Summer@SIE - corsi estivi

Summer@SIE è il programma estivo della School for International Education: corsi e laboratori in italiano e in inglese, rivolti a tutti con lo scopo di approfondire i più diversi interessi. Dalla "mindfulness" alla gestione delle acque, dalla scrittura per il web alla lingua e cultura italiana, Summer@SIE affronta una gamma di argomenti innovativi e coinvolgenti che vanno oltre i corsi prettamente accademici.


Sei X SIE

Prosegue per la prossima estate la programmazione di corsi estivi in lingua italiana "SeixSIE", avviata con successo nel 2016. L'offerta 2017 è articolata su 3 ambiti di interesse: scritture, comunicazione e linguaggi, sviluppo personale e design, con corsi brevi e laboratori pensati per soddisfare le più diverse esigenze e curiosità in vari campi, a integrazione del sapere prettamente accademico/disciplinare. I corsi durano da un minimo di 8 a un massimo di 16 ore, sono aperti a tutti e sono tenuti da docenti di Ca' Foscari ed esperti esterni.

Il costo varia a seconda della durata. Per maggiori informazioni scrivi a  cfsie@unive.it.

 

 

Corsi 2017

Scritture e comunicazione

I media: l’immagine e la comunicazione - Giuliano Pasini

Bio del docente: Giuliano Pasini

Descrizione
Il corso, con un approccio molto pratico legato all’esame di diversi casi realmente verificatisi e un coinvolgimento degli studenti in attività e confronti, avrà come obiettivo quello di analizzare il funzionamento del mondo dei media, le loro dinamiche interne e rispetto ai fruitori dei contenuti (nonché ai creatori degli stessi contenuti), le possibili crisi che conseguono a un uso poco oculato degli strumenti di comunicazione, i risultati in termini di ritorno di immagine e di costruzione della reputazione. On e offline.

Scopo
Fornire agli studenti gli strumenti basilari per imparare a comprendere il funzionamento dei media e instaurare con gli stessi un rapporto costruttivo.

Articolazione dei contenuti
Tre moduli, così suddivisi:

1. Reputazione, immagine, comunicazione: è nato prima l’uovo o la gallina?
Tre parole usate impropriamente come sinonimi e che, invece, incarnano concetti molto diversi. Se l’immagine è, per definizione, un momento, una fotografia, un fotogramma, la reputazione è un film, una serie di azioni concrete e coerenti che si sviluppano nel tempo. Perché si dice che la reputazione ci precede? L’immagine allora ci segue? La comunicazione può influenzare la reputazione? E come? Quanto ci vuole per costruire una reputazione positiva? E per demolirla?

Esercitazione pratica. Analisi di casi pratici: chi ha una buona comunicazione ha per forza una buona reputazione? E viceversa?

2. Il magico mondo dei media
Quali sono e come funzionano? Chi decide cosa diventa di dominio pubblico e secondo quali criteri? Cosè una notizia? Un cane che morde un uomo è una notizia? E dieci cani? E un uomo che morde un cane? Come si costruisce un giornale? I media di oggi saranno i media di domani? E di dopodomani? Una panoramica sul mondo dei media italiani, cercando di analizzarne il funzionamento e gli sviluppi, con un occhio attento – e critico – ai cosiddetti “new media”.

Esercitazione pratica. Giornalista per un giorno. Da un avvenimento (inventato o meno) traiamo un titolo, un catenaccio, un occhiello, e un incipit che intrighi il lettore.

3. Mamma, ho perso la reputazione… Come si affronta una crisi reputazionale?
Una carrellata di celeberrimi casi di cronaca in cui persone o imprese hanno distrutto in un secondo il lavoro di decenni. E come vi hanno posto rimedio. SE vi hanno posto rimedio.

Esercitazione pratica: direttore comunicazione per un giorno. Sei di fronte a rischio reputazionale colossale. Cosa fai? (E… no, staccare il telefono non vale).

