TUROLDO Fabrizio

Qualifica Professore Ordinario
Telefono 041 234 6215
E-mail fturoldo@unive.it
Fax 041 234 7296
Sito web www.unive.it/persone/fturoldo (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali
Sito web struttura: https://www.unive.it/dip.fbc
Sede: Malcanton Marcorà
Incarichi Rappresentante del Dipartimento presso BAUM

ENGLISH VERSION (SEGUE LA VERSIONE ITALIANA)

Current studies and teaching activities

My current studies and teaching activities are mainly focused on Bioethics and Social Ethics. I teach Bioethics in the undergraduate and graduate courses at the Faculty of Philosophy and also Social Ethics and Bioethics in the undergraduate course at the Faculty of Social Work. Both Faculties are at the University of Venice “Ca Foscari”.   

Among my recent books, one is specifically devoted to some bioethical issues (L’etica di fine vita [End-of-life Ethics], Città Nuova, Rome 2010, 2° ed. 2011), one to social issues (Le malattie del desiderio. Storie di tossicodipendenza e anoressia [Diseases of Desire. Stories of addiction and anorexia] , Cittadella, Assisi 2011) and one is exactly at the borderline between Bioethics and Social Ethics (Bioetica ed etica della responsabilità [Bioethics and ethics of responsibility], Cittadella, Assisi 2009 – 2° ed. 2011).

L’etica di fine vita [End-of-life Ethics] criticizes the so called “medical reductionism”, a typical perspective of the scientific and objective medicine, which tends to put attention only on the organism but not on the person, i.e. the illness instead of the patient. In fact, an ethical reflection on dying is possible only by considering the global dimension of pain, i.e. not only the physical pain that is manageable with anaesthetic tools. Moving from this holistic concept of pain, the book deals also with some specific issues like palliative care, artificial hydration and nutrition, futile treatment, euthanasia, etc.

Bioetica ed etica della responsabilità [Bioethics and Ethics of responsibility] is divided in two sections: the first one is a reflection on the concept of responsibility and tries to understand the profound reason of its wide circulation in contemporary philosophical literature. Therefore, several etymologies of responsibility are compared with a theoretical as well as a philological aim in order to look for a common ground of such different meanings. This theoretical reflection is followed in the second section by some practical applications of an Ethics of responsibility to specific issues such as multiculturalism, public health and end-of-life decision making.

Le malattie del desiderio [Diseases of Desire. Stories of addiction and anorexia] tries to answer to a series of questions such as: How can self destroying behaviours be explained, if human beings are characterized by a fundamental instinct of self-preservation? Why do people do things they know being harmful? Why do they start? Why aren’t they able to stop? Why do they relapse after years of abstinence? Answers to these questions are developed by reference to some real life experiences, from which a fundamental truth emerges: in his/her essence, a human being is a desire for infinite and, for this reason, he/she could be dazzled by “false infinites”, which drive him/her to destruction. Book launch.

Finally, Bioetica e reciprocità. Una nuova prospettiva sull’etica della vita  [Bioethics and reciprocity. A new perspective on Life Ethics] Città Nuova, Roma 2003 (a new edition will be published in November 2011) is the more systematic work in which I have dealt with various bioethical issues by focusing on and moving from a relational conception of a person.

International relationships and publications

In the latest years I have been developing international academic relationships by participating in activities of some international institutions devoted to bioethical studies, such as the ”European Association of Centres of Medical Ethics” (EACME), the “European Society for Philosophy of Medicine and Healthcare” (ESPMH) and the “International Association for Bioethics” (IAB). The collaboration with EACME had an important outcome in September 2009, when the annual meeting of EACME was held at the University of Venice “Ca Foscari” thanks also to the cooperation of the Lanza Foundation. The main issue was on “Bioethics and multiculturalism”.

Some of the papers I presented at the yearly conferences of EACME, IAB and ESPMH are included in the following publications:

Turoldo F., Barilan Y.M, The Concept of responsibility. Three Stages in Its Evolution within Bioethics, “Cambridge Quarterly of Healthcare Ethics”, 2008, vol. 1, pp. 114-123.

Turoldo F., Responsibility as an Ethical Framework for Public Health Interventions, “American Journal of Public Health”, 2009, vol. 99, pp. 1197-1202.

Turoldo F., Turoldo Responds, “American Journal of Public Health”, 2010, vol. 100, pp. 6-7.

Turoldo F. Ethics of Responsibility in a Multicultural Context, “Perspectives in Biology and Medicine”, 2010, vol. 53, pp. 174-185.

Turoldo F., Relational Autonomy and Multiculturalism, “Cambridge Quarterly of Healthcare Ethics”, 2010, vol. 19, pp. 542-549.

I have participated at the Tiss.Eu project since 2008. Tiss.EU is a European Union funded project, which is coordinated by the Department for Ethics and History of Medicine of the University of Göttingen. Its aim it is to evaluate legislative and regulatory documents in relation to supply, storage and transfer of human tissue and cells for research in the European Union. The Lanza Foundation of Padua and the Universities of Hannover, Birmingham, Stockholm, Budapest, Dublin, Paris, Aerdenhout and Vilnius are partners in this project.

In June 2008 I collaborated with the Institute of Biomedical Ethics of the University of Zurich (Switzerland) and with other representatives from different European countries, in a project funded by the European Science Foundation on “Advance Directives: Towards a Coordinated European Perspective?”.

In October 2009 I worked with the Andalusian School of Public Health (Granada, Spain), in a project aimed at comparing the experiences of Spain, Italy and United Kingdom on advance directives. Video.

Since 2004 I have participated at the “Master of Bioethics” (now called “Erasmus Mundus Master in Bioethics”) organized by the Universities of Leuven (Belgium), Padua (initially in collaboration with the Lanza Foundation) and Nijmegen (The Netherlands).

