humboldt Fellow). Si occupa soprattutto di filosofia tedesca del XIII e XIV secolo e di geomanzia medievale. Tra le sue pubblicazioni: "Albertus Magnus und Meister Eckhart" (Aschendorff, 2019); "Eckhart" (Carocci 2012); "Das Fortwirken des Platonismus" (Grundriss der Geschichte der Philosophie, vol. 4: 13. Jahrhundert, Basel 2017). Ha curato: insieme ad Alessandro Palazzo, Per studium et doctrinam. "Fonti e testi di filosofia medievale dal XII al XIV secolo" (Roma 2018); insieme a Fiorella Retucci, "L’agire morale e i suoi limiti: Fato, Determinismo e Libero Arbitrio nel Medioevo" (Medioevo. Rivista di Storia della filosofia medievale 42 2017).

Biografia

Stefano Maso è professore ordinario di ‘Storia della filosofia antica’, presso il Dipartimento di Filosofia e Beni culturali dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si occupa soprattutto della sofistica, di Aristotele e della filosofia ellenistica e romana. Tra i suoi ultimi libri: "DISSOI LOGOI. Edizione criticamente rivista, introduzione, traduzione, commento", Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2018;  "Grasp and Dissent. Cicero and Epicurean Philosophy, Turnhout, Brepols", 2017; "Cicerone: Il fato. Introduzione, edizione, traduzione e commento", Roma, Carocci, 2014; "Filosofia a Roma. Dalla riflessione sui principi all'arte della vita", Roma, Carocci, 2012. È direttore responsabile della rivista: "Lexis Poetica, retorica e comunicazione nella tradizione classica", fondata nel 1988 e pubblicata presso Hakkert (Amsterdam) fino al 2019; dal 2020 presso Edizioni Ca’ Foscari (Venezia) . È condirettore con Carlos Lévy (Paris Sorbonne) di "Lexis Ancient Philosophy", ora pubblicata presso Edizioni Ca’ Foscari. È stato visiting professor (LLP/Erasmus teaching) presso l’Université Grenoble-Alpes, Georgia State University - Atlanta, Tübingen Philosophische Seminar (Eberhard-Karls Universität), U.S.P. São Paulo (Brezil), Liège University – Belgium. Dal 2007 è membro del comitato scientifico di ESAP (European Society for Ancient Philosophy); dal 2008: presidente di SFI - Venezia (Società filosofica italiana); dal 2009: membro del direttivo e tesoriere di SISFA (Società italiana di storia della filosofia antica); dal 2009: membro del comitato scientifico di SIAC (Société internationale des amis de Cicéron), Neuilly sur Seine. 

Biografia

Formatosi presso l’Università La Sapienza di Roma, ha collaborato con diverse istituzioni francesi (Paris Sorbonne Nouvelle, l’IRHT, l’EHESS) dove ha lavorato come ricercatore post-doc. Dopo una borsa di studio della fondazione Alexander von Humboldt all’Università Heinrich Heine di Düsseldorf, nel 2014 ha vinto un finanziamento ERC Starting Grant con un progetto di ricerca sulla storia sociale della traduzione medievale, che ha poi deciso di sviluppare all’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove è Professore Associato di Filologia della letteratura latina medievale dal 2015. Ha insegnato come Visiting Professor all’EHESS di Parigi dal 2015 al 2020. Specialista di movimento francescano tra XIII e XV secolo, si è occupato di storia della cultura di questo ordine religioso e in particolare delle sue correnti dissidenti (Iacopone da Todi, Ubertino da Casale, Angelo Clareno, i fraticelli). Studia le istituzioni, i documenti, la cultura e la memoria nel medioevo comunale, in particolare in rapporto con la letteratura latina e medievale del periodo (Guittone, Brunetto, Dante, Francesco da Barberino). Ha pubblicato una monografia su Iacopone da Todi (Roma, Istituto storico dei Cappuccini, 2006: vincitore del Premio "S. Francesco"), un saggio su "Banca e poesia nell’età di Dante", ha diretto sezioni monografiche di riviste (in particolare "Dante attraverso i documenti I" e "Dante attraverso i documenti II", in "Reti medievali"), e opere collettive (le più recenti sono "Italia senza nazione", Macerata, Quodlibet, 2019 e "Le lettere di Dante", con Giuliano Milani, Berlino-Boston, De Gruyter, 2020).
Progetto BIFLOW