Destinatari: chiunque sia interessato ai temi
Prerequisiti: nessuno specifico
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: materiale per appunti
Luogo: Aula 12, San Sebastiano
Durata: 12 ore
Orario
: 27, 28 e 29 giugno dalle 9.00 alle 13.00

Scrittura accessibile e comunicazione inclusiva - Anna Cardinaletti

Titolo: "Scrittura accessibile e comunicazione inclusiva in italiano e in inglese. In ambito museale, culturale e amministrativo"

Descrizione
Il corso affronta una tematica molto attuale, quella di rendere accessibili i documenti di comunicazione interna ed esterna in vari ambiti della vita pubblica e privata, con un focus sulla comunicazione inclusiva in ambito turistico e culturale. Le due lingue su cui ci si concentrerà sono l’italiano e l’inglese. E’ diventata una competenza essenziale ed indispensabile, per tutti i dirigenti e gli operatori che lavorano all’interno dei musei, delle realtà e delle amministrazioni culturali pubbliche e private, sviluppare competenze specifiche per rendere accessibili i contenuti a tutti i fruitori, nell’ottica dell’Universal design, e saper accogliere con professionalità anche le persone con disabilità.

Una visione inclusiva e accessibile della cultura, che coinvolga tutti i visitatori, permette di far convergere l’irrinunciabile valore sociale e l’opportunità di intercettare nuovi visitatori sino ad oggi poco presenti perché poco seguiti nelle loro esigenze speciali.

Scopo

  • Presentare la questione dell’accessibilità nelle sue molteplici sfaccettature, a partire da una panoramica sulle disabilità del linguaggio e della comunicazione e sulle esigenze specifiche delle persone con queste disabilità;
  • Introdurre i partecipanti all’approccio inclusivo nella comunicazione in ambito museale, culturale e amministrativo, con importanti ricadute anche nella comunicazione con altri soggetti, per es. stranieri, immigrati, anziani, ecc.;
  • Sviluppare una riflessione sulla comunicazione accessibile ai disabili uditivi, che può soddisfare i bisogni di altri tipi di disabilità linguistico-comunicative;
  • Confrontarsi con esempi concreti di best practice e progetti innovativi a livello italiano e internazionale.

Articolazione contenuti e docenti

  • Anna Cardinaletti (Università Ca’ Foscari Venezia): 5 ore
    Le esigenze specifiche delle persone con disabilità del linguaggio e della comunicazione e la comunicazione inclusiva
  • Mirella Agorni (Università Cattolica di Milano; Università Ca’ Foscari Venezia): 5 ore
    La traduzione in ambito turistico e culturale e il Plain English
  • Lisa Danese (Università Ca’ Foscari Venezia; Veasyt srl): 5 ore
    Introduzione alla semplificazione linguistica per una comunicazione accessibile e inclusiva

Destinatari: massimo 30 tra operatori museali, operatori culturali, dirigenti e amministratori del patrimonio culturale e artistico pubblico e privato, dirigenti dell’amministrazione pubblica, insegnanti di scuola, studenti di lettere, studenti di lingue, studenti di storia dell’arte e di beni culturali e tutti gli interessati…
Prerequisiti: nessuno
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: nessuna
Luogo: Aula 12, San Sebastiano
Durata: ore 15
Orario
:

  • giovedi 6 luglio dalle 15.00 alle 19.00
  • venerdi 7 luglio dalle 10.00 alle 13.00 / dalle 14.30 alle 17.30
  • sabato 8 luglio: dalle 9.00 alle 14.00

Scrittura creativa - Antonella Cilento

Attenzione: non è più possibile iscriversi al corso "La coda della balena" per esaurimento posti diponibili.

 

Bio del docente: Antonella Cilento

Il corso è svolto in collaborazione con La Linea Scritta

Descrizione
La prima immagine che ci attraversa, folgorante, la mente è spesso la più efficace ma, come scrive Rosa Montero ne La pazza di casa, è spesso quella che perdiamo o che censuriamo. Ci sembra spesso di aver da scrivere un grande romanzo o un perfetto racconto ma, presi dal caos della vita e da quel che ci appare prioritario, le balene dell’immaginazione traversano il nostro mare senza riuscir ad essere arpionate.

