ZAVA Alberto

Qualifica Ricercatore Universitario
Telefono 041 234 7244
E-mail alberto.zava@unive.it
archiviodannunzio@unive.it - Archivio d'Annunzio
Sito web www.unive.it/persone/alberto.zava (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Studi Umanistici
Sito web struttura: http://www.unive.it/dsu
Sede: Malcanton Marcorà
Research team Creative arts, cultural heritage and digital humanities
Incarichi Delegato del Dipartimento per la Comunicazione interna

Alberto Zava (Venezia 1969) si è laureato in Lettere Moderne il 23 febbraio 1999 presso l'Università Ca' Foscari di Venezia con una tesi dal titolo La teoria del comico nella linea Cantoni-Pirandello. Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Italianistica presso la stessa università il 9 dicembre 2004 con una tesi dal titolo Epistolario di Alberto Cantoni con Angiolo ed Adolfo Orvieto (1882-1903), poi pubblicata in volume presso Il Poligrafo (Padova). Tra il 2005 e il 2007 ha usufruito di un assegno di ricerca sul romanzo del Settecento, occupandosi dell'edizione commentata moderna del romanzo La donna che non si trova di Pietro Chiari, pubblicata presso Piero Manni Editore (San Cesario di Lecce). Dall'Anno Accademico 2008-2009 all'Anno Accademico 2010-2011 è Docente a Contratto di Letteratura Italiana Contemporanea – Letteratura e giornalismo, corso online per studenti part-time (SSD L-Fil-Let/11), presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Dal 12 dicembre 2011 è Ricercatore Universitario di Letteratura Italiana Contemporanea (SSD L-Fil-Let/11) presso il dipartimento di Studi Umanistici dell'Università Ca' Foscari di Venezia.
La sua attività scientifica investe tre ambiti principali, riguardanti rispettivamente la seconda metà del Settecento, la narrativa a cavallo tra Ottocento e Novecento e il Novecento.
In relazione al settore settecentesco si è occupato della nascita e dello sviluppo del romanzo moderno italiano, in particolar modo della figura di Pietro Chiari.
In ambito otto-novecentesco si è occupato soprattutto della sfera del comico e delle sue teorizzazioni a livello critico-letterario, concentrando le proprie attenzioni su Alberto Cantoni e su Luigi Pirandello.
In area novecentesca si è occupato prevalentemente delle tematiche relative all'interazione tra la sfera del giornalismo e della letteratura, con particolare riferimento alla nascita e allo sviluppo della Terza Pagina nei primi decenni del Novecento e con analisi specifiche dell'esperienza di giornalista-scrittore di autori del secondo Novecento (Guido Piovene, Carlo Levi, Enrico Emanuelli, Tiziano Terzani, Gina Lagorio); ha dedicato inoltre interventi critici a Luigia Codemo, Giuseppe Dessì, Massimo Carlotto, Paolo Maurensig e Giulio Ghirardi.
Fa parte del comitato di redazione della rivista «Ermeneutica letteraria» e della collana «Diaspore. Quaderni di ricerca» ed è segretario di redazione della rivista «Archivio d'Annunzio».

Ultima modifica: 28/06/2018
Le informazioni riportate sono state caricate sul sito dell'Università Ca' Foscari Venezia direttamente dall'utente a cui si riferisce la pagina. La correttezza e veridicità delle informazioni pubblicate sono di esclusiva responsabilità del singolo utente.