LINGUA GIAPPONESE 2 MOD. 2

Anno accademico
2020/2021 Programmi anni precedenti
Titolo corso in inglese
JAPANESE LANGUAGE 2 MOD.2
Codice insegnamento
LT005N (AF:314329 AR:168170)
Modalità
In presenza
Crediti formativi universitari
9 su 18 di LINGUA GIAPPONESE 2
Partizione
Livello laurea
Laurea
Settore scientifico disciplinare
L-OR/22
Periodo
II Semestre
Anno corso
2
Sede
VENEZIA
Spazio Moodle
Link allo spazio del corso
L'insegnamento ricade tra gli insegnamenti caratterizzanti del secondo anno del curriculum Giappone del corso "Lingue, Culture e Società dell'Asia e dell'Africa Mediterranea".
I suoi obiettivi formativi rientrano nell'area di apprendimento delle competenze linguistiche.
Obiettivi formativi del corso sono: fornire conoscenze grammaticali di livello elementare della lingua giapponese; fornire abilità di livello elementare per la lettura, scrittura e produzione orale della lingua giapponese; fornire conoscenze e competenze per l'analisi metalinguistica della lingua giapponese e per la traduzione dal giapponese all'italiano.
Il livello che gli studenti dovrebbero raggiungere alla fine del corso dovrebbe attestarsi intorno a un livello A2+ del QCER (tra il livello N4 ed N3 del Japanese Language Proficiency Test).
L'insegnamento si inserisce in continuità con gli insegnamenti di "Lingua giapponese 1" e "Lingua giapponese 2.1" e conferisce i risultati di apprendimento necessari per proseguire con "Lingua giapponese 3.1" al terzo anno di corso.
1. Conoscenza e comprensione
Completare la conoscenza delle strutture grammaticali della lingua giapponese di livello elementare
Completare la conoscenza del sistema di scrittura (con l'acquisizione di 242 nuovi kanji) e il lessico della lingua giapponese di livello elementare
Conoscere e comprendere il funzionamento delle strutture grammaticali della lingua giapponese di livello elementare
Conoscere e comprendere le variazioni di registro e comunicative della lingua giapponese a livello elementare
Conoscere e comprendere i concetti e la terminologia essenziali per descrivere i fenomeni studiati in modo scientifico

2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Saper identificare le diverse categorie grammaticali e le loro proprietà
Dimostrare una comprensione generale delle strutture grammaticali di base della lingua giapponese
Saper descrivere le costruzioni e i fenomeni grammaticali studiati durante l'insegnamento usando correttamente la terminologia e gli strumenti di base dell’analisi sintattica acquisiti
Saper interagire nelle situazioni comunicative previste dal livello A2 del QCER
Saper comprendere e produrre testi orali e scritti d’accordo con il livello A2 del QCER
Saper tradurre dal giapponese all'italiano testi scritti di livello elementare, seguendo le indicazioni fornite durante l'insegnamento
Perfezionare l'abilità di utilizzare il dizionario elettronico e altri strumenti per la traduzione

3. Autonomia di giudizio:
Essere in grado di argomentare concetti elementari e di produrre esempi a sostegno o a confutazione in lingua giapponese
Essere in grado di produrre in autonomia scelte di traduzione sulla base delle indicazioni fornite durante l'insegnamento
Essere in grado di sottoporre a esame critico miti e pregiudizi correnti sulla lingua giapponese (es. presunta intraducibilità, opacità, ecc.)

4. Abilità comunicative:
Capacità di comprensione e produzione scritte e orali e di interazione orale previste dal livello A2 del QCER
Essere in grado, durante le lezioni e le esercitazioni, di interagire con i pari, con il docente e con le CEL in modo critico e rispettoso

5. Capacità di apprendimento:
Essere in grado di prendere appunti in modo pertinente ed efficace
Essere in grado di consultare i testi e i materiali di riferimento suggeriti nella bibliografia del corso
Essere in grado di sviluppare le abilità acquisite per intraprendere studi superiori.
Aver conseguito i risultati di apprendimento previsti dall'insegnamento "Lingua giapponese 1".
Aver conseguito (anche senza aver superato la relativa prova intermedia) i risultati di apprendimento previsti dall'insegnamento Lingua Giapponese 2.1.
Conoscenza delle categorie base dell'analisi logica e del periodo.
Nozioni di grammatica di livello elementare; comprensione scritta (esercitazioni condotte su una serie di testi selezionati); esercitazioni di traduzione dal giapponese all'italiano (30 ore: Elia Dal Corso);
Esercitazioni di scrittura (kanji) MOD. 2A (30 ore: Sugiyama Ikuko);
Produzione orale MOD. 2B (30 ore: Nishioka Yoshie);
Esercitazioni di grammatica (manuale) MOD. 2C (60 ore: Uemura Kaori);
Conversazione libera MOD. 2D (30 ore: Uemura Kaori, Nishioka Yoshie, Hiramatsu Maiko).
Esercitazioni Bunka MOD. 2E (30 ore: Hiramatsu Maiko)

La frequenza, benché non obbligatoria, è caldamente raccomandata.
Ai non frequentanti non è richiesta nessuna lettura addizionale.
Grammatiche obbligatorie. Una a scelta tra:
① Yoko Kubota, Grammatica di Giapponese Moderno, Venezia, Cafoscarina, 1989;
② Matilde Mastrangelo, Naoko Ozawa, Mariko Saito, Grammatica Giapponese (seconda edizione), Milano, Hoepli, 2016

