MARINELLI Sergio

Qualifica Professore Ordinario
Telefono 041 234 6219
E-mail smarin@unive.it
Fax 041 234 6210
Web www.unive.it/persone/smarin (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Studi Umanistici
Sito web struttura: http://www.unive.it/dsu
Sede: Malcanton Marcorà

 

1950Nasce a Tregnago (Verona).
  
1968Consegue la maturità classica presso il Liceo Scipione Maffei di Verona.
  
1973Si laurea in Filosofia presso l'Università Statale di Milano, riportando la votazione di 110/110 e lode, discutendo una tesi in Storia della critica d'Arte, Prospettiva e ideologia in Tintoretto e Veronese, relatrice la professoressa Marisa Dalai Emiliani, controrelatori i professori Pierluigi De Vecchi e Guido Neri.
  
1974-1975Svolge attività di consulente editoriale a Milano.
  
1976Il 26 gennaio, in seguito a concorso, entra nell'organico della Direzione dei Musei Civici di Verona come curatore della parte medioevale e moderna. Imposta l'attività didattica del Museo di Castelvecchio. Segue l'organizzazione dei cicli di conferenze collegate all'attività dell'istituzione, partecipandovi direttamente ogni anno. Dal 1976 al 1992 gli è affidata la direzione dei restauri delle opere dei Musei Civici, di cui è data via via relazione nei cataloghi delle successive mostre.
Inizia la schedatura per la Soprintendenza ai BB.AA.SS. del Veneto, catalogando una prima parte degli oggetti di valore storico-artistico della chiesa di San Fermo a Verona.
  
1977Partecipa al convegno La prospettiva rinascimentale, codificazioni e trasgressioni, al Castello Sforzesco di Milano.
  
1978Dirige la mostra Pittura a Verona tra Sei e Settecento.
  
1979Organizza al Museo di Castelvecchio due mostre d'arte contemporanea, Saffaro e Tendenze/giovani e, con Licisco Magagnato, la mostra di opere restaurate Progetto per un Museo II alla Gran Guardia di Verona.
E' tra i fondatori della rivista veronese Alibo.
  
1980Cura la mostra dell'architetto Mario Rogolotti a Castelvecchio e la sezione relativa alla pittura nella mostra Palladio e Verona, allestita alla Gran Guardia di Verona.
  
1981Cura la mostra Dall'Oca bianca-fotografie a Castelvecchio.
  
1982Partecipa all'organizzazione della mostra Carlo Scarpa a Castelvecchio.
Segue la catalogazione delle armi della collezione museale veronese.
  
1983Partecipa all'organizzazione della mostra: Le stoffe di Cangrande a Castelvecchio.
Partecipa al convegno Il Seicento nell'arte e nella cultura, organizzato dall'Accademia Virgiliana di Mantova.
  
1984Cura le mostre Moritz Lotze: von Munchen nach Verona presso lo Stadtmuseum di Monaco e Lotze/Lo studio fotografico (1854-1909) al Museo di Castelvecchio di Verona.
Segue la catalogazione delle stampe della collezione museale veronese.
  
1985Dirige la mostra La collezione di stampe antiche al Museo di Castelvecchio.
Partecipa alle mostre Torquato Tasso a Ferrara e Capolavori dei musei veneti a Leningrado e Mosca.
  
1986Dirige le mostre Felice Casorati a Verona e Miniatura veronese del Rinascimento al Museo di Castelvecchio.
  
1987Partecipa all'organizzazione della mostra Gli anni di Ca' Pesaro a Palazzo Ducale a Venezia.
Dirige la mostra Proposte e restauri presso i musei di Castelvecchio e Cavalcaselle a Verona.
E' membro del comitato scientifico della mostra Il gotico in Lombardia, Milano, Palazzo Reale.  
  
1988Dirige la mostra Paolo Veronese e Verona al Museo di Castelvecchio.
Fonda la rivista del Museo di Castelvecchio Verona illustrata.
Cura la sistemazione museale del complesso di San Francesco al Corso, con la riapertura definitiva del Museo Cavalcaselle.
Partecipa ai convegni Paolo Veronese presso l'Università di Venezia e Il primo dominio veneziano a Verona presso l'Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere di Verona.
Interviene alla Settimana dei beni Culturali presso la Galleria degli Uffizi di Firenze, parlando sul tema Paolo Veronese agli Uffizi: un recente recupero.
Partecipa all'organizzazione della mostra Il Realismo magico, Verona, Galleria dello Scudo-Milano, Palazzo Reale.
  
1989Riceve l'incarico dalla Regione Veneto di dirigere la mostra: Il Veneto e l'Austria, alla Gran Guardia di Verona.
Partecipa all'organizzazione della mostra I Piazza, promossa dal Comune di Lodi.
Segue la catalogazione dei disegni della collezione museale.
Partecipa al convegno Sponsorizzazione: come, quando, perché, organizzato dall'Associazione Industriali di Verona.
  
1990Cura la mostra Bernardo Bellotto-Verona e le città europee.
Partecipa ai convegni di Parigi (Il disegno veneziano-'Ecole des Beaux-Arts, maggio 1990), Treviso (La conservazione delle opere in gesso, Soprintendenza BB.AA.SS. Veneto-Fondazione Cassamarca, 9 giugno 1990), Iraklion ( El Greco of Crete, 1-5 settembre 1990).
E' nominato, come vincitore di concorso, direttore dei Musei e Gallerie d'arte del Comune di Verona.
  
1991Partecipa alla mostra Giuseppe Craffonara organizzata dal Museo Civico di Riva del Garda.
E' nominato membro effettivo dell'Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere di Verona.
  
