FARSETTI Alessandro

Qualifica
Ricercatore
Telefono
041 234 9485
E-mail
alessandrofarsetti@unive.it
SSD
SLAVISTICA [L-LIN/21]
Sito web
www.unive.it/persone/alessandrofarsetti (scheda personale)
Struttura
Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati
Sito web struttura: https://www.unive.it/dslcc
Sede: Ca' Bernardo

Ha conseguito una laurea triennale in Lingue e Comunicazione Interculturale presso l’Università di Siena nel 2007 e una laurea specialistica in Traduzione Settoriale e per l’Editoria presso l’Università di Bologna nel 2009.

Dal 2010 al 2014 ha seguito i corsi del dottorato di ricerca in Lingue, Culture e Società (XXVI ciclo) a Ca’ Foscari, dove attualmente è Ricercatore di Letteratura russa. In passato ha inoltre tenuto corsi di Traduzione russo-italiano e Lingua e Letteratura russa presso l’Istituto di Mediazione Linguistica di Perugia e un modulo di Letteratura russa all'Università degli Studi di Firenze.

I suoi campi di indagine comprendono la poetica delle avanguardie artistiche di inizio Novecento in Russia, la cultura popolare dell’URSS, la letteratura di viaggio, la versificazione russa, la poetica cognitiva. I risultati dei suoi studi sono apparsi in riviste accademiche italiane e internazionali. Fa parte di un gruppo di ricerca coordinato da Luba Jurgenson (Paris IV - Sorbonne) e Claudia Pieralli (Università degli Studi di Firenze), che studia la ricezione delle repressioni sovietiche nella cultura italiana e in quella francese nel corso del Novecento.

È autore di una monografia sulla poesia di un minore dell'avanguardia russa (Una voce parigina nel Futurismo russo: la poesia di Ivan Aksenov, Firenze University Press, 2017), di cui ha anche curato l'edizione critica dell'opera omnia poetica (Odopisec Ėjfelevoj bašni, Izdatel'stvo EUSPb, 2022) e la traduzione italiana con esteso commento del saggio Picasso e dintorni (Stilo Editrice, 2020). Altri volumi a sua cura sono l'edizione italiana con testo russo a fronte del racconto di Andrej Platonov Pane e lettura (Linea edizioni, 2021) e, insieme a Michail Talalay e Dar’ja Moskovskaja, l’edizione russa commentata delle memorie italiane di Nikolaj Anciferov (Staraja Basmannaja, 2016). Una menzione a parte merita la traduzione dall'inglese all'italiano di The Gadfly (1897) di E. L. Voynich, romanzo di ambientazione italiana molto popolare nella Russia sovietica (Il figlio del cardinale, Castelvecchi, Roma, 2013).

È membro dell’Associazione Italiana degli Slavisti e del Comitato scientifico della rivista Kul’turologičeskij žurnal (Mosca). Collabora con l'Institut mirovoj literatury (IMLI RAN).