More recently I have promoted a Memorandum of Understanding between the University of Cuyo (Argentina) and the University of Venice “Ca’ Foscari”. Moreover I have promoted an Erasmus agreement between “Ca’ Foscari” and the University of Ghent (Belgium).

Research activities at the Lanza Foundation in Padua

In January 2004 I was appointed as coordinator of the project "Ethics and Medicine" at the Lanza Foundation in Padua, with which I have continued to collaborate since then by organising conferences, seminars, training courses and overseeing the publication of various articles in scholarly periodicals.

During my research activities at the Lanza Foundation, my interests were initially focused on these four issues:

a) end-of-life ethical issues, such as in advance directives, living wills, futile treatment, patient’s autonomy, humane medicine, etc. These studies gave birth to the  following publications:

1. F. Turoldo, G. Vazzoler (a cura di), Il testamento biologico, Cafoscarina, Venezia 2005.

2. F. Turoldo, Umanizzare la medicina. Il vero farmaco è il medico stesso, "Etica per le professioni", 2006/1

3. F. Turoldo, La malattia come crisi. Essere "vivi" fino alla morte, "Etica per le professioni", 2006/2

4. F. Turoldo, Valori e limiti del modello dell'autonomia decisionale in sanità, "Studia Patavina", 2006/3.

5. F. Turoldo (a cura di), Le dichiarazioni anticipate di trattamento. Un testamento per la vita, Gregoriana, Padova, 2006.

6. F. Turoldo, Né eutanasia, né accanimento, "Etica per le professioni", 2007/1.

7. F. Turoldo (a cura di), Etica e umanizzazione delle cure, Gregoriana, Padova 2007.

8. F. Turoldo, L'autonomia del paziente, in AAVV, La comunicazione della salute, Raffaello Cortina, Milano 2009.

9. F. Turoldo, L'umanizzazione delle cure, in AAVV, La comunicazione della salute, Raffaello Cortina, Milano 2009.

10. F. Turoldo, Prefazione, in G. Manzato, La relazione medico-paziente fra tecnica ed etica, Cafoscarina, Venezia 2010.

b) beginning-of-life ethical issues, particularly artificial procreation, social and ethical implications of genetic testing. These studies have been summarized in the following articles:

1. F. Turoldo, L'alterità irriducibile del figlio, "Etica per le professioni", 2005/1

2. F. Turoldo, G.A. Dei Tos, A. Lovati, L. Montali, M. Pivetti, L. Stuppia, T. Vecchiato, Nuove frontiere della genetica, possibili utilizzi dei test genetici e questioni etiche, "Studi Zancan", 2007/2.

3. F. Turoldo, Non esiste un gene per lo spirito umano: considerazioni filosofiche ed etiche sui test genetici in fase prenatale, "Studi Zancan", 2007/2 (in seguito ripubblicato in F. Turoldo, Sui test genetici in fase prenatale, in C. Vigna, S. Zanardo, Etica di frontiera. Nuove forme del bene e del male, Vita e Pensiero, Milano 2006).

c) the globalization of bioethics, multiculturalism, just health, medical trials in developing countries. These studies are published in:

F. Turoldo (a cura di), La globalizzazione della bioetica. Un commento alla Dichiarazione Universale sulla Bioetica e i Diritti Umani dell'UNESCO, Gregoriana, Padova 2007.

On the other side, I devoted to multiculturalism the article:

F. Turoldo, L'etica della responsabilità alla prova del multiculturalismo, in L. Sandonà, La struttura dei legami, La Scuola, Brescia 2010.

d) more general aspects of bioethics aimed at defining domain, methods and fundamental concepts of bioethics. These studies of mine have been published in the following essays:

1. F. Turoldo, Il concetto di responsabilità, in L. Messinese - C. Göbel (a cura di), Verità e responsabilità. Studi in onore di Aniceto Molinaro, Studia Anselmiana, Roma 2006.

2. F. Turoldo, Fragilità e vulnerabilità della vita umana. Una prospettiva bioetica sul simbolo della fede, in F. Bosin - C. Dotolo, Patì sotto Ponzio Pilato-, EDB, Bologna, 2007.

3. F. Turoldo, Che cos'è la bioetica: radici e identità, in AAVV, Tra etica e bioetica. Prospettive di definizione della cultura della vita, Paravia, Milano, 2007.

4. F. Turoldo, Quale etica per la bioetica, in AAVV, Tra etica e bioetica. Prospettive di definizione della cultura della vita, Paravia, Milano, 2007.

5. F. Turoldo, Per un'etica della responsabilità, in S. Morandini (a cura di), Per la sostenibilità. Etica ambientale e antropologia, Gregoriana, Padova 2007.

6. F. Turoldo, Principi astratti e storie personali: una sintesi difficile, in S. Morandini, L'etica negli ambiti di vita, Projet Edizioni, Padova 2010.

I am currently working together with the panel of experts of the project on “Ethics and Medicine” at the Lanza Foundation on two new subjects: 1)The relation between Bioethics and national constitutions; 2) Ethics of organization in healthcare.

The research activities at the Lanza Foundation have developed in me a stronger interest in Bioethics applied to clinical practices. Therefore, I started working with/ I have become member of the Ethics Committee at the Padua Hospital, the Ethics Committee for Psychology Research (Departments of Psychology – University of Padua) the Veneto Region Working Group for the Humanization of Treatments in Healthcare, the Veneto Region Bioethics Committee.

Finally, another aspect of my activity is the organisation of courses in Bioethics at various levels: from University master courses to courses for health workers. Regarding these last ones, I collaborated and also taught at the Lanza Foundation in order to realize courses in various Health Trusts in the Veneto Region. About masters courses, I took part in the teaching activities at the "European Master in Bioethics" and the "Erasmus Mundus Master of Bioethics" (which are organised as a collaboration involving three European Universities: Padua, Leuven, Nijmegen) and I am involved in the organization of a new Master in Clinical Bioethics Counselling, which is the result of a collaboration involving the Lanza Foundation, the Catholic University of Rome, the University of Naples and the University of Insubria.