Approfondimenti facoltativi:
③ Makino Seichi, Michio Tsutsui, A Dictionary of Basic Japanese Grammar, The Japan Times, 1989
④ Shin Shokyu Nihongo Lingua Giapponese, Corso introduttivo I, ed. italiana a cura di S. Dalla Chiesa, Venezia, Cafoscarina, 2005 (N.B. Versione elettronica in http://jplang.tufs.ac.jp/account/login );

Manuale:
⑤ Shin Bunka Shokyu Nihongo (vol. 2), ed. italiana a cura di S. Dalla Chiesa, Venezia, Cafoscarina, 2004;

Dispense CEL:
⑤ Dispensa: Shin surasura, Venezia, Cafoscarina (2018/2019)
⑥ Dispensa: Yoi doooooon, Venezia, Cafoscarina (2018/2019)
⑦ Dispensa: Jan Ken Pon!, Venezia, Cafoscarina (2018/2019).

Dizionario elettronico consigliato:
modello CASIO “XD-Y7400" (http://casio.jp/exword/products/XD-Y7400/ ) o modello meno recente della serie 7400 (i modelli della serie 7400 contengono di default i dizionari di italiano ma non contengono invece i dizionari di giapponese classico che possono essere inseriti con la scheda XS-OH23MC)

oppure

modello Casio “XD-Y6500" (http://casio.jp/exword/products/XD-Y6500/ ) o modello meno recente della serie 6500 (i modelli della serie 6500 contengono di default i dizionari di giapponese classico ma non contengono invece i dizionari di italiano che possono essere inseriti con la scheda XS-SH17MC).
L'insegnamento "Lingua Giapponese 2", a cui sono associati 18 CFU, si articola in due semestri: "Lingua giapponese 2.1" nel I semestre, "Lingua giapponese 2.2" nel II semestre.

A chiusura del I semestre avrà luogo una verifica intermedia (lingua giapponese 2.1) consistente in:
1. un test di kanji e di grammatica effettuato al computer.
Il test non dà un voto numerico, ma solo un giudizio di "idoneità", necessario per poter sostenere la prova del II semestre (lingua giapponese 2.2).

A chiusura del II semestre avrà luogo una verifica finale (lingua giapponese 2.2) consistente in una prova scritta e una prova orale, entrambe svolte in modalità a distanza (Moodle e Google Meet).

Prova scritta:

A) un test scritto di kanji (15 domande di lettura e 15 di scelta del kanji, 5 domande sull’appropriatezza lessicale) senza l'ausilio del dizionario (durata da definire) 

B) un test di grammatica (domande a quiz con 4 scelte: 4 domande sulla coniugazione di verbi; 18 domande sul lessico e grammatica; 4 domande sulle particelle; 2 domande con elementi della frase da riordinare) senza l'ausilio del dizionario (durata da definire);

C) una traduzione scritta giapponese-italiano con l'ausilio del dizionario e/o risorse online come a4edu.unive.it, jisho.org, ecc. (45 minuti).

Prova orale:

D) Lettura e comprensione dei testi affrontati in aula; domande di grammatica in italiano (questa prova si svolge con il docente titolare del corso);

E) Scrittura di 5 kanji;

F) Conversazione libera;

G) Role play.

Valutazione:

Le parti A e B (kanji e grammatica) non danno un voto numerico, ma solo un giudizio di idoneità, che si ottiene rispondendo in maniera corretta all'80% dei quesiti proposti (questa percentuale è provvisoria e potrebbe subire delle modifiche, che verranno comunque comunicate tempestivamente dal docente prima della prova d'esame).
La parte C (traduzione giapponese>italiano) dà un voto in trentesimi.
La parte D (lettura e grammatica) della prova orale dà un voto in trentesimi che fa media con la parte C della prova scritta (--> voto traduzione/lettura).
Le parti E, F e G della prova orale danno un voto unico in trentesimi (--> voto conversazione).
Il voto finale sarà il risultato della media aritmetica arrotondata per eccesso (e.g. 27.55 > 28) dei due voti in trentesimi (voto traduzione/lettura & voto conversazione).

A --> idoneità (almeno 80%)
B --> idoneità (almeno 80%)
C --> voto in trentesimi
D --> voto in trentesimi
(EFG) --> voto in trentesimi

Voto finale --> [(C+D/2)+(EFG)]/2

Per superare l'esame è necessario ottenere l’idoneità nelle parti A e B dello scritto e la sufficienza nella parte C della prova scritta e in tutte e quattro le parti che compongono la prova orale. L’idoneità conseguita nelle parti A e B della prova scritta sarà valida solo per l’appello in cui si sostiene l’esame.

I 18 CFU associati all’insegnamento verranno conseguiti dopo il superamento della verifica intermedia e dell'esame finale.
L'idoneità conseguita nella parte I (intermedia) sarà valida fino al superamento della parte II (finale) entro e non oltre il primo appello di gennaio dell'anno seguente.
In caso di mancato superamento della parte II al primo appello di gennaio, lo studente dovrà risostenere l'esame della parte I e potrà farlo sin dal secondo appello di gennaio.
Lezioni frontali di grammatica e traduzione.
Esercitazioni di conversazione in giapponese in piccoli gruppi.
Materiali didattici (es. slide delle lezioni) disponibili sulla piattaforma moodle.
scritto e orale
Il programma è ancora provvisorio e potrà subire modifiche.
Data ultima modifica programma: 29/01/2021