Bando PNRR, Ca’ Foscari offre 21 borse di dottorato per il 2022/2023

Grazie ai primi due decreti ministeriali sui Dottorati di ricerca finanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR e dal Next Generation EU, Ca’ Foscari offre 21 nuove borse di dottorato per l’anno accademico 2022/2023

L’investimento permetterà di rafforzare alcuni dei corsi di dottorato cafoscarini, proponendo interessanti progetti in grado di attrarre e formare i ricercatori e le ricercatrici del domani. Leggi il bando completo e invia la tua candidatura entro il 23 agosto 2022

Nello specifico, 6 borse di dottorato saranno destinate a progetti volti a migliorare il capitale umano impegnato in attività di ricerca nelle Università, nelle amministrazioni pubbliche e nel patrimonio culturale. Le altre 15 borse di dottorato saranno invece destinate alla realizzazione di progetti che mirano al potenziamento delle competenze di alto profilo e a creare professionalità coerenti con i fabbisogni di innovazione delle imprese.

I temi dei progetti di ricerca sono tutti di grandissima attualità: si va dal turismo culturale cinese in Veneto alla digitalizzazione della filiera dell’agrifood, dall’innovazione nella pubblica amministrazione allo studio di nuovi polimeri green. Le borse, a tematica vincolata, possono prevedere lo svolgimento di periodi di studio e ricerca presso imprese, centri di ricerca, o Pubbliche amministrazioni nonché periodi di studio e ricerca all’estero.

Di seguito le borse in dettaglio: 

  • Diritto, Mercato e Persona (1 borsa): I servizi pubblici locali tra principi di concorrenza e valore sociale.
  • Economia (2 borse): Il ruolo dell’intervento pubblico nella crisi e nel rilancio aziendale; Complessità, cambiamenti globali e valorizzazione economica dei servizi ecosistemici.
  • Informatica (1 borsa): Sviluppo di metodologie e applicazione a casi industriali delle stesse in materia di digitalizzazione delle filiere industriali dell'agrifood.
  • Italianistica (1 borsa): Acquisizione del lessico e didattica digitale nella scuola secondaria.
  • Management (5 borse): Innovazione nella PA; Innovative models for CH identity building across Europe; Le transizioni dell’ecosistema automotive italiano: processi di innovazione e sviluppo di nuove competenze; Filiere e transizione ecologica: ecosistemi di sviluppo dell’innovazione; Incertezza ed evoluzione delle filiere agroalimentari: nuovi modelli di business, digitalizzazione e sostenibilità.
  • Scienza e Tecnologia dei Bio e Nanomateriali (4 borse): Solventi alternativi e vie di sintesi innovative per la formazione di dimeri; In vitro 3D tissue models for infectious diseases; Analisi di sistemi di reti nella città e loro ottimizzazione per la sostenibilità; Advanced Materials - Nuovi materiali polimerici con proprietà avanzate per applicazioni su dispositivi medicali.
  • Scienze ambientali (2 borse): Sviluppo di una metodologia per la valutazione della circolarità ambientale per le grandi imprese; Ricerca, analisi e sperimentazione sui polimeri green nel processo di stampaggio ad iniezione.
  • Storia delle Arti (3 borse): Patrimonio Culturale e culture espositive; La politica espositiva e culturale di Palazzo Grassi dal 2006: la sua specificità e il suo ruolo a Venezia; Le espressioni artistiche come elemento interdisciplinare della cultura.
  • Studi sull'Asia e sull'Africa (2 borse): Exploring Sustainability Transformation Discourses in Asia and Africa; Il turismo culturale cinese in Veneto.

Grazie ad ulteriori 20 borse destinate dall’Ateneo a 10 Dottorati di Interesse Nazionale, Ca’ Foscari aderirà anche a programmi di ricerca di altissima qualità sul territorio italiano. I bandi di ammissione per questi dottorati saranno disponibili a breve nelle pagine delle istituzioni capofila. 

  1. DIN in Blockchain e Distributed Ledger technology (referente: prof.ssa Sabina Rossi) - Università di Camerino,
  2. DIN in Cybersicurezza (referente: prof. Riccardo Focardi) - Scuola IMT Alti Studi Lucca,
  3. DIN in Intelligenza Artificiale (referente: prof. Marcello Pelillo) - Politecnico di Torino,
  4. DIN in Design per il Made in Italy: Identità, Innovazione e Sostenibilità (referente: prof.ssa Michela Signoretto) - Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli,
  5. DIN in Heritage Science (referente: prof.ssa Elisabetta Zendri) - Sapienza Università di Roma,
  6. DIN in Regulation, Management and Law of Public Sector Organizations (referente: prof. Salvatore Russo) - Università del Salento,
  7. DIN in Scientific, Technological and Social Methods enabling Circular Economy (referente: prof. Alberto Vomiero) - Università degli Studi di Padova,
  8. DIN in Sviluppo Sostenibile e Cambiamento Climatico (prof. Luigi Perissinotto e prof. Andrea Critto) - Scuola Universitaria Superiore IUSS Pavia,
  9. DIN Studi religiosi (referente: prof.ssa Francesca Tarocco) - Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia,
  10. Dottorato in forma associata in Risorse per la nuova P.A.: persone e dati (referente: prof. Stefano Campostrini) – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Per tutte le informazioni sui Corsi di Dottorato a Ca’ Foscari, visita la pagina dedicata www.unive.it/dottorati

Francesca Favaro