Biografia

Professore associato di Storia delle Filosofia Medievale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha tenuto l’Insegnamento di Storia del pensiero francescano presso lo Studio teologico interprovinciale Laurentianum (affiliato alla Facoltà di teologia della Pontificia Università Antonianum Roma). Nei suoi studi ha approfondito la logica medievale, in particolare quella di Guglielmo di Ockham ("La logica di Ockham", VeP 2012) e i successivi sviluppi in ambito umanistico e rinascimentale ("Le tabulae logicae di Jacobo Zabarella", 2007). Si è dedicata soprattutto alla scuola francescana, indagando  tematiche di metafisica ("Possibilità logica e capacità di Dio in Giovanni Duns Scoto", 2010; "Evidenza francescana e argomento ontologico in san Bonaventura", 2018) e relative alla testimonianza ("Per un'ermeneutica della testimonianza in Pietro Giovanni Olivi", 2014; "Per un'ermeneutica della testimonianza in Bonaventura da Bagnoregio", 2019).

Biografia

Paolo Pagani è professore ordinario di Filosofia Morale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove ha presieduto per sei anni i corsi di laurea in Filosofia. È presidente del Centro Interuniversitario di Studi sull’Etica (CISE) e membro del Centro di Etica Generale e Applicata (CEGA) presso l’Almo Collegio Borromeo di Pavia. Partecipa al Comitato Scientifico di numerose collane editoriali e Riviste filosofiche, tra le quali la "Rivista rosminiana di filosofia e di cultura". Ha diretto tra il 1997 e il 2002 la "Cattedra Rosmini", attiva presso la Facoltà di Teologia di Lugano (CH). È autore di una novantina di pubblicazioni, dedicate a temi di ontologia, metafisica, logica ed etica. Tra queste, le seguenti monografie: "Sentieri Riaperti", Jaca Book, Milano 1990; "Contraddizione performativa e ontologia", Franco Angeli, Milano 1999; "Libertà e non-contraddizione in Jules Lequier", Franco Angeli, Milano 2000; "Studi di filosofia morale", Aracne, Roma 2008; "La geometria dell’anima. Riflessioni su etica e matematica in Platone", Orthotes, Salerno-Napoli 2012; "Ricerche di antropologia filosofica", Orthotes, Salerno-Napoli, 2012; "L’essere è persona. Considerazioni su ontologia e antropologia filosofica in Gustavo Bontadini", Orthotes, Salerno-Napoli 2012.

Biografia

Luisa Valente è professoressa associata in Storia della filosofia medievale presso la Sapienza Università di Roma. Si è formata a Roma, Heidelberg e Parigi, dove si è addottorata. Studia principalmente il pensiero latino del XII s. e in particolare: la riflessione di tipo logico interna alla letteratura teologica ("Phantasia contrarietatis. Arti del linguaggio e teologia in Pietro Cantore", 1997; "Logique et théologie. Les écoles parisiennes entre 1150 et 1220", 2008); il pensiero di Gilberto di Poitiers e della sua scuola; la filosofia come forma di vita (Abelardo e Giovanni di Salisbury); le teorie dell’ubiquità divina. Organizzatrice di diversi convegni e incontri di studio, ha tenuto conferenza in molte città in Italia e all'estero. È membro della Società Italiana per lo studio del Pensiero Medievale (SISPM), della Société Internationale pour l'Étude de la Philosophie Médiévale (SIEPM), della Internationale Gesellschaft für theologische Mediävistik (IGTM), dell’ILIESI (Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e la Storia delle idee). 
Luisa Valente su Academia

Membri

Biografia

Claudia Appolloni è dottoranda alla Fondazione San Carlo di Modena e prepara, in cotutela con l’Université de Genève, una tesi in storia della filosofia medievale e storia delle idee linguistiche. La tesi ricostruisce le teorie del XIII secolo sulla relazione tra segno e comunità sociale e politica, con particolare attenzione alle teorie pragmatiche del significato presenti in testi, editi e inediti, di filosofia naturale e di teologia. La tesi è diretta da Luisa Valente (La Sapienza Università di Roma) e da Laurent Cesalli (Université de Genève). Da settembre 2020 è assegnista di ricerca presso l’Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, dove lavora, sotto la direzione di Costantino Marmo, a un Prin sulla biblioteca del convento francescano di Santa Croce (“Libri e lettori a Firenze dal XIII al XV secolo: la biblioteca di Santa Croce”) occupandosi dei manoscritti filosofici, in particolare di logica e di filosofia naturale.