Abituarsi a scrivere e a riscrivere, allenarsi a percepire, a non perdere di vista quel che ci colpisce: ecco l’obiettivo di questo corso di scrittura.

I trucchi del caso, l’ordine imperfetto del nascere e del morire, il destino nascosto nei dettagli, l’improvviso emergere del nostro nascosto carattere: questa è la materia di cui sono tessute le storie, insieme ai panorami, alla natura che riflette i personaggi, ai luoghi che suscitano le storie.

Con l’aiuto della grande letteratura d’ogni luogo e tempo, in questo stage praticheremo i metodi dell’allenamento quotidiano, la scrittura en plein air (profittando delle calli di Venezia), lo studio anatomico dei racconti e dei romanzi; andremo alla ricerca dei dettagli statici e mobili, del meccanismo segreto che anima l’opera, per apprendere a costruire le storie e ad accorgerci della fonte inascoltata che in noi fa fiorire immagini, ricordi, voci, apparizioni del passato e della fantasia.

Ci faranno compagnia Bernard Malamud, Julio Cortàzar, John Cheever, Alice Munro, Rosa Montero, Gustave Flaubert, Guy de Maupassant, Italo Calvino, Silvina Ocampo, Jorge Luis Borges, Anna Banti, Elsa Morante e tanti, tanti altri…

Articolazione dei contenuti
1. Come abbandonare le abitudini della scrittura funzionale e iniziare l’allenamento per la scrittura narrativa: superare la paura del foglio bianco o blocco dello scrittore.
2. Dall’autobiografia alla trasfigurazione dell’invenzione.
3. L’allenamento sensoriale: scrivere con i cinque sensi e en plein air (è prevista almeno una sessione di scrittura in spazi storici della città: Scuola Grande di San Rocco, ad es.).
4. Arpionare balene e pescare pesci di profondità: dall’idea al personaggio.
5. Il punto di vista.
6. L’uso del dettaglio significativo statico e dinamico: la memoria di finzione.
7. L’arco narrativo e la storia in tre atti: dal racconto al romanzo.
8 .Scrivere e rieditare.
9. Indicazioni bibliografiche.

Destinatari: massimo 30 partecipanti
Prerequisiti: nessuno
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: quaderno e penna
Luogo: Aula 24, San Sebastiano
Durata: 15 ore
Orario
:

  • giovedì 13 dalle 10.00 alle 13.00 / dalle 15 alle 18.00
  • venerdì 14 luglio dalle 10.00 alle 13.00 / dalle 15 alle 18.00
  • sabato 15 luglio dalle 10.00 alle 13.00

NB: Gli studenti provenienti da fuori Venezia hanno la possibilità di alloggiare a Venezia presso le seguenti residenze universitarie a prezzi convenzionati per la durata del corso

Scrittura giornalistica - Lorenzo Tomasin

Bio del docente: Lorenzo Tomasin

NB: Questo corso è riconosciuto come attività di Formazione Professionale Continua dall'Ordine dei Giornalisti e rilascia 15 Crediti Formativi Professionali

Descrizione
Che cosa significa scrivere per i giornali (o per i giornalisti)? Il laboratorio propone un percorso graduale che parte dall’esame di testi già scritti – ma bisognosi di essere sintetizzati, ritoccati, corretti, tagliati, rielaborati – e arriva alla redazione di testi giornalistici autonomi: un comunicato stampa, un’intervista, una recensione. Ma anche semplicemente un titolo, o una didascalia: tanti, ed estremamente variegati, sono i generi della scrittura giornalistica, ciascuno dei quali richiede un’idea del testo almeno in parte diversa. Se ne parlerà combinando un approccio pratico, basato sulla concreta esperienza del docente nel campo del giornalismo, con la sensibilità teorica tipica di uno studioso di lingua. Un approfondimento speciale sarà dedicato all’altra faccia dell’intervista, cioè a ciò che è utile tener presente quando non si è gli intervistatori, ma gli intervistati.

