PAVONI Bruno

Qualifica Professore Ordinario
Telefono 041 234 8522 / Lab.: 041 234 8597 / 041 234 8615
E-mail brown@unive.it
Sito web www.unive.it/persone/brown (scheda personale)
Struttura Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica
Sito web struttura: http://www.unive.it/dais
Sede: Campus scientifico via Torino
Incarichi Membro della Giunta della Challenge School

 CURRICULUM VITAE

 

BRUNO PAVONI

Professore Ordinario di "Chimica dell'Ambiente"

 

UNIVERSITÀ  DI VENEZIA

 

Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica

Calle larga S. Marta 2137

30123  VENEZIA

(Tel. +39 041 2348522; Fax. + 39 041 2348582)

 

 

Data e luogo di nascita:     8 Ottobre 1949   -  Caprino Veronese (Verona)

 

Stato civile:    Sposato con Floriana Briga'

                        un figlio, Michele

 

1974                Laurea in Chimica, Università di Padova

 

 

Esperienza professionale:

 

1974-75          Assistente di laboratorio alla Cattedra di Chimica Generale e                                                        Inorganica, Università di Padova

 

1975-76          Assistente incaricato di Chimica Generale e Inorganica, Università di                                           Venezia

 

                        Attività di ricerca nel campo della chimica di coordinazione

 

1976-77          Assistente incaricato di Chimica Generale e Inorganica, Università di                                           Venezia

               

                        Attività di ricerca nel campo della chimica di coordinazione e della                                              chimica ambientale

 

1977-78          Servizio Militare di leva

 

1978 (lu.-di.)   Research Associate presso University of  South Florida, Tampa.

 

 1979-1993:    Professore incaricato di "Esercitazioni di  preparazioni chimiche",

                        Università di Venezia,

       

1980-81          Professore Incaricato di "Chimica Industriale I parte", Università di                                             Venezia.

 

 

 

Nov-1985-Feb.1986:

                        Visiting Research Associate presso University  of California at Los                                              Angeles.

 

1980-1993:     Ricercatore confermato presso l'Università di Venezia.

 

1993- 2008     Professore Associato di "Chimica dell'Ambiente"

 

2008-2011      Professore Straordinario di "Chimica dell'Ambiente"

 

2011- pres.      Professore Ordinario di "Chimica dell'Ambiente"

 

1983-pres.:      Iscritto alla Società Chimica Italiana, Divisione di Chimica                                                           Ambientale

 

{C}1)    {C}Attività didattica

 

Titolo del corso

Livello del corso

Sede

Anni accademici

1

Chimica dell’ambiente

 Scienze ambientali, 6 CFU

Laurea Triennale, Scienze ambientali (Fond.)

Venezia

 Dall’inizio del nuovo ordinamento (Triennale-magistrale) al presente

2

Chimica dell’atmosfera, 6 CFU

Laurea. Magistrale, Scienze Ambientali (Opz.)

Venezia

3

Chimica del mare, 6 CFU

Laurea Magistrale, Scienze Ambientali (Opz.)

Venezia

4

Chimica dell’ambiente, 6 CFU

Laurea Triennale, Chimica e Tecnologie sostenibili (Opz.)

Venezia

5

Aria: Emissioni in atmosfera, 3 CFU

Master – Metodi e Tecniche di Prevenzione e Controllo Ambientale (con ARPAV e Università di Verona)

Venezia

2010/11. 2011/12, 2012/13

6

Chimica dell’ambiente, 3 CFU

Master - Caratterizzazione e Risanamento di Siti contaminati

Venezia

2009/10,

2010/11.

2012/13

7

Inquinamento e depurazione delle acque, 1 CFU

Master (STePS) Scienza e Tecniche della Prevenzione e Sicurezza

Venezia

2010/11, 2011/12

2012/13

8

Inquinamento atmosferico 2 CFU

Master Carbon Footprint

Venezia

2012/13

 

Attività di ricerca

Dal 1979, il Prof. Bruno Pavoni ha partecipato a numerosi progetti di ricerca volti a studiare l'ambiente costituito dalla Laguna di Venezia, il territorio circostante (la regione del Veneto) e il mare nord-Adriatico.

Gran parte del lavoro è stato rivolto alla messa a punto e alla verifica di metodologie analitiche per la determinazione di diversi inquinanti ed i loro effetti sull’ambiente e gli organismi. Tra questi si includono: metalli pesanti, idrocarburi clorurati (pesticidi, difenili policlorurati, PCB), idrocarburi policiclici aromatici (IPA), sali nutritivi (composti di azoto, fosforo e carbonio), tensioattivi aromatici (alchilbenzensolfonati, alchilfenolipolietossilati), composti organo stannici (TBT, TPhT) in diverse matrici come sedimenti, acqua, materiale particellato, alghe, benthos.

La partecipazione ad "Esercizi di intercalibrazione tra laboratori" è stata adottata             sistematicamente per verificare le metodologie messe a punto.

E' stato condotto lavoro in campo e in laboratorio sui seguenti argomenti:

- inquinamento di sedimenti della laguna e del mare da metalli pesanti,     idrocarburi alogenati (pesticidi, PCB), IPA, nutrienti, tensioattivi aromatici;

- inquinamento dei sedimenti e del benthos del fiume Adige da metalli pesanti    e idrocarburi alogenati;

- ciclo dei nutrienti nella laguna di Venezia: il problema dell'eutrofizzazione e      il ruolo delle alghe;

- il rilascio dei nutrienti dai sedimenti (misure dei flussi);

- l'evoluzione storica dell'inquinamento nella laguna di Venezia (metalli    pesanti, IPA, PCB) misurata in carote di sedimento datate con radioisotopi;

-gli effetti su organismi gasteropodi dei composti organostannici in Laguna di Venezia;

- inquinamento atmosferico dell’area veneziana e del Veneto attraverso l’analisi delle componenti ioniche, metalliche e organiche dell’aerosol atmosferico.

I risultati analitici ottenuti sono serviti anche per lo sviluppo di modelli statistici e di simulazione.

Il Prof. Bruno Pavoni è autore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali, nazionali e Comunicazioni a Congressi (vedi riquadro pubb.)

 

 

Le informazioni riportate sono state caricate sul sito dell'Università Ca' Foscari Venezia direttamente dall'utente a cui si riferisce la pagina. La correttezza e veridicità delle informazioni pubblicate sono di esclusiva responsabilità del singolo utente.