Biografia

Tara Arrouet è dottoranda in filosofia medievale e si occupa del pensiero politico di Giovanni Quidort di Parigi, in cotutela tra l’Università di Strasburgo e l’Università Ca’ Foscari di Venezia, sotto la direzione del Prof. Gianluca Briguglia (Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali) e del Prof. Édouard Mehl (UR2326 CREPhAC). Ha ottenuto una borsa di dottorato nel settembre 2018 ed è vincitrice del programma Vinci 2020 per un contributo di mobilità per tesi di dottorato in cotutela. Il suo lavoro si concentra sull’ambiente politico e dottrinale del XIII e XIV secolo e esamina alcuni concetti più specifici del pensiero di Giovanni Quidort, come l’escatologia, l’ecclesiologia ma anche il conciliarismo e il gallicanesimo. Ha anche lavorato sulla censura intellettuale all'Università di Parigi nel XIII secolo. Un suo articolo in corso di pubblicazione si intitola "Teologia e politica: il De Antichristo di Giovanni Quidort di Parigi".
Tara Arrouet su Academia

Biografia

Francesco Binotto è dottorando in Storia della Filosofia Medievale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha svolto parte della sua ricerca presso l’Università di Friburgo (Svizzera) grazie ad una borsa di studio bandita dalla stessa. I suoi interessi di ricerca si concentrano sulla metafisica e la filosofia della natura di ambito medievale latino, in particolare del XIII secolo. Oltre a ciò, si è anche occupato delle fonti scolastiche del pensiero di Antonio Rosmini. Tra le sue pubblicazioni: "Bonaventura e il principio d’individuazione. Una possibile soluzione" (Rivista di Filosofia Neo-Scolastica, 2017); "Henry of Ghent: the Problem of Individuation and the Contingency of Creatures. Some remarks on Question 8 of Quodlibet II" (Documenti e studi sulla tradizione filosofica medievale, 2018); "La realità dell’essere: Rosmini e il principio d’individuazione" (Divus Thomas, 2020).
Francesco Binotto su Academia

Biografia

Laura Calvaresi è dottoranda di ricerca in Italianistica presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, fellow dell'International Center for the Humanities and Social Change [ENG], a partire dall'a.a. 2017/2018. Nel 2015 ha ottenuto il Diploma in Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l'Archivio di Stato di Roma. Si è laureata in Ricerca Storica e Risorse della Memoria (LM-84) presso l'Università degli Studi di Macerata nell'aprile 2014 (110/110, lode). É membro del comitato di redazione della rivista di studi storici e francescani Picenum Seraphicum. Nell’ambito del dottorato ha elaborato una tesi dal titolo "Tra profitto ed Industria: traduzioni di termini economici e percorsi di ricezione sociale del De Regimine Principum di Egidio Romano nel medioevo (XIII-XV secolo)". I suoi interessi principali di ricerca riguardano dunque la storia economica e sociale bassomedievale, la storia degli ordini religiosi e la diffusione del De regimine principum di Egidio romano.
Laura Calvaresi su Academia

Biografia

Coralba Colomba è studiosa ed editrice di testi di filosofia medievale. Dopo essersi laureata a Lecce, ha conseguito il dottorato in filologia latina medievale a Firenze (SISMEL), studiando per lunghi periodi presso il Raimundus-Lullus-Institut di Freiburg i. Br. (vincitrice anche di una borsa di studio DAAD). Ha collaborato ai progetti di banche dati medievali della SISMEL e col gruppo medievista dell’Università del Salento. Ha curato con Charles H. Lohr la pubblicazione dei due volumi "Latin Aristotle Commentaries. I.1-2 Medieval Authors" (Firenze 2010-2013). Si occupa di filosofia e di teologia medievale dei secoli XIII-XIV (in particolare Raimondo Lullo) e di mistica femminile (Ildegarde di Bingen, Hadewijch di Anversa). Tra le sue edizioni più recenti: Ulrich von Strassburg, "De summo bono, liber VI, tractatus 4", cap. 1-15, hrg. von Irene Zavattero (cc. 1-5), Coralba Colomba (cc. 6-15) (Hamburg 2017); Raimundi Lulli "Lectura compendiosa Tabulae generalis, Lectura super tertiam figuram Tabulae generalis", in Opera latina 54-60, eds. Coralba Colomba, Viola Tenge-Wolf (Turnhout 2014).