My research training

In my final dissertation, which I discussed for my graduation in Philosophy, at the University of Venice “Ca’ Foscari” in June 1992, I focused my attention on contemporary Italian metaphysical Philosophy by examining the debates and disputes that occurred between the two major schools of Metaphysics in Italy in the 2nd post-war period: the Milan School, under the guide of Gustavo Bontadini and the Padua School, under the guide of Marino Gentile. These studies resulted in the following essays:

1. F. Turoldo, Omaggio a Bontadini. Osservazioni sulla coerenza interna e sugli sviluppi del pensiero bontadiniano, "Rivista di filosofia neo-scolastica", I, 1995.

2. F. Turoldo, L'essere, il nulla e il divenire. Riprendendo le fila di una grande polemica, "Rivista di filosofia neo-scolastica", II, 1996.

3. F. Turoldo, L'identità e la differenza. Due proposte teoriche intorno alla teoria del giudizio e alla semantizzazione dell'essere, "Rivista di filosofia neo-scolastica", IV, 1996.

4. F. Turoldo, Principio di causalità e nozione d’essere come atto. A proposito di un dibattito di metafisica, "Rivista di filosofia neo-scolastica", I, 1999.

These four essays were then collected in a volume entitled Polemiche di metafisica. Quattro dibattiti sull'Essere, il Nulla e il Divenire, Aracne, Roma 2009. The volume included also: an unedited introductory essay of mine entitled La metafisica nel pensiero contemporaneo; Emanuele Severino’s reply to one of my essays (also unedited); and an Enrico Berti’s essay (already published in "Rivista di filosofia neo-scolastica") with some responses to my own position regarding the Padua School (see E. BERTI, A proposito di identità e differenza [Risposta a Fabrizio Turoldo], "Rivista di filosofia neo-scolastica", II-III, 1997).

My interest in these ontological issues has been everlasting. In fact, I devoted to them two recent articles:

F. TUROLDO, Bontadini e i suoi critici. Un dibattito tra metafisici sull'essere e sul nulla, in C. VIGNA (a cura di), Bontadini e la metafisica, Vita e Pensiero, Milano 2006;

F. TUROLDO, Sul concetto di onnipotenza divina nel pensiero di Hans Jonas, "Studia Patavina", 2009, II, pp. 343-358 (in seguito ripubblicato in F. TUROLDO, Il concetto di Dio dopo Auschwitz nella riflessione di Hans Jonas, in I. ADINOLFI [a cura di], Dopo la Shoah. Un nuovo inizio per il pensiero, Carocci, Roma 2011).

Three years after the graduation in Philosophy at the University of Venice, I completed a PhD in Philosophy at the same university, under the direction of Carmelo Vigna, the holder of the Chair of Moral Philosophy. The subject that I chose for my doctorate remained in the area of contemporary thought, but this time the author of my interest was neither Italian nor a philosopher of Metaphysics, because I chose to focus my attention on the French philosopher Paul Ricoeur, who wrote from a phenomenological-hermeneutic perspective. During that period I had the opportunity to participate in an annual programme (1994-95) within the École Normale Supérieure of Fontenay-Saint Cloud, in Paris. During my stay I had the chance to converse with Paul Ricoeur on various occasions and to discuss with him the issues of my dissertation. I also attended various other courses within the University of Paris led by Professors Michel Haar, Jean Greish, Jacques Derrida, etc. After having discussed a "mémoire", I obtained the International Diploma in Philosophy of the École Normale Supérieure at the end of the year I spent in Paris .

The work carried out during the PhD was published in F. TUROLDO, Verità del metodo. Indagini su Paul Ricoeur, Il Poligrafo, Padua 2000. It is a monograph on Ricoeur that is introduced by an essay written by the philosopher himself and it includes the transcripts of our meetings in the appendices.

In addition to the monograph, I have also published the following four essays on Ricoeur:

1. F. TUROLDO, Ontologia dell'atto e ontologia della sostanza. Riflessioni sul progetto ricoeuriano di una Poetica della Volontà, "Edizione", 1995, n. 12.

2. F. TUROLDO, Il male: sfida alla ragione e scacco per la filosofia, "Esodo", I, gennaio-marzo 2001.

3. F. TUROLDO, Libertà, giustizia e bene nel pensiero di Paul Ricoeur, in C. VIGNA (a cura di), Libertà, giustizia e bene in una società plurale, Vita e Pensiero, Milan, 2003.

4. F. TUROLDO, L'ultimo Ricoeur, "Per la Filosofia", maggio-agosto 2004.

After the PhD I attended a Specialization Course in Philosophy at the University of Trieste during the academic year 1996/97. As part of this course I completed a short dissertation.

The relationship with Ricoeur and my interest in his work and ideas encouraged me to expand my interests from the field of Metaphysics and Ontology to that of Moral, to which many chapters of Ricoeur’s book are dedicated. Ricoeur focused on reflecting the relationship between Metaphysics and Moral for a long time and  found  the common ground between these two areas in Anthropology, as he explained in De la métaphysique à la morale, one of his most beautiful essays, published in "Revue de métaphysique et de morale" (IV, 1993), of which Ricoeur was the Director at that time. For these reasons, after the research on Ricoeur, I undertook studies on Ethics and Bioethics, thanks to a three-year scholarship (1996-99) offered to me by the CUC (the Catholic Universitary Center of Rome). The following essays were born from these studies:

1. F. Turoldo, Bioetica e persona. Prospettiva funzionalista e prospettiva sostanzialista, "Religione e Scuola", nov./dic. 1998.

