Biopolimeri e Materiali Funzionali Avanzati

Gruppo di ricerca 

Claudia Crestini, Professoressa Ordinaria
Matteo Gigli, Ricercatore
Massimo Sgarzi, Ricercatore
Heiko Lange, Ricercatore
Paolo Guzzonato, Dottorando 
Daniele Massari, Dottorando
Nicolò Pajer, Dottorando
Valeria Gagliardi, Dottorando
Simone Cailotto, Cultore della materia
Sebastiano Alessi, Alumni
Salvatore Caterino, Alumni
Giacomo Polon, Alumni  

Web site: https://www.unive.it/ppm

Temi di ricerca

Micro e nanostrutture ad alto valore aggiunto da biomasse (di scarto)

Questa attività di ricerca si focalizza sullo studio di micro- e nanostrutture in grado di combinare elevate performance con eccellenti caratteristiche di bio- ed eco-compatibilità, al fine di creare sinergie tra nanotecnologia e crescita sostenibile. L’obiettivo è ottenere un completo controllo sulle caratteristiche finali dei materiali ottenuti selezionando opportunamente sia i materiali di partenza sia le strategie sintetiche adottate. I principali filoni di ricerca includono la preparazione di microcapsule e nanoparticelle (anche ibride) per il rilascio di attivi e la preparazione di nanofibre e nanocompositi per impieghi in campo medico, ambientale e dell’energia.

Materiali termoplastici e termoindurenti ad alte prestazioni da fonti rinnovabili

Questo filone di ricerca si occupa di design e sviluppo di materiali innovativi a partire da fonti rinnovabili da utilizzarsi quali commodities o prodotti ad alto valore aggiunto in un’ampia gamma di applicazioni. Più in dettaglio, lavoriamo alla sintesi e caratterizzazione di imballaggi attivi biodegradabili, di membrane a scambio ionico per batterie, di coating sostenibili e di polimeri e idrogel biocompatibili per scopi biomedicali. Grazie all’adozione di mirate strategie sintetiche e di post-funzionalizzazione, siamo in grado di modulare le caratteristiche chimico-fisiche dei materiali ottenuti cosicché rispondano appieno alle esigenze della specifica applicazione, con un particolare interesse per materiali multifunzionali e responsivi agli stimoli.

Caratterizzazione strutturale di polifenoli naturali

Questa attività di ricerca si prefigge di sviluppare protocolli sperimentali robusti ed affidabili per la determinazione delle caratteristiche chimico-fisiche dei polifenoli naturali, la cui complessità intrinseca ne limita una accurata comprensione della struttura chimica e dunque una piena valorizzazione. Combinando tecniche spettroscopiche quantitative mono- e bidimensionali, cromatografiche e calorimetriche, eventualmente accoppiate con strategie mirate di frazionamento, siamo in grado di acquisire tutte le informazioni necessarie per poter formulare un quadro dettagliato e completo della struttura di una data lignina o tannino.

Last update: 22/06/2022