Biografia

Maria Conte ha conseguito il dottorato di ricerca in Italianistica nel 2020 presso l’Università Ca’ Foscari e l’UZH Universität Zurich, nell’ambito del progetto ERC Biflow (g.a. 637533) allestendo l’edizione critica del "Libro degli Ammaestramenti degli antichi" di Bartolomeo da San Concordio accompagnata da uno studio della tradizione dal punto di vista storico-sociale. Si interessa di filologia dei volgarizzamenti, con particolare attenzione a quelli realizzati in ambiente domenicano nella prima metà del Trecento per indagare sul loro valore politico-culturale nella diffusione del sapere presso i laici. Tra le sue recenti pubblicazioni: "«Ad consolationem legentium». Il Marco Polo dei Domenicani", a cura di M. Conte, A. Montefusco, S. Simion, Venezia 2020; "Gli Ammaestramenti degli antichi di Bartolomeo da San Concordio. Prime osservazioni in vista dell’edizione critica", in J. Bartuschat, E. Brilli, D. Carron, "The Dominicans and the Making of Florentine Cultural Identity (13th-14th centuries)", «Reti Medievali» 36 (2020).
Maria Conte su Academia

Biografia

Agnese Macchiarelli è dottoranda in Italianistica a Ca’ Foscari. Le sue ricerche si inseriscono all’interno di un progetto europeo sulla storia sociale del tradurre medievale (ERC BIFLOW) e sono dedicate alla redazione latina dello "Specchio della vera penitenzia" di Iacopo Passavanti e alla ricezione trecentesca degli scritti di Tommaso d’Aquino. Ha studiato le figure della contraddizione nel Petrarca latino e volgare (Roma-Barcellona), le prime traduzioni in francese del "De Lapidibus" di Marbodo di Rennes (Bologna), gli specula peccatorum e l’enciclopedismo medievale (Venezia-Parigi). Tra le sue pubblicazioni: "Per la biografia di Iacopo Passavanti · 1302-1357" (Aevum 2020); "«Unde narrat dominus Marcus Milio». Eredità poliane nei Sermones di fr. Nicoluccio d’Ascoli OP" ("Ad consolationem legentium". Il Marco Polo dei Domenicani, Venezia 2020); "Iacopo Passavanti e la Theosophia. Nuove riflessioni sul ms. laur. San Marco 459" (Linguistica e Letteratura 2019); "L’Abelardo del Petrarca. Considerazioni sul ms. BnF, lat. 2923" (Filologicamente 2017).
Agnese Macchiarelli su Academia

Biografia

Andrea Possamai è cultore della materia in storia della filosofia presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Ha conseguito il dottorato di ricerca a Ca’ Foscari nel 2018 con una tesi dal titolo: "Può Dio cambiare il passato? Analisi della discussione sulla modificabilità del passato tra XIV e XV secolo". Le sue attività di ricerca si rivolgono principalmente alla storia della filosofia medievale e alla storia della metafisica, con un'attenzione specifica al modo in cui è stato affrontato il tema della possibile modificabilità del passato all'interno della storia della filosofia.

Biografia

Mona-Lila Rortais è dottoranda (con borsa di dottorato) in Lingua e cultura italiana e Filosofia, in cotutela tra l’Università di Strasburgo e l’Università Ca’ Foscari di Venezia, sotto la direzione del Prof. Emanuele Cutinelli-Rendina (CHER, Strasburgo), e la co-direzione del Prof. Gianluca Briguglia (Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali, Venezia). Si occupa del pensiero politico medievale, e in particolare di Brunetto Latini (XIII secolo italiano) e la sua ricerca analizza il legame tra politica, enciclopedia, filosofia, poesia e retorica nelle opere di Brunetto. Ha anche lavorato sul pensiero di Cicerone e sulla questione dell’identità italiana (nell’ambito dei corsi della Facoltà di Filosofia e dell’Istituto di Studi romanze, Università di Strasburgo). È in corso di pubblicazione una sua recensione del libro di Gianluca Briguglia, "Il pensiero politico medievale" (2018).