1992Dirige la mostra Carlo-tempere, collages, sculture 1957-1974, presso il Museo di Castelvecchio.
Partecipa alle mostre Arte e cultura intorno al 1492, Siviglia 1992 e Boccioni 1912 Materia (Verona, Galleria dello Scudo-Milano, Palazzo Reale).
Partecipa al convegno Piero della Francesca tra arte e scienza (Arezzo-Sansepolcro ottobre 1492)      
  
1993Come vincitore di concorso, diventa professore associato di Museografia presso l'Università di Padova.
Partecipa alle mostre Le dessin à Vérone au XVI et au XVII sieclès (Parigi-Louvre), Un museo da scoprire (Milano-Castello Sforzesco) e La chiesa di Santa Maria Assunta ad Arco, presso il Museo Civico di Riva del Garda.
  
1994Partecipa alle mostre Capolavori della pittura veneta nel Castello di Praga (Belluno, Museo Civico); Disegni veronesi al Louvre (1500-1630) (Verona, Museo di Castelvecchio); Bolzano nel Seicento (Bolzano, Museo Civico); Pietro de' Marascalchi (Comune di Feltre-Soprintendenza BB.AA.SS. Veneto); Jacopo Tintoretto (1519-1594), il grande collezionismo mediceo (Firenze-Galleria Palatina); Claudio Ridolfi (Regione Marche).
Partecipa ai convegni Jacopo Tintoretto nel IV centenario della morte, presso l'Università di Venezia e Antiquités imaginaires, Parigi, 'Ecole Normale Superieure, Centre d'études anciennes; Claudio Ridolfi (Corinaldo-Regione Marche)
  
1996Partecipa alle mostre L'Ospedale e la città (Verona, Museo di Castelvecchio); La leggenda del collezionismo-Le quadrerie storiche ferraresi (Ferrara, Pinacoteca Nazionale); Pietro Ricchi (Riva del Garda, Museo Civico).
Partecipa ai convegni Pisanello (Parigi-Louvre 26-28 giugno 1996); Giambattista Tiepolo nel terzo centenario della nascita, Università di Venezia.
Entra nel Consiglio dei docenti del Dottorato di ricerca in Storia dell'Arte dell'Università di Venezia.
  
1997Partecipa alle mostre Da Padovanino a Tiepolo (Padova, Museo Civico); Venezia: da stato a mito (Venezia-Fondazione Cini); 1797-Bonaparte a Verona (Verona, Museo di Castelvecchio); Tasso, Tiziano e i pittori del parlar disgiunto (Ferrara, Pinacoteca Nazionale); Il Cinquecento da Praga a Cremona (Cremona-Musei Civici).
  
1998Partecipa alla mostra Cento opere per un grande Castelvecchio (Verona, Museo di Castelvecchio).
Entra nel consiglio scientifico della rivista Quaderni di Palazzo Te.
  
1999Partecipa alle mostre Museo di Castelvecchio-disegni e Alessandro Turchi detto l'Orbetto (Verona, Museo di Castelvecchio); Esterhàzy (Frankfurt, Kunsthalle).
Partecipa al convegno su Fabio di Maniago (Università di Udine) (25-27 novembre).
  
2000Cura la mostra Cinque secoli di disegno veronese (Firenze, Gabinetto disegni e Stampe degli Uffizi).
Partecipa alle mostre: Da Paolo Veneziano a Canova (Venezia, Fondazione Cini); L'arte riscoperta (Rovereto, Musei Civici); Carlo Scarpa-Mostre e Musei 1944-1976; Case e palazzi1972-1978 (Verona, Museo di Castelvecchio- Vicenza, C.I.S.A.); Bortolo Sacchi (Bassano, Museo Civico).
E' nel Consiglio dei docenti della Scuola di specializzazione in Storia dell'Arte e delle Arti Minori e nel Dottorato di ricerca in Storia dell'Arte dell'Università di Padova.
  
2001Dal 1 settembre passa all'Università di Venezia, Ca' Foscari, dove è titolare dell'insegnamento di Storia della Critica d'Arte.
  
2002Partecipa al convegno Antonio Avena e la Verona del primo Novecento (Verona, Gran Guardia 28 febbraio-1 marzo).
E' vincitore di un concorso per professore di prima fascia in Storia dell'arte moderna (11 giugno) e prende servizio come ordinario di tale materia presso l'Università Ca' Foscari di Venezia (24 dicembre).
Partecipa al convegno Parmigianino e il Manierismo europeo presso la Galleria Nazionale di Parma (13-15 giugno)
  
2003Partecipa alla mostra Louis Dorigny 1654-1752 al Museo di Castelvecchio a Verona.
Partecipa al convegno Artisti in viaggio 1450-1600 alla Villa Manin di Passariano (Udine).
E' nel consiglio di redazione della rivista Venezia Arti.
Cura la mostra Arte e devozione mariana nella tradizione Stimmatina presso la casa madre degli Stimmatini a Verona.
E' consulente per il catalogo dei dipinti del Museo Civico di Treviso.
  
2004E' presidente del Collegio didattico del corso di laurea di Beni Culturali all'Università Ca' Foscari di Venezia.
Partecipa alla mostra Il secolo dell'Impero presso il MART di Trento-Rovereto.
Partecipa al convegno "Artisti in viaggio 1600-1750. Presenze foreste in Friuli Venezia Giulia (Udine 21-23 ottobre 2004).
Le informazioni riportate sono state caricate sul sito dell'Università Ca' Foscari Venezia direttamente dall'utente a cui si riferisce la pagina. La correttezza e veridicità delle informazioni pubblicate sono di esclusiva responsabilità del singolo utente.