Scopo
Superare la paura della pagina bianca, ma anche entrare con sicurezza nella pagina già scritta, da sé o da altri, raffinando il processo di revisione e di adattamento di un testo alla funzione cui esso è adibito, cioè quella di informare o di convincere.

Articolazione contenuti
Ogni incontro (a parte il primo e l’ultimo) si compone di tre momenti: la discussione dei lavori realizzati il giorno precedente, la messa a punto delle istruzioni per il lavoro del giorno stesso, e la redazione di un nuovo prodotto di scrittura, da discutere l’indomani.

Destinatari: giornalisti o futuri giornalisti, ma anche persone interessate dall’esterno al mondo del giornalismo
Prerequisiti: nessuno specifico
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: un computer portatile e un registratore
Luogo: Aula 24, San Sebastiano
Durata: 15 ore
Orario: dal 17 al 21 luglio, dalle 10 alle 13.00

Scrittura per il web - Anna Toscano

Bio del docente: Anna Toscano

Corso base

Descrizione
Obiettivo degli incontri è mettere in evidenza l’uso specifico della lingua italiana nel web: l’uso consapevole della lingua, del testo, dello stile, delle immagini per produrre testi per il web, nonché l’acquisizione di modalità e stratagemmi per una comunicazione on-line corretta ed efficace.

Gli incontri prendono l’avvio conuna panoramica mirata sull’osservazione delle principali caratteristiche dei siti web, proseguono con l’analisi di cosa sia e come avvenga la lettura sul web, per poi concentrarsi sull’analisi di forme di scrittura per il web. Le forme di scrittura del web comprendono, tra le altre, la struttura del testo, il web writing, l’uso di parole chiave, il ricorso a link efficaci, utilizzo e creazione di titoli e sottotitoli, impiego di unità minime e informazione segmentata, uso efficace degli a capo e dei paragrafi. Un’ampia riflessione verrà dedicata all’usabilità, allo stile e all’utilizzo di immagini.

Scopo
Il macro obiettivo è quello di raggiungere consapevolezza, chiarezza, concisione ed efficacia nella scrittura per il web.

Articolazione contenuti
Dopo una osservazione ampia di casi, agli incontri prevedono delle esercitazioni pratiche e successivamente l’esposizione delle esercitazioni con finalità di condivisione, riformulazione, perfezionamento.

Destinatari: iscritti a Ca’ Foscari, laureandi e laureati di Ca’ Foscari, iscritti ad altre Facoltà, laureati di altre Facoltà, diplomandi e diplomati. Massimo 20 per corso
Prerequisiti: conoscenza delle lingua italiana (almeno C1)
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: Proprio pc
Materiale: materiale cartaceo e multimediale; handout, abstract e bibliografia approfondita
Luogo: Aula 12, San Sebastiano
Durata: 10 ore
Orario:

  • I edizione: dal 5 al 9 giugno, dalle 10.00 alle 12.00
  • II edizione: dal 12 al 16 giugno 2017, dalle 17.00 alle 19.00

Corso avanzato

Descrizione
Obiettivo degli incontri è mettere in evidenza l’uso specifico della lingua italiana nelle diverse sedi di scrittura su web. Si tratta dell’uso consapevole della lingua, del testo, dello stile, delle immagini per produrre testi, dell’acquisizione di modalità e stratagemmi per una comunicazione on-line corretta ed efficace, il tutto declinato nelle svariate strutture web.

Gli incontri avviano una panoramica mirata sull’osservazione delle principali caratteristiche della comunicazione di diversi social network e di siti web, proseguono con l’analisi di cosa sia e come avvenga la lettura su questi, per poi concentrarsi sull’analisi di forme di scrittura specifiche. Le forme di scrittura web comprendono, tra le altre, la struttura del testo, il web writing, l’uso di parole chiave, il ricorso a link efficaci, utilizzo e creazione di titoli e sottotitoli, impiego di unità minime e informazione segmentata, uso efficace degli a capo e dei paragrafi, applicate a ogni tipologia di comunicazione su web.

Scopo
Il macro obiettivo è quello di raggiungere consapevolezza, chiarezza, concisione ed efficacia nelle diverse sedi di scritturasu web.