Biografia

Gian Pietro Soliani (20-01-1983) si è laureato all’Università Ca' Foscari di Venezia in Scienze filosofiche e ha conseguito il dottorato in filosofia nella stessa università con una tesi dedicata al pensiero metafisico del gesuita Antonio Pérez (1599-1649). È docente a contratto di Storia della filosofia medievale presso l’Università di Urbino Carlo Bo.
Si occupa prevalentemente del pensiero medievale, di Antonio Rosmini e di alcuni snodi della filosofia scolastica nel passaggio tra Medioevo ed Età Moderna. Tra i suoi libri più recenti: "Libertà inquieta. Ricerche su male e volontà tra XIV e XVI secolo" (Napoli 2020); "L’apparire del bene. Metafisica e persona in Antonio Pérez S.J." (1599-1649) (Bari 2018); "Rosmini e Duns Scoto. Le fonti scotiste dell’ontologia rosminiana" (Padova 2012).
Gian Pietro Soliani su Academia

Biografia

Matteo Sperandini ha condotto i suoi studi universitari presso la “Sapienza” Università di Roma. Ha conseguito la laurea triennale e la laurea magistrale in “Filosofia”, discutendo due tesi in “Storia della filosofia medievale” dai titoli Il nulla nel Libro dei ventiquattro filosofi tra creazione e teologia negativa (LT) Le Sententiae divinae paginae: una prospettiva sulla “Scuola di Laon” (LM)Dal settembre 2020 al dicembre 2020 è stato docente di “Geografia”, “Italiano” e “Storia” nella scuola secondaria di primo grado. Dal dicembre 2020 è studente della Scuola di Alti Studi presso la Fondazione Collegio San Carlo di Modena (corso di perfezionamento triennale, equipollente al corso di dottorato delle università italiane). Il suo progetto di ricerca indaga le origini e le applicazioni dello schema ermeneutico dei tria genera hominum (coniugati-rectores-continentes) nella letteratura teologica e filosofica del Medioevo latino. In particolare, la ricerca si concentra sull’impiego dei tria genera hominum quale mezzo di riflessione ecclesiologica e antropologica sui differenti “generi di vita”, con particolare attenzione alle dicotomie tra vita attiva/vita contemplativa e vita filosofica/vita non-filosofica. 

Fabio Zanin

Biografia

Docente di filosofia e storia presso il Liceo ginnasio G.B. Brocchi di Bassano del Grappa (VI), si è laureato all'Università Ca' Foscari di Venezia con una tesi su Nicole Oresme, completando la sua formazione all'Università di Padova dove, tra il 2000 e il 2009, ha prima ottenuto il dottorato di ricerca e goduto, in seguito, di una borsa post-dottorato e di un assegno biennale di ricerca. Fa parte della redazione di “Medioevo. Rivista di storia della filosofia medievale”. Si è occupato prevalentemente dello sviluppo e diffusione dell'analisi matematica del movimento nella filosofia naturale tardo-medievale di ambiente parigino, ampliando le sue ricerche verso l'eliminazione della metafisica dal dibattito scientifico nell'epoca della Rivoluzione scientifica e delle origini della geometria proiettiva a partire dagli sviluppi dell'ottica nel tardo Medioevo e nel Rinascimento. Tra le sue più recenti pubblicazioni: "Le radici logiche e metafisiche della filosofia naturale parigina: volontà e ordine della natura nel pensiero di Buridano", in F. Amerini-S. Fellina-A. Strazzoni (ed.), "Tra antichità e modernità. Studi di storia della filosofia medievale e rinascimentale", E-Theca Open Access Edizioni («Quaderni di Noctua», 5), Parma 2019; "Possibilità logica e leggi di natura. Alcuni precedenti medievali del Tractatus di Wittgenstein", in M. Dalla Valle-C. Scilironi (ed.), "Avventure della possibilità", CLEUP, Padova 2019.