2. F. Turoldo, Considerazioni etiche sulla clonazione animale e umana, "Religione e Scuola", gen./feb. 1999.

3. F. Turoldo, Uomini, animali e natura, "Religione e Scuola", mag./giu. 1999.

4. F. Turoldo, Etica e ingegneria genetica, "Religione e Scuola", set./ott. 1999.

5. F. Turoldo, La regolamentazione della procreazione assistita. Luci e ombre della nuova legge, "Religione e Scuola", nov./dic. 1999.

6. F. Turoldo, L'uomo e la tecnica. A proposito di interventi medicali nel campo sessuale e procreativo, "Religione e Scuola", gen./feb. 2000.

7. F. Turoldo, La continuità dello sviluppo embrionale. A proposito di aborto e di sperimentazione sugli embrioni, "Religione e Scuola", mag./giu. 2000.

8. F. Turoldo, I trapianti di organo e la nuova legge approvata dal Parlamento, "Religione e Scuola", nov./dic. 2000.

9. F. Turoldo, La scelta di morire. Considerazioni morali sull'eutanasia, "Religione e Scuola", mar./apr. 2002.

10. F. Turoldo, Il conflitto dei valori, "Religione e Scuola", mag./giu. 2002.

11. F. Turoldo, Intersoggettività e bioetica, in C. VIGNA (a cura di), Etica trascendentale e intersoggettività, Vita e Pensiero, Milano, 2002.

Also on the theme of Ethics I published the following two entries, for the Encyclopaedia UTET:

1. F. Turoldo, Libertà, in AA.VV., Gli strumenti del sapere contemporaneo, vol. II, I concetti, UTET, Torino, 1997.

2. F. Turoldo, Desiderio, in AA.VV., Gli strumenti del sapere contemporaneo, vol. II, I concetti, UTET, Torino, 1997.

And the following entries in the Encyclopaedia of Philosophy:

1. F. Turoldo, Continenza, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. III, Bompiani, Milano, 2006.

2. F. Turoldo - L. Vannicelli, Costume. Aspetto etnologico ed aspetto etico, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. III, Bompiani, Milano, 2006.

3. F. Turoldo, Costume. Il rapporto tra costume inteso come prassi e costume inteso come norma, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. III, Bompiani, Milano, 2006.

4. F. Turoldo - E. Centineo, Edonismo, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. IV, Bompiani, Milano, 2006.

5. F. Turoldo - G. Morra, Lecito/illecito, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. VII, Bompiani, Milano, 2006.

6. F. Turoldo - P. Prini, Pietà, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. IX, Bompiani, Milano, 2006.

7. F. Turoldo - G. Semerari, Rettitudine, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. X, Bompiani, Milano, 2006.

8. F. Turoldo - G. Morra, Sensualismo, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. XI, Bompiani, Milano, 2006.

9. F. Turoldo, Tuziorismo, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. XII, Bompiani, Milano, 2006.

In 1999 I received a three-year grant funding from the Department of Philosophy of the University of Venice within a programme of research entitled "Bioethics and the concept of person". The research conducted as part of this project resulted in the following book:

F. Turoldo, Bioetica e reciprocità. Una nuova prospettiva sull'etica della vita, Città Nuova, Roma, 2003.

In the academic years 2002/03 and 2003/04 I was appointed "contract professor" for the course of "Elements of life Ethics", which was part of the undergraduate course in Philosophy, at the Faculty of Literature and Philosophy at the University of Venice "Ca' Foscari". The teaching contract was transformed into a research-post within the same university in the academic year 2004/05. Starting from the academic year 2005/2006 I was awarded the teaching-post for "Bioethics" within the undergraduate course in Philosophy and, from the academic year 2006/2007, also the course "Bioethics II" within the two-year post-graduate course in Philosophy.

In the course of the academic years 2003/04, 2004/05, 2005/06, 2006/07, I taught courses on "Special moral Theology" within the theological college "Laurentianum" in Venice, which is affiliated with the "Pontificio Ateneo Antonianum" in Rome.

In February 2003, after a comparative evaluation, I was appointed as Associated Professor in the field of Moral Philosophy.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Interessi di ricerca e attività didattica

I miei attuali interessi si incentrano prevalentemente su temi di bioetica e di etica sociale, così come la mia attività didattica. Insegno infatti “Bioetica” presso il corso di laurea in Filosofia ed “Etica sociale e bioetica” presso il corso di laurea in Scienze della società e del servizio sociale, all’Università “Ca’ Foscari” di Venezia.

Tra le mie monografie più recenti una si occupa in modo specifico di temi bioetici (L’etica di fine vita, Città Nuova, Roma 2010, 2° ed. 2011), una di problematiche etico-sociali (Le malattie del desiderio. Storie di tossicodipendenza e anoressia, Cittadella, Assisi 2011) e la terza di questioni che si situano al confine tra bioetica ed etica sociale (Bioetica ed etica della responsabilità. Dai fondamenti teorici alle applicazioni pratiche, Cittadella, Assisi 2009 – 2° ed. 2011).

L’etica di fine vita muove una critica al cosiddetto “riduzionismo medico”, ovvero a quella prospettiva culturale, figlia dell’iperspecializzazione scientifica moderna, che tende a ridurre la persona al suo organismo ed il malato alla sua malattia. Questo tipo di cultura rende impossibile la comprensione della crisi esistenziale che colpisce il malato terminale, che soffre di un “dolore totale” (come afferma Cecily Sounders, pioniera delle cure palliative), che non è solo dolore fisico, ma anche sofferenza psicologica e spirituale. Solo superando questa visione riduzionistica ed approdando ad un approccio di tipo olistico, è possibile delineare quell’etica di fine vita che viene preannunciata nel titolo del volume.

Bioetica ed etica della responsabilità inizia con una riflessione sul concetto di responsabilità, sulle ragioni del suo successo nella letteratura filosofica novecentesca e sulla moltiplicazione dei suoi significati. A questa riflessione teorica fa seguito un’applicazione pratica dell’etica della responsabilità ad una serie di campi specifici, che riguardano la bioetica (per es., la sospensione delle cure e i casi di Eluana Englaro, Piergiorgio Welby e Giovanni Nuvoli), oppure l’etica sociale (ad es. il tema del multiculturalismo, oppure quello delle politiche di sanità pubblica).

Le malattie del desiderio cerca di rispondere a una serie di domande quali, ad esempio: Come si possono spiegare i comportamenti autodistruttivi, se l’uomo si caratterizza per una fondamentale tendenza all’autoconservazione? Perché una persona giunge ad impegnarsi in comportamenti che sa esserle dannosi? Perché inizia, perché non riesce ad interrompere, perché vi ricade dopo anni di astinenza? Le risposte a tali domande vengono sviluppate attraverso il racconto di alcune storie di vita, dalle quali emerge una verità fondamentale: l’uomo è essenzialmente desiderio di infinito e, proprio per questo, può essere abbagliato dai cosiddetti “cattivi infiniti” che lo portano alla distruzione. presentazione.

Infine, il lavoro più sistematico in cui ho affrontato i vari temi della bioetica, attraverso una chiave interpretativa basata su di una concezione relazionale della persona, è Bioetica e reciprocità. Una nuova prospettiva sull’etica della vita, Città Nuova, Roma 2003. Di questo testo, attualmente esaurito, uscirà una nuova edizione riveduta, ampliata e aggiornata, nel novembre 2011.

Relazioni e pubblicazioni internazionali

In questi ultimi anni ho cercato di coltivare le relazioni accademiche internazionali soprattutto attraverso la partecipazione alle attività di due associazioni internazionali che si occupano di bioetica e di filosofia della medicina: la ”European Association of Centres of Medical Ethics” (EACME), la “European Society for Philosophy of Medicine and Healthcare” (ESPMH) e l'International Association for Bioethics (IAB). Questa collaborazione ha permesso che il convegno annuale dell’EACME del settembre 2009, sul tema “Bioetica e multiculturalismo” si potesse celebrare, con la collaborazione della Fondazione Lanza, presso l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, all’interno del Polo didattico di San Basilio.

Le relazioni che ho tenuto ai convegni annuali dell’ESPMH hanno dato origine alle seguenti pubblicazioni:

TUROLDO F., BARILAN Y.M The Concept of responsibility. Three Stages in Its Evolution within Bioethics, “Cambridge Quarterly of Healthcare Ethics”, 2008, vol. 1, pp. 114-123.

TUROLDO F. Responsibility as an Ethical Framework for Public Health Interventions, “American Journal of Public Health”, 2009, vol. 99, pp. 1197-1202.

TUROLDO F. Turoldo Responds, “American Journal of Public Health”, 2010, vol. 100, pp. 6-7.

TUROLDO F. Ethics of Responsibility in a Multicultural Context, “Perspectives in Biology and Medicine”, 2010, vol. 53, pp. 174-185.

TUROLDO F. Relational Autonomy and Multiculturalism, “Cambridge Quarterly of Healthcare Ethics”, 2010, vol. 19, pp. 542-549.

Dal 2008 partecipo al progetto Tiss.Eu, un progetto finanziato dall’Unione Europea all’interno del VII Programma Quadro e coordinato dal Dipartimento di Etica e Storia della Medicina dell’Università di Gottinga (Germania). Lo scopo del progetto è quello di valutare gli aspetti giuridici ed etici relativi alla conservazione e al trasferimento di tessuti e cellule di origine umana a fini di ricerca. Del consorzio fanno parte la Fondazione Lanza di Padova (per conto della quale partecipo al progetto) e le Università di Hannover, Birmingham, Stoccolma, Budapest, Padova, Dublino, Parigi, Aerdenhout e Vilnius.

Nel 2008 ho collaborato, con l'Istituto di Etica Bioemedica dell'Università di Zurigo e con rappresentanti di tutte le nazioni europee, ad un progetto finanziato dalla "European Science Foundation" sul seguente tema: "Advance Directives: Towards a Coordinated European Perspective?"

Sullo stesso tema, l'anno successivo (ottobre 2009), ho partecipato ad un progetto della Scuola Andalusa di Salute Pubblica orientato al confronto tra le esperienze di Spagna, Italia ed Inghilterra sulla questione delle direttive anticipate di trattamento. Video.

Partecipo, dal 2004, prima come coordinatore del modulo in “Religions and Bioethics” e poi come docente a tutte le edizioni del “Master of Bioethics” (ora “Erasmus Mundus Master in Bioethics”) promosso dalle università di Lovanio (Belgio), Padova (in collaborazione, inizialmente, con la Fondazione Lanza) e Nimega (Olanda).

Recentemente ho promosso un accordo quadro (Memorandum of Understanding) fra l’Università di Cuyo in Argentina e l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, istituzionalizzando un rapporto che già da tempo avevo avviato con l’Istituto di Bioetica dell’Università di Cuyo, estendendolo così a tutto l’Ateneo veneziano. Ho inoltre promosso un accordo tra l’Università “Ca’ Foscari” e l’Università di Ghent, in Belgio, per scambi Erasmus.

L’attività di ricerca presso la Fondazione Lanza di Padova

Nel gennaio 2004 sono stato nominato coordinatore del progetto “Etica e Medicina” della Fondazione Lanza di Padova, con cui continuo tuttora a collaborare, organizzando convegni, seminari, corsi di formazione e curando alcune pubblicazioni periodiche.

I miei interessi di ricerca, nel corso dell'attività svolta presso la Fondazione Lanza, hanno inizialmente seguito quattro direttrici:

1)La prima si è incentrata sulla bioetica di fine vita, con approfondimenti relativi al testamento biologico, al concetto di accanimento terapeutico, all'eutanasia, all'autonomia decisionale del paziente terminale e all'umanizzazione delle cure alla fine della vita. Da questi studi sono nati i seguenti volumi ed articoli:

1. F. TUROLDO, G. VAZZOLER (a cura di), Il testamento biologico, Cafoscarina, Venezia 2005.

2. F. TUROLDO, Umanizzare la medicina. Il vero farmaco è il medico stesso, "Etica per le professioni", 2006/1

3. F. TUROLDO, La malattia come crisi. Essere "vivi" fino alla morte, "Etica per le professioni", 2006/2

4. F. TUROLDO, Valori e limiti del modello dell'autonomia decisionale in sanità, "Studia Patavina", 2006/3.

5. F. TUROLDO (a cura di), Le dichiarazioni anticipate di trattamento. Un testamento per la vita, Gregoriana, Padova, 2006.

6. F. TUROLDO, Né eutanasia, né accanimento, "Etica per le professioni", 2007/1.

7. F. TUROLDO (a cura di), Etica e umanizzazione delle cure, Gregoriana, Padova 2007.

8. F. TUROLDO, L'autonomia del paziente, in AAVV, La comunicazione della salute, Raffaello Cortina, Milano 2009.

9. F. TUROLDO, L'umanizzazione dell cure, in AAVV, La comunicazione della salute, Raffaello Cortina, Milano 2009.

10. F. TUROLDO, Prefazione, in G. MANZATO, La relazione medico-paziente fra tecnica ed etica, Cafoscarina, Venezia 2010.

2)La seconda ha avuto per oggetto problematiche relative all'inizio della vita, in particolare i temi della procreazione assistita e delle implicazioni sociali ed etiche dell'utilizzo dei test genetici in fase prenatale. Questi studi sono all'origine dei seguenti due saggi:

1. F. TUROLDO, L'alterità irriducibile del figlio, "Etica per le professioni", 2005/1

2. F. TUROLDO, G.A. DEI TOS, A. LOVATI, L. MONTALI, M. PIVETTI, L. STUPPIA, T. VECCHIATO, Nuove frontiere della genetica, possibili utilizzi dei test genetici e questioni etiche, "Studi Zancan", 2007/2.

3. F. TUROLDO, Non esiste un gene per lo spirito umano: considerazioni filosofiche ed etiche sui test genetici in fase prenatale, "Studi Zancan", 2007/2 (in seguito ripubblicato in F. TUROLDO, Sui test genetici in fase prenatale, in C. VIGNA, S. ZANARDO, Etica di frontiera. Nuove forme del bene e del male, Vita e Pensiero, Milano 2006).

3)Una terza pista di ricerca ha riguardato la globalizzazione della bioetica, il multiculturalismo, i problemi dell'allocazione delle risorse sanitarie su scala globale, la giustizia in campo sanitario e la regolamentazione delle sperimentazioni condotte nei paesi in via di sviluppo. Da tali studi è nato il volume:

F. TUROLDO (a cura di), La globalizzazione della bioetica. Un commento alla Dichiarazione Universale sulla Bioetica e i Diritti Umani dell'UNESCO, Gregoriana, Padova 2007.

Alle tematiche del multiculturalismo ho dedicato invece il seguente articolo:

F. TUROLDO, L'etica della responsabilità alla prova del multiculturalismo, in L. SANDONA', La struttura dei legami, La Scuola, Brescia 2010.

4)Infine, la quarta direttrice ha riguardato gli aspetti più generali della bioetica, con la produzione dei seguenti saggi, mirati a definire il campo, il metodo ed alcuni concetti fondamentali della disciplina:

1. F. TUROLDO, Il concetto di responsabilità, in L. MESSINESE - C. GÖBEL (a cura di), Verità e responsabilità. Studi in onore di Aniceto Molinaro, Studia Anselmiana, Roma, 2006.

2. F. TUROLDO, Fragilità e vulnerabilità della vita umana. Una prospettiva bioetica sul simbolo della fede, in F. BOSIN - C. DOTOLO, Patì sotto Ponzio Pilato-, EDB, Bologna, 2007.

3. F. TUROLDO, Che cos'è la bioetica: radici e identità, in AAVV, Tra etica e bioetica. Prospettive di definizione della cultura della vita, Paravia, Milano, 2007.

4. F. TUROLDO, Quale etica per la bioetica, in AAVV, Tra etica e bioetica. Prospettive di definizione della cultura della vita, Paravia, Milano, 2007.

5. F. TUROLDO, Per un'etica della responsabilità, in S. MORANDINI (a cura di), Per la sostenibilità. Etica ambientale e antropologia, Gregoriana, Padova 2007.

6. F. TUROLDO, Principi astratti e storie personali: una sintesi difficile, in S. MORANDINI, L'etica negli ambiti di vita, Projet Edizioni, Padova 2010.

Attualmente sto lavorando, assieme agli esperti del “Gruppo Base” del progetto “Etica e Medicina”, su due tematiche nuove, su cui non abbiamo prodotto ancora delle pubblicazioni: 1)Il rapporto tra le costituzioni nazionali e le questioni bioetiche; 2)L’etica dell’organizzazione in campo sanitario.

L'attività di ricerca svolta presso la Fondazione Lanza mi ha condotto a sviluppare un sempre maggiore interesse nei confronti della bioetica applicata alla pratica clinica. Tale interesse si è sviluppato attraverso il mio impegno all'interno del Comitato etico per la pratica clinica dell'Azienda Ospedaliera di Padova, del Comitato etico istituito presso i dipartimenti di psicologia generale e dello sviluppo dell'Università di Padova e del Gruppo operativo della Regione Veneto per l'umanizzazione delle cure in sanità. Recentemente, inoltre, sono stato inserito tra i membri del costituendo Comitato Regionale per la Bioetica della Regione Veneto.

Infine, un ulteriore fronte di impegno è costituito dall'organizzazione di corsi in bioetica a vari livelli: dai master universitari ai corsi per operatori sanitari. Per quanto riguarda i master vanno citati due master internazionali ("European Master in Bioethics" e "Master of Bioethics"), organizzati in collaborazione tra tre università europee (Padova, Lovanio e Nimega) e un nuovo master di “Consulenza in Bioetica clinica”, organizzato in collaborazione tra la Fondazione Lanza, il Policlinico “A. Gemelli” dell’Università Cattolica di Roma, l’Università “Federico II” di Napoli e l’Università dell’Insubria. Per quanto riguarda invece i corsi per operatori sanitari, ho collaborato con la Fondazione Lanza alla realizzazione di diversi corsi in molte ospedaliere del Veneto, partecipando anche all'attività di docenza.

La mia formazione

La mia tesi di laurea, discussa a Venezia, nel giugno 1992, con i proff. Carmelo Vigna ed Emanuele Severino, verteva sulla filosofia italiana contemporanea di orientamento metafisico, esaminando le dispute che, nel secondo dopoguerra, si sono intrecciate tra le due maggiori scuole di metafisica presenti in Italia: la Scuola di Milano, sotto la guida di Gustavo Bontadini e la Scuola di Padova, guidata da Marino Gentile. Questi studi, oltre alla tesi, hanno prodotto anche i seguenti saggi:

1. F. TUROLDO, Omaggio a Bontadini. Osservazioni sulla coerenza interna e sugli sviluppi del pensiero bontadiniano, "Rivista di filosofia neo-scolastica", I, 1995.

2. F. TUROLDO, L'essere, il nulla e il divenire. Riprendendo le fila di una grande polemica, "Rivista di filosofia neo-scolastica", II, 1996.

3. F. TUROLDO, L'identità e la differenza. Due proposte teoriche intorno alla teoria del giudizio e alla semantizzazione dell'essere, "Rivista di filosofia neo-scolastica", IV, 1996.

4. F. TUROLDO, Principio di causalità e nozione di essere come atto. A proposito di un dibattito di metafisica, "Rivista di filosofia neo-scolastica", I, 1999.

In seguito ho raccolto questi quattro saggi in un volume dal titolo Polemiche di metafisica. Quattro dibattiti sull'Essere, il Nulla e il Divenire, Aracne, Roma 2009. Il volume comprende inoltre un mio saggio introduttivo inedito dal titolo La metafisica nel pensiero contemporaneo; la risposta di Emanuele Severino ad uno dei miei saggi (anch'essa inedita) e, infine, un saggio di Enrico Berti, già pubblicato su "Rivista di filosofia neo-scolastica", con alcune risposte ai miei rilievi sulla scuola padovana (vedi E. BERTI, A proposito di identità e differenza [Risposta a Fabrizio Turoldo], "Rivista di filosofia neo-scolastica", II-III, 1997).

L'interesse per le tematiche ontologiche non è mai venuto meno, anche se nel seguito mi sono occupato di altri temi. Recentemente infatti, ho dedicato un paio di saggi ai vecchi interessi della mia tesi di laurea:

F. TUROLDO, Bontadini e i suoi critici. Un dibattito tra metafisici sull'essere e sul nulla, in C. VIGNA (a cura di), Bontadini e la metafisica, Vita e Pensiero, Milano 2006;

F. TUROLDO, Sul concetto di onnipotenza divina nel pensiero di Hans Jonas, "Studia Patavina", 2009, II, pp. 343-358 (in seguito ripubblicato in F. TUROLDO, Il concetto di Dio dopo Auschwitz nella riflessione di Hans Jonas, in I. ADINOLFI [a cura di], Dopo la Shoah. Un nuovo inizio per il pensiero, Carocci, Roma 2011).

Dopo aver conseguito la laurea in filosofia, nel triennio seguente (1993/1996) ho frequentato, presso la stessa Università, un dottorato di ricerca in filosofia, sotto la direzione del prof. Carmelo Vigna, titolare della cattedra di Filosofia morale. Il tema che avevo scelto per la tesi di dottorato rimaneva nell'ambito del pensiero contemporaneo, ma l'autore questa volta non era più un autore italiano, né un filosofo di orientamento metafisico. Avevo infatti scelto di dedicare la mia attenzione al filosofo francese Paul Ricoeur, un autore di orientamento fenomenologico-ermeneutico. Durante questo periodo ho avuto anche l'opportunità di partecipare ad un programma annuale (1994-'95) presso l'École Normale Supérieure di Fontenay-Saint Cloud, a Parigi. Nel corso del mio soggiorno parigino ho avuto la possibilità di frequentare Paul Ricoeur, di conversare con lui in svariate occasioni e di discutere personalmente con lui le problematiche della mia tesi. Ho inoltre frequentato vari corsi presso l'Università di Parigi (con i proff. Michel Haar, Jean Greisch, Jacques Derrida, ecc.). Alla fine dell'anno trascorso a Parigi ho conseguito, dopo aver discusso un "mémoire", il Diploma internazionale di filosofia dell'École Normale Supérieure.

Il lavoro svolto durante il dottorato di ricerca ha prodotto la seguente monografia su Ricoeur, introdotta da un saggio dello stesso Ricoeur e con allegati in appendice i testi dei nostri colloqui:

F. TUROLDO, Verità del metodo. Indagini su Paul Ricoeur, Il Poligrafo, Padova 2000.

Sempre sul pensiero di Ricoeur ho pubblicato anche i seguenti quattro saggi, non compresi nella monografia:

1. F. TUROLDO, Ontologia dell'atto e ontologia della sostanza. Riflessioni sul progetto ricoeuriano di una Poetica della Volontà, "Edizione", 1995, n. 12.

2. F. TUROLDO, Il male: sfida alla ragione e scacco per la filosofia, "Esodo", I, gennaio-marzo 2001.

3. F. TUROLDO, Libertà, giustizia e bene nel pensiero di Paul Ricoeur, in C. VIGNA (a cura di), Libertà, giustizia e bene in una società plurale, Vita e Pensiero, Milano, 2003.

4. F. TUROLDO, L'ultimo Ricoeur, in "Per la Filosofia", maggio-agosto 2004.

Concluso il dottorato di ricerca in filosofia presso l'Università di Venezia, ho frequentato un corso di perfezionamento in filosofia presso l'Università di Trieste, durante l'anno accademico 1996/'97.

Il rapporto con Ricoeur e la frequentazione delle sue tematiche, mi hanno incoraggiato ad espandere i miei interessi dal campo della metafisica e dell'ontologia a quello della morale, a cui sono infatti dedicati ampi capitoli della monografia su Ricoeur. Ricoeur stesso si è a lungo concentrato a riflettere sul rapporto tra metafisica e morale, trovando nell'antropologia l'anello di congiunzione tra questi due ambiti, così come egli spiega in uno dei suoi saggi più belli, intitolato appunto De la métaphysique à la morale, pubblicato su "Revue de métaphysique et de morale" (IV, 1993), di cui lo stesso Ricoeur era, a quel tempo, direttore. Per queste ragioni, dopo le ricerche su Ricoeur, ho intrapreso degli studi di etica e di bioetica, grazie ad una borsa di studio triennale (1996/'99) offertami dal “Centro Universitario Cattolico”, attivo a Roma presso la Conferenza Episcopale Italiana. Da quegli studi sono nati i seguenti saggi:

1. F. TUROLDO, Bioetica e persona. Prospettiva funzionalista e prospettiva sostanzialista, "Religione e Scuola", nov./dic. 1998.

2. F. TUROLDO, Considerazioni etiche sulla clonazione animale e umana, "Religione e Scuola", gen./feb. 1999.

3. F. TUROLDO, Uomini, animali e natura, "Religione e Scuola", mag./giu. 1999.

4. F. TUROLDO, Etica e ingegneria genetica, "Religione e Scuola", set./ott. 1999.

5. F. TUROLDO, La regolamentazione della procreazione assistita. Luci e ombre della nuova legge, "Religione e Scuola", nov./dic. 1999.

6. F. TUROLDO, L'uomo e la tecnica. A proposito di interventi medicali nel campo sessuale e procreativo, "Religione e Scuola", gen./feb. 2000.

7. F. TUROLDO, La continuità dello sviluppo embrionale. A proposito di aborto e di sperimentazione sugli embrioni, "Religione e Scuola", mag./giu. 2000.

8. F. TUROLDO, I trapianti di organo e la nuova legge approvata dal Parlamento, "Religione e Scuola", nov./dic. 2000.

9. F. TUROLDO, La scelta di morire. Considerazioni morali sull'eutanasia, "Religione e Scuola", mar./apr. 2002.

10. F. TUROLDO, Il conflitto dei valori, "Religione e Scuola", mag./giu. 2002.

11. F. TUROLDO, Intersoggettività e bioetica, in C. VIGNA (a cura di), Etica trascendentale e intersoggettività, Vita e Pensiero, Milano, 2002.

Inoltre, sempre su temi di etica, ho pubblicato anche le seguenti due voci, per l'Enciclopedia UTET:

1. F. TUROLDO, Libertà, in AA.VV., Gli strumenti del sapere contemporaneo, vol. II, I concetti, UTET, Torino, 1997.

2. F. TUROLDO, Desiderio, in AA.VV., Gli strumenti del sapere contemporaneo, vol. II, I concetti, UTET, Torino, 1997.

E le seguenti voci all'interno dell'Enciclopedia Filosofica:

1. F. TUROLDO, Continenza, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. III, Bompiani, Milano, 2006.

2. F. TUROLDO - L. VANNICELLI, Costume. Aspetto etnologico ed aspetto etico, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. III, Bompiani, Milano, 2006.

3. F. TUROLDO, Costume. Il rapporto tra costume inteso come prassi e costume inteso come norma, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. III, Bompiani, Milano, 2006.

4. F. TUROLDO - E. CENTINEO, Edonismo, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. IV, Bompiani, Milano, 2006.

5. F. TUROLDO - G. MORRA, Lecito/illecito, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. VII, Bompiani, Milano, 2006.

6. F. TUROLDO - P. PRINI, Pietà, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. IX, Bompiani, Milano, 2006.

7. F. TUROLDO - G. SEMERARI, Rettitudine, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. X, Bompiani, Milano, 2006.

8. F. TUROLDO - G. MORRA, Sensualismo, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. XI, Bompiani, Milano, 2006.

9. F. TUROLDO, Tuziorismo, in AAVV, Enciclopedia Filosofica, vol. XII, Bompiani, Milano, 2006.

Nel 1999 ho ottenuto un assegno di ricerca della durata triennale presso il Dipartimento di Filosofia dell'Università di Venezia, all'interno di un programma di ricerca titolato “Bioetica e persona”. L'attività di studio svolta all'interno del progetto di lavoro previsto per l'assegno di ricerca ha dato origine al seguente libro:

F. TUROLDO, Bioetica e reciprocità. Una nuova prospettiva sull'etica della vita, Città Nuova, Roma, 2003.

Negli anni accademici 2002/2003 e 2003/2004 sono stato nominato "professore a contratto" presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università "Ca' Foscari" di Venezia, dove sono stato assunto in ruolo come ricercatore universitario nel corso dell'anno accademico 2004/2005 e come professore associato a partire dall’anno accademico 2007/2008.