Articolazione contenuti
Dopo un’osservazione ampia di casi, agli incontri prevedono delle esercitazioni pratiche e successivamente l’esposizione delle esercitazioni con finalità di condivisione, riformulazione, perfezionamento.

Destinatari: iscritti a Ca’ Foscari, laureandi e laureati di Ca’ Foscari, iscritti ad altre Facoltà, laureati di altre Facoltà, diplomandi e diplomati. Massimo 20 per corso
Prerequisiti: aver frequentato il corso base in qualsiasi sua edizione (anche 2016); conoscenza delle lingua italiana (almeno C1)
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: Proprio pc
Materiale: materiale cartaceo e multimediale; handout, abstract e bibliografia approfondita
Luogo: Aula 12, San Sebastiano
Durata: 10 ore
Orario: dal 19 al 23 giugno, dalle 10.00 alle 12.00

Calligrafia cinese - Niu Yanjun

Bio del docente: Niu Yanjun

Il corso è offerto in collaborazione con l'Istituto Confucio di Venezia

Descrizione
Nel corso si racconterà la storia dell'evoluzione della calligrafia negli artisti cinesi. Si passerà attraverso la conoscenza dei maggiori esponenti della calligrafia, iniziando da “一 丨 丿 丶乚亅...” e si focalizzerà sul loro stile personale.

Gli studenti impareranno ad usare carta, penna e inchiostro cinesi attraverso semplici esercizi di scrittura e disegno “yin zhang” ed arriveranno a creare un'opera di calligrafica.

Scopo Conosere la storia della calligrafia cinese e dei suoi maggiori esponenti imparare a creare un'opera calligrafica.

Articolazione contenuti
Dopo un primo generale cenno introduttivo sull'evoluzione della calligrafia negli artisti cinesi, si prenderà in esame nello specifico l'opera degli artisti Zhao Mengfu e Huang Tingjian.

Si passerà quindi alla parte pratica del corso in cui gli studenti useranno carta, penna e inchiostro cinesi per creare un'opera di calligrafia.

Destinatari: chiunque sia interessato all'arte calligrafica cinese
Luogo: CFZ Cultural Flow Zone - TESA 1 - Zattere al Pontelungo, Dorsoduro 1392 Venezia
Orario: dal 3 al 7 luglio 2017 dalle 10.00 alle 12.00
Durata: 10 ore

Competenze personali

Innovazione e Design thinking - Vladi Finotto

Bio del docente: Vladi Finotto

Descrizione
Il design thinking è un processo e un atteggiamento per risolvere problemi complessi e situazioni incerte attraverso la collaborazione creativa e la focalizzazione sulle persone (sugli esseri umani). Sviluppato da Stanford University e dalla design firm Ideo, il design thinking è stato dapprima applicato alle sfide dello sviluppo di nuovi prodotti e servizi, in seguito è diventato un processo applicato a problemi tra i più vari: sociali, politici, tecnologici, aziendali. Il design thinking offre un bilanciamento tra metodi analitici e creativi (abduction) al fine di supportare team creativi nella definizione di un problema in chiave originale e nello sviluppo di soluzioni originali ed efficaci. Più nello specifico l’obiettivo del design thinking è quello di disciplinare il processo di sviluppo di soluzioni innovative e originali a problemi complessi in situazioni di incertezza facendo leva sulla logica, l’immaginazione, l’intuizione e il ragionamento sistematico. Il mindset del design thinker non è focalizzato sul problema ma sulla soluzione ed è orientato all’azione: caratteristica fondamentale del processo di design thinking, infatti, è la realizzazione di artefatti e prototipi da testare, cambiare e migliorare continuamente grazie ai risultati di sperimentazioni sul campo.

In estrema sintesi, il corso intende introdurre gli studenti alle tecniche, alle logiche e agli assunti del design thinking, strumenti e mindset che si dimostreranno importanti nella risoluzione di una molteplicità di problemi, sfide e incertezze sia organizzative che personali.

Nei tre incontri, in gruppi e attraverso sessioni interattive e “pratiