CHIMICA ANALITICA E LABORATORIO - ATTIVITA' PRATICA DI LABORATORIO

Anno accademico 2019/2020 Programmi anni precedenti
Titolo corso in inglese ANALYTICAL CHEMISTRY AND LABORATORY - PRACTICAL ACTIVITIES
Codice insegnamento CT0366 (AF:315048 AR:168860)
Modalità In presenza
Crediti formativi universitari 6 su 12 di CHIMICA ANALITICA E LABORATORIO
Partizione Classe 2
Livello laurea Laurea
Settore scientifico disciplinare CHIM/01
Periodo I Semestre
Anno corso 2
Sede VENEZIA
Inquadramento dell'insegnamento nel percorso del corso di studio
L'obiettivo del corso è la sperimentazione dei principi fondamentali della Chimica analitica, attraverso la determinazione di analiti di interesse ambientale in matrici reali (acque potabili, acqua di mare, acque reflue, sedimenti) e l'utilizzo della strumentazione adatta allo scopo. Il corso consentirà l'apprendimento delle tecniche di base indispensabili per una buona pratica di laboratorio. Il primo modulo prevede l'apprendimento delle tecniche analitiche classiche di analisi chimiche, a partire dalla preparazione delle soluzioni a titolo noto, fino ai fondamenti pratici di analisi gravimetrica volumetrica; Il secondo modulo prevede l'approccio sperimentale alle tecniche strumentali. Tutte le esercitazioni pratiche sono condotte su matrici ambientali.
Risultati di apprendimento attesi
Il corso ha lo scopo di fornire le conoscenze teorico-pratiche necessarie per determinare analiti di interesse ambientale su matrici reali, applicando i fondamenti della chimica analitica. Lo studente al termine del corso, avrà acquisito l'abilità necessaria a svolgere autonomamente analisi di laboratorio mirate alla quantificazione di diversi analiti, attraverso l'analisi volumetrica classica e l'analisi strumentale. Il corso vuole altresì fornire allo studente la capacità critica di interpretare i dati analitici ottenuti per una valutazione della qualità dell'ambiente. L'aspetto fondamentale del corso è quello di far comprendere tutte le motivazioni che sono alla base di ogni operazione di laboratorio. Lo scopo finale è quello di fornire allo studente la capacità critica di seguire ed eseguire protocolli analitici anche diversi da quelli svolti nel corso stesso, comprendendone altresì il significato.
Prerequisiti
Conoscenza delle nozioni di base di chimica generale ed inorganica, normalmente impartite durante il corso di chimica generale ed inorganica (primo anno)
Contenuti
Qualità del dato analitico. Misura della massa ed utilizzo della bilancia analitica, Principi di gravimetria. Determinazione gravimetrica dei solfati in acqua potabile; dell'acidita totale di acque di scarico (titolazione potenziometrica acido-base); dell' Ossigeno Disciolto in acqua di mare, della durezza totale in acqua (titolazione complessometrica). Calcoli stechiometrici relativi alle esperienze di laboratorio.
Determinazione dei nitriti in acque naturali.
Determinazione di Cr e Mn in mediante spettrofotometria UV/Vis.
Determinazione di elementi metallici in acque naturali mediante spettroscopia di emissione atomica e sorgente al plasma (ICP-OES).
Determinazione di Idrocarburi alifatici mediante gascromatografia.
Determinazione di ioni solubili mediante cromatografia ionica.
Esperienze di HPLC.
Testi di riferimento
D. A. SKOOG, D. M. WEST, F.J. HOLLER, Fondamenti di Chimica Analitica, EdiSES, Padova.
Appunti di lezione e dispensa
Modalità di verifica dell'apprendimento
Durante le esercitazioni di laboratorio, gli studenti potranno discutere con il docente i risultati sperimentali delle analisi ed interpretare i risultati ottenuti. Dopo ogni esperienza gli studenti dovranno presentare un rapporto contenente i dati sperimentali e le elaborazioni eseguite per ottenere il risultato finale. La prova scritta ha l’obbiettivo di verificare se gli studenti hanno appreso le conoscenze di base delle metodiche e dei calcoli necessari per esprimere correttamente i risultati delle analisi di laboratorio. La successiva prova orale è mirata ad approfondirne brevemente i dettagli, valutando l'effettiva capacità di operare (criticamente ed in sicurezza) autonomamente in laboratorio.
Metodi didattici
Lezioni frontali ed attività di laboratorio. Le lezioni frontali preliminari hanno lo scopo di far comprendere le motivazioni di ogni operazione che verrà svolta in laboratorio, nonchè di fornire tutte le informazioni necessarie per agire sperimentalmente in laboratorio, in sicurezza e in maniera sostenibile (smaltimento delle sostanze chimiche utilizzate). Le successive ore di laboratorio consentono allo studente di mettere in pratica le conoscenze acquisite, imparando a svolgere le analisi in autonomia e con la dovuta accuratezza e precisione.
Modalità di esame
scritto e orale
Programma definitivo.
Data ultima modifica programma
20/05/2019