Corsi professionalizzanti

Oltre alle attività relative al Master in Economia e Gestione del Turismo e ai progetti internazionali, Ciset organizza, su richiesta o in collaborazione con imprese, enti, agenzie locali corsi rivolti a studenti e professionisti. 

Inoltre, sono attivi annualmente percorsi di formazione integrata e specialistica per disoccupati, inoccupati e occupati, finanziati tramite fondi FSE/FESR.

L'expertise e la  capacità di integrare formazione accademica, professionale ed esperienziale hanno fatto sì che l'approccio formativo di Ciset sia riconosciuto e utilizzato come best practice in diversi progetti internazionali. 

La testimonianza di Martina Benetazzo

Martina Benetazzo ha visto un annuncio su Facebook. Così ha conosciuto il Ciset ed è stata selezionata per il corso di formazione "Tourism network specialist - Promozione ville venete e filiera turistica". Al termine del corso il tirocinio alla FUNActive Tours di Dobbiaco e poi la firma di un contratto di lavoro.

Corsi in partenza

Siamo sempre al lavoro per nuovi progetti. Sei interessato? Scrivi a  cisetve@gmail.com

Corsi conclusi

 D.G.R. 1220/2017, Cod. 1172-1-1220-2017

Anno svolgimento: 2019

Obiettivi
Il progetto ha voluto dare la possibilità di partecipare ad un laboratorio di preparazione specifica e di progettazione su temi strategici per la destinazione vicentina, quali il turismo slow, l'innovazione nel turismo, la valorizzazione del patrimonio culturale in chiave turistica (focus specifico i luoghi delle ville), il web marketing e la promozione turistica.
Il laboratorio è durato 24 ore ed era rivolto a 10 partecipanti: 7 referenti aziendali e 3 partecipanti disoccupati. Soltanto per questi ultimi era previsto al termine dell'attività del laboratorio, un tirocinio della durata di 320 ore.

Contenuti

  • Strategie e progettualità della destinazione
  • I tematismi "turismo slow" e "ville venete"
  • Pianificare un'azione di marketing web-oriented
  • Utilizzare lo storytelling per la promozione turistica
  • Creare e gestire contenuti digitali per veicolare i prodotti della destinazione vicentina

Tirocinio
L'attività si è svolta presso imprese selezionate già in fase di progettazione che hanno espresso interesse nella figura professionale che si vuole creare.

D.G.R. 1220/2017, Progetto “UN.ES.CO – Una Esperienza Condivisa per valorizzare il patrimonio culturale veneto” (35-1-1220-2017)

Anno svolgimento: 2018

Obiettivi
La finalità del progetto era quella di fornire ai partecipanti selezionati una preparazione specifica su temi strategici quali l'innovazione nel turismo, la valorizzazione del patrimonio culturale in chiave turistica (focus specifico sui luoghi Unesco in Veneto), il web marketing e la promozione turistica attraverso un periodo di apprendimento formativo ad alto contenuto innovativo della durata di 88 ore e un tirocinio della durata di 320 ore.

Contenuti

  • Analizzare i processi della filiera turistica
  • Sviluppare politiche di marketing relazionale
  • Analisi dei dati e principali applicazioni nel web
  • Pianificare un’azione di marketing web-oriented
  • Utilizzare lo storytelling per la promozione turistica
  • Creare e gestire contenuti digitali
  • Organizzare e gestire una newsletter

Tirocinio
’attività si è svolta presso imprese selezionate già in fase di progettazione che hanno espresso interesse nella figura professionale che si vuole creare. 

Progetto 2772/1/578/2017 approvato con Decreto n. 886 del 09/08/2017

Anno svolgimento: 2017

Obbiettivi
Il progetto è stato promosso da CISET - Centro Internazionale Studi sull'Economia del Turismo, in partenariato con Fondazione Università Ca’ Foscari di Venezia- Digital Enterprise Lab, Confcommercio Veneto, Umana Spa e altri partner istituzionali e aziendali.
Il percorso è stato ideato in raccordo con la progettualità europea già avviata dalla Direzione Turismo della Regione Veneto nelle aree venete focus del presente intervento.
Finalità del progetto era quella di fornire una preparazione specialistica su temi chiave per la creazione di esperienze turistiche all’insegna della valorizzazione dei mestieri tradizionali (craft tourism) della laguna e dei percorsi fluviali veneti.
L’obiettivo era la definizione di un profilo professionale innovativo, il Craft Tourism Designer, capace di ideare e promo-commercializzare pacchetti/eventi/itinerari turistici che propongano esperienze ad alto valore aggiunto a turisti, residenti e scolaresche.

Contenuti

  • Maestranze tradizionali della lavorazione del vetro e altre forme artigianali e artistiche veneziane
  • Produzioni di eccellenze dell’enogastronomia e vitivinicole
  • Preparazione di ricette locali
  • Restauro e navigazione di imbarcazioni tipiche lagunari e fluviali 

Il Craft Tourism Designer si occuperà quindi di supportare le imprese partner di progetto nell’ideazione di forme di offerta capaci di mettere al centro dell’esperienza del visitatore temi come:

  • sostenibilità economica, sociale e ambientale di attività ideate nel contesto lagunare e nei territori dei corsi d’acqua
  • salvaguardia dei mestieri tradizionali
  • “ibridazione” di queste maestranze con le digital skills di cui i giovani sono portatori
  • avvio di processi partecipativi  pubblico-privato per lo sviluppo di progettualità incentrate sull’autenticità.

Start up Viaggiare curiosi
Nell'ambito del progetto è stato dato sostegno all'avvio di una nuova start up: Viaggiare curiosi. Ciset ha affiancato Carmen Gurinov che ultimando il percorso consulenziale previsto ha potuto aprire il suo tour operator per operare nell'area dei Colli Euganei e non solo puntando su proposte esperienziali e attente alla sostenibilità.

Risultati del progetto
Intervista ai maestri artigiani della laguna di Venezia

DGR n. 1358 del 09/10/2015, Progetto 2772-5-1358-2015 approvato con DDR n° 407 del 31/07/2017

Anno svolgimento: 2017-2018

Obbiettivi
Il progetto è stato promosso da CISET - Centro Internazionale Studi sull'Economia del Turismo, in partenariato con Umana - Agenzia per il lavoro, FERPI - Federazione Relazioni Pubbliche Italiana e la rete di aziende partner. Il percorso formativo professionalizzante voleva rispondere alle esigenze delle aziende del settore turistico di reperire uno Specialista in Social Media e Comunicazione Digitale per il turismo.

Contenuti
In coerenza con le priorità regionali di rafforzare con la formazione le competenze professionali, gli obiettivi formativi del progetto permettevano lo sviluppo di competenze per:

  • Applicare nozioni di economia e marketing delle imprese turistiche
  • Attivare una digital strategy in relazione agli obiettivi aziendali
  • Creare e comunicare contenuti efficaci attraverso i media online e offline

I principali argomenti trattati nella formazione specialistica erano:

  • Sistema turistico, domanda e offerta, turismo in Veneto, mercati obiettivo e comportamento d'acquisto
  • Elementi di marketing, posizionamento, branding, project management
  • SEO, SEM & Social Media Advertising, Indagini online, Web Analytics
  • Elementi di comunicazione e content management, storytelling, comunicato stampa, comunicazione aziendale ai tempi del web, video making

A seguito della formazione specialistica, ogni partecipante è stato inserito in un percorso di tirocinio aziendale in una PMI veneta del settore turistico.

Le imprese a fianco di SMeC
Le imprese che hanno ospitato i tirocini: Abano Ritz Hotel Terme, Congress Studio Venezia International, Best Western Premier BHR Treviso Hotel, Jonas Vacanze eco-logiche, Kia Ora, Viaggi, Venice Receptive Service, Albergo Rosa Caorle.

Testimonianze

Chiara Padoan, chioggiotta DOC, dopo 8 anni in Honduras rientra in Italia e si trova disoccupata. Sceglie il percorso SMeC: formazione by Ciset, tirocinio a Destination Venice. Come finisce? Non solo viene confermata in azienda, ma è già al lavoro per ampliare la rete di collaboratori.

Damiano De Marchi, responsabile del progetto SMeC, ne racconta le caratteristiche e gli obiettivi. Il video è frutto del laboratorio di video making all'interno del progetto SMeC, curato da Marco Zambon.

DGR 255 del 08/03/2016, Cod. 2772/1/255/2016 approvato con Ddr. 618 del 24/05/2016

Anno svolgimento: 2016

Obbiettivi
La finalità del progetto era quella di fornire a 13 allievi selezionati una preparazione specifica su temi chiave per la valorizzazione turistica del patrimonio delle ville venete e della filiera di contesto.
L’obiettivo era la definizione di un profilo professionale innovativo capace di supportare nell’avvio/gestione di aggregazioni e reti di imprese, favorire processi partecipativi  pubblico-privato per lo sviluppo di progettualità a valenza territoriale, sviluppare il business aziendale attraverso l’ideazione di nuovi prodotti turistici, definire e implementare azioni di marketing e comunicazione online e offline.

Contenuti

  • Economia delle risorse e cultura del territorio,
  • Business Development per imprese turistiche e destinazioni,
  • Management di reti turistiche,
  • Content, video e storytelling di prodotto per la rete,
  • Marketing turistico, web marketing e promo-commercializzazione di prodotti e reti,
  • Web marketing di prodotto per la rete,
  • English for tourism,
  • Sicurezza, ambiente e salute nei luoghi di lavoro 

Visite studio/aziendali
Visita studio in Francia nell’area dei Castelli della Loira e delle visite aziendali presso ville che rappresentano modelli di sviluppo aziendale turistico e promozione della destinazione.

Tirocinio
Attività di stage presso ville e imprese del turismo e della filiera turistica connesse a ville, collocate sia in Veneto (province di Padova, Vicenza, Treviso, Venezia, Belluno) che in altri contesti sia italiani che esteri.

Testimonianze

Work experience di tipo specialistico
Dgr n. 1358 del 09/10/2015, Cod. 2772/2/1358/2015 approvato con Ddr n. 198 del 31 maggio 2016

Anno svolgimento: 2016

Obbiettivi
Il progetto è promosso da Ciset, Umana Spa, Ascom di TrevisoFiavet Veneto Servizi, l’IPA Montello Piave Sile (Federazione dei Comuni del Montebellunese con capofila il Comune di Montebelluna) e la rete di aziende partner.
Il progetto si poneva di fornire una preparazione specifica finalizzata all'impiego presso imprese turistiche venete del settore ricettivo, intermediazione e noleggio servizi. Si trattava di imprese localizzate per lo più nell’area trevigiana e veneziana che miravano a rendere più competitiva la propria offerta attraverso proposte green&slow, in rete con altre imprese della filiera.
L’obiettivo era la definizione di un profilo professionale innovativo capace di favorire lo sviluppo del business aziendale, integrare opportunità offerte dalle risorse e il contesto territoriale di riferimento, lavorare in rete con altre imprese e soggetti locali, implementare azioni efficaci di promo-commercializzazione anche online.

Dgr n. 1064 del 24/06/2014 –  modificata da Dgr n. 2125 del 11/11/2014, Cod. 2772/1/1/1064/2014 approvato con Ddr n. 667 del 15/10/15

Anno svolgimento: 2016

Obbiettivi
Il percorso formativo per l’inserimento lavorativo Communication Specialist per il settore turistico aveva come obiettivo la collocazione dei giovani fornendo loro le competenze necessarie per operare nel settore della comunicazione e promozione dei prodotti turistici delle piccole e medie imprese. Gli obiettivi del progetto erano di formare e preparare i giovani partecipanti al lavoro del Communication Specialist per il settore turistico: ideare, pianificare e realizzare la campagna di comunicazione dei prodotti turistici attraverso la scelta dello stile e dei canali di marketing più adeguati.

Contenuti
Queste le competenze che verrano acquisite: 

  • Applicare nozioni di economia e marketing delle imprese turistiche
  • Analizzare l’offerta turistico culturale del Veneto
  • Comunicare il prodotto turistico
  • Progettare e realizzare la campagna di comunicazione aziendale

Tirocinio
Alla parte formativa è seguito un percorso di tirocinio aziendale in una PMI veneta del settore turistico. 
Le 10 imprese che hanno ospitato i tirocini: Villa Foscarini Rossi, ITO Group, Vision App Labs, Jonas by Circolo Viaggi, Cooperativa Biosphaera, Limosa, Cooperativa Qualità, Residence Venice, Giarin - Apicoltura Miele Più, Michelangelo Travel

Testimonianze
A termine dei percorsi di tirocinio dei nostri Communication Specialist è stato chiesto a questi "astri nascenti" della comunicazione specializzata nel settore turistico, di rispondere a tre domande:

  1. Come ti descriveresti?
  2. Fra le competenze maturate durante il progetto Communication Specialist, qual è quella che ritieni più utile?
  3. Come ti vedi nel 2020?

Ecco le risposte di alcuni di loro:

Marco Bottin

  1. Sono un maniaco della Storia: di ogni fatto voglio ricercare l'origine, ricostruire l'evoluzione... Mi sembra l'unico modo per arrivare a comprenderlo. Sono così affannato in questa ricerca che perdo persino il contatto con il presente. La Storia alla fine è un viaggio a ritroso che non finisce mai ma che qualcuno deve fare per quelli che vivono nel presente.
  2. Non esistono fatti belli o brutti, esistono solo diversi modi di raccontarli (penso sia una brutta copia di una citazione, ma ci credo).
  3. In biblioteca, a cercare informazioni su cose che, solo a me e a un'altra manciata di persone, possono interessare.

Chiara Schiavon

  1. Direi che i miei piedi sono fortemente piantati sulle nuvole. E così la testa si trova ad essere, inevitabilmente, un metro e settantasette centimetri più in alto, persa nell’etere. Amo scrivere sulla carta a quadretti e amo il rumore delle pagine piene di parole quando le si gira. E disegnare ovunque (tanto che mi descrivo con un selfie, autoprodotto). Adoro, adoro, adoro Padova che è la mia città. Ho un’avversione particolare per le cavallette e per chi definisce ‘arte’ tutto ciò che non può essere inquadrato in altro modo. 
  2. Dal punto di vista dei contenuti penso che sia davvero pazzesco quanto il turismo sia una parte concreta e consistente del nostro quotidiano. Non ci si crede; io non ne avevo idea prima di cominciare il corso. Ora lo trovo ovunque, con statistiche, previsioni, ricerche. Incredibile…ma Ciset! Ho amato tutta la parte di comunicazione, tantissimo. Mi piace pensare che i messaggi possano essere divulgati tramite diversi canali (e non parlo solo di twitter, fb e compagnia cantante) e recepiti in miliardi di modi diversi. Capire che bisogna fermarsi a osservare i destinatari per riuscire ad essere più efficaci nel messaggio è cruciale! E stimolante. Non c’è mai banalità in questo; è un lavoro che segue i tempi e le mode ma che cerca anche di trovare una strada poco battuta, la chiave di volta, l’illuminazione. 
  3. Quattro anni sono lontani ed io sono molto miope, miope ed astigmatica per giunta. Però mi vedo tale e quale adesso, con qualche capello bianco in più. Un lavoro nuovo. Più bello o più brutto di quello da cui mi sarò appena licenziata, e un bagaglio di nuovi insegnamenti. Nuove persone saranno diventate splendidi racconti. Continuerò ad inventare start up e magari qualcuna si terrà in piedi. E mi vedo a Padova chiaramente, o con Padova nel cuore.

Leonardo Borgo

  1. Sono un amante della storia dell’arte, soprattutto di epoca rinascimentale, mi interesso del mondo della comunicazione, della grafica e dell’informazione in generale. Mi ritengo una persona aperta nei confronti delle diverse culture ma allo stesso tempo legata al proprio territorio, il quale, a mio parere, andrebbe meglio valorizzato cercando di supportare il settore turistico. Seguo l’intricato mondo della politica nazionale ed extra, mi interesso di tematiche che riguardano la salvaguardia ambientale, dei diritti in generale e del mondo delle amministrazioni pubbliche.
  2. La stesura di comunicati stampa / articoli di giornale è stata, personalmente a sorpresa, una cosa molto stimolante del corso. Sinceramente non ho mai ritenuto di essere un grande scrittore e non ho nemmeno mai avuto questa passione, ma ora con le conoscenze acquisite posso impostare un comunicato stampa con delle ottime linee guida. Assieme all’abilità di ricerca e relazione di dati turistici, appresa sempre durante il corso, mi sento in grado di poter scrivere un comunicato stampa sul settore turistico condendolo con i dati appropriati del caso.
  3. Nel 2020 mi immagino con uno o più lavori che spaziano dal mondo del turismo, dell’informatica e della promozione culturale, che riescano a permettermi un sostegno autonomo in termini economici. A parte il lavoro mi immagino di vivere fuori casa in compagnia di qualcuno e impegnato, in qualche modo, sul fronte della tutela ambientale e dei diritti civili.

Last update: 22/11/2021