Maryam RahimiHaghighi a Basilea, estate 2020

Interconnections: Studiare ai tempi del COVID - Maryam RahimiHaghighi

Maryam RahimiHaghighi è una studentessa iraniana al secondo anno della magistrale in Science and Technology of Bio and Nanomaterials. Ha scelto Ca’ Foscari proprio per l’approccio multidisciplinare del corso e la sua originalità rispetto alle scienze dei materiali e alle bionanotecnologie.

Sei rimasta a Venezia durante il lockdown?

In realtà, sono andata in un’altra città italiana subito prima che iniziasse il lockdown e sono dovuta rimanere lì per la maggior parte della chiusura. All’epoca non avevo idea di quanto seria fosse la situazione COVID e di sicuro non avevo la minima idea che saremmo finiti in quarantena una volta tornati a Venezia, quando le restrizioni venivano rimosse poco a poco. Per l’anno accademico corrente ho deciso di restare, perché il mio corso prevede delle sessioni pratiche in laboratorio che richiedono la presenza. Ovviamente non tutti i miei colleghi sono riusciti a tornare a Venezia per l’a.a. 2020/2021, un fatto che è stato preso in considerazione da professori e personale accademico. Stanno facendo del loro meglio per assicurarsi che le opportunità di imparare siano uguali per tutti indipendentemente da dove si trovino al momento.

Come sei rimasta in contatto con Ca’ Foscari? Come è rimasto in contatto con te l’Ateneo?

Ca’ Foscari è rimasta in contatto con gli studenti soprattutto attraverso email e aggiornamenti sulla situazione sanitaria. Personalmente, penso che sarebbe stato belloessere contattati da qualcuno dell’università a proposito del benessere fisico e mentale degli studenti. Il lockdown è stato duro, e ancor più per gli studenti internazionali, lontani da casa e senza sapere cosa sarebbe successo. Tuttavia, a essere onesti, si è trattata di una situazione completamente nuova per tutti noi, studenti e università, quindi credo che tutti siano stati colti di sorpresa.

L’account instagram Studentlifeinvenice è ciò che sento più vicino in questo periodo. Soprattutto durante il lockdown, era bello avere notizie degli altri studenti e delle sfide che stavano attraversando. Sapere che tutti stanno attraversando difficoltà simili alle tue crea un senso di comunità.

Come pensi che la situazione COVID abbia cambiato questa generazione di studenti?

Ha sicuramente cambiato la vita di questa generazione di studenti. Dover frequentare le lezioni virtualmente è la prima cosa a essere cambiata. Per via della pandemia, state tolte molte opportunità agli studenti. Tanti si sono dovuti laureare e hanno dovuto discutere la tesi online, molti hanno perso i loro stage, e la maggior parte dei programmi di mobilità sono stati cancellati. La cosa triste è che la maggior parte di queste opportunità non possono essere recuperate, perché sono del tipo “ora o mai più”.

Puoi leggere l'intervista completa qui [ENG].

Rachele Svetlana Bassan