DIRITTO PRIVATO - 1

Anno accademico
2018/2019 Programmi anni precedenti
Titolo corso in inglese
PRIVATE LAW - 1
Codice insegnamento
ET0013 (AF:282509 AR:158802)
Modalità
In presenza
Crediti formativi universitari
6 su 12 di DIRITTO PRIVATO
Partizione
Livello laurea
Laurea
Settore scientifico disciplinare
IUS/01
Periodo
3° Periodo
Anno corso
1
Sede
VENEZIA
Spazio Moodle
Link allo spazio del corso
L’insegnamento è tra quelli di base del corso di Laurea in Economia Aziendale.
Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza degli istituti giuridici fondamentali del diritto privato moderno e comprenderne la funzione come strumenti di regolazione della realtà economico-sociale, nella dimensione giuridica propria sia dei rapporti patrimoniali che di quelli personali fra privati. Essenziale a tali fini sarà l’acquisizione di un appropriato linguaggio tecnico giuridico e la capacità di inquadrare le relazioni umane di rilevanza giuridica, personali e patrimoniali, all’interno del sistema normativo di riferimento.
1. Conoscenza e comprensione
1.1 Conoscere il sistema normativo multilivello che oggi disciplina le relazioni fra i privati.
1.2 Conoscere i singoli istituti di diritto privato oggetto del programma.
1.3 Capire il ruolo che tali istituti svolgono nel governo della vita di relazione e nel perseguimento della migliore soluzione dei conflitti di interesse.

2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione
2.1 Saper inquadrare le relazioni umane di rilevanza giuridica - personali e patrimoniali - all’interno del sistema normativo di riferimento.
2.2 Saper individuare le singole norme giuridiche o i vari insiemi di esse destinati a regolamentare specifiche fattispecie.
2.3 Acquisita la conoscenza degli istituti, distinguere quali di essi siano atti a essere utilizzati come strumenti per la soluzione del singolo conflitto e/o la regolamentazione della singola relazione (personale e/o patrimoniale).

3. Capacità di giudizio
3.1 Interpretare i testi normativi
3.2 Identificare, distinguere e mettere in relazione principi e norme appartenenti alle varie fonti multilivello.
3.3 Dinanzi a situazioni di conflitto o rapporti che necessitano di essere regolamentati, saper individuare quali singole norme giuridiche o insiemi di esse possano essere utilizzate come parametri di giudizio e strumenti di gestione.
Nessun pre-requisito è richiesto
• Gli ordinamenti giuridici moderni. Le fonti. La struttura della norma giuridica. L'interpretazione della legge.
• Le situazioni giuridiche soggettive. I soggetti di diritto. Persone fisiche e giuridiche. Il diritto di famiglia.
• I beni giuridici. I diritti reali, la proprietà privata e il possesso.
• Le obbligazioni in generale. Adempimento, inadempimento e responsabilità contrattuale.
• L'autonomia privata e la circolazione dei beni. La disciplina generale del contratto (formazione, validità e invalidità, efficacia e inefficacia; esecuzione, risoluzione). I singoli contratti. I rapporti di consumo.
• La responsabilità civile e l'illecito.
• Altre fonti di obbligazioni.
• Le successioni. Le donazioni.
• La tutela dei diritti.
Lo studente può scegliere uno dei seguenti manuali (ulteriori indicazioni saranno date dal docente all’inizio del corso):

a) G. Iudica, P. Zatti, Linguaggio e regole del diritto privato, IX edizione, Cedam, 2018 escluse le seguenti parti: cap. 24, par. 5-6-7; cap. 25, par. 4-5-6; cap. 26, par. 2-4-5-6-7-8-9; cap. 27; cap. 29; da cap. 31 a cap. 37; da cap. 39 a cap. 42; cap. 47 e cap. 48.

b) V. Roppo, Diritto privato. Linee essenziali, V edizione, Giappichelli, 2018, ad eccezione delle seguenti parti: cap. 33, par. da 13 a 20; cap. 34, par. 5,6,8; cap. 35, par. 5, 6 e da 9 a 23; cap. 36; cap. 41.

Lo studio del manuale deve essere necessariamente accompagnato dalla contestuale lettura di un Codice civile aggiornato, anche in formato ebook.
Si consiglia l'acquisto della seguente edizione:

Codice civile, a cura di Adolfo Di Majo, Milano, Giuffré, ultima edizione
Al termine del terzo periodo gli studenti (frequentanti e non frequentanti) potranno sostenere una prova scritta (d’ora in avanti denominata prova scritta intermedia) avente a oggetto le seguenti parti di programma:
• Manuale Iudica- Zatti, Linguaggio e regole del diritto privato, dal capitolo 1 al capitolo 15 compreso e capitolo 44.
• Manuale Roppo, Diritto privato. Linee essenziali, dal capitolo 1 al capitolo 17 compreso e capitolo 43.
Tale prova scritta intermedia consiste in 15 domande a risposta multipla; a ciascuna risposta esatta vengono assegnati 2 punti. La risposta mancante equivale a risposta errata. La prova scritta è superata con esito positivo ove le risposte esatte siano almeno 9 su 15.
Lo studente che abbia superato la prova scritta intermedia potrà decidere se sostenere la prova orale al primo o al secondo appello della sola sessione estiva; tale prova orale verterà sulla rimanente parte di programma. Lo studente che non dovesse superare la prova orale dopo aver superato la prova scritta intermedia dovrà sostenere negli appelli successivi tanto la prova scritta che la prova orale su tutto il programma, come da modalità ordinaria.

La prova scritta ordinaria consiste in 15 domande a risposta multipla aventi ad oggetto l’intero programma; a ciascuna risposta esatta vengono assegnati 2 punti. La risposta mancante equivale a risposta errata. La prova scritta è superata con esito positivo ove le risposte esatte siano almeno 9 su 15.
Il superamento con esito positivo della prova scritta è condizione di ammissione alla prova orale. La prova scritta serve ad attestare una conoscenza di base degli istituti giuridici.
La prova orale valuta la conoscenza e la comprensione degli istituti fondamentali del diritto privato; oggetto di valutazione sarà anche la capacità dello studente di esporre quanto appresso utilizzando un linguaggio tecnico - giuridico adeguato.

Il corso segue prevalentemente un approccio di insegnamento convenzionale unito ad attività seminariali di approfondimento su temi specifici.
Sito del corso sulla piattaforma e-learning (moodle)
https://moodle.unive.it/course/view.php?id=844

Accessibilità, Disabilità e Inclusione
Accomodamenti e Servizi di Supporto per studenti con disabilità o con disturbi specifici dell’apprendimento

Ca' Foscari applica la Legge Italiana (Legge 17/1999; Legge 170/2010) per i servizi di supporto e di accomodamento disponibili agli studenti con disabilità o con disturbi specifici dell’apprendimento. Se hai una disabilità motoria, visiva, dell’udito o altre disabilità (Legge 17/1999) o un disturbo specifico dell’apprendimento (Legge 170/2010) e richiedi supporto (assistenza in aula, ausili tecnologici per lo svolgimento di esami o esami individualizzati, materiale in formato accessibile, recupero appunti, tutorato specialistico a supporto dello studio, interpreti o altro) contatta l’ufficio Disabilità e DSA: disabilita@unive.it.
scritto e orale

Questo insegnamento tratta argomenti connessi alla macroarea "Cooperazione internazionale" e concorre alla realizzazione dei relativi obiettivi ONU dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile

Programma definitivo.
Data ultima modifica programma: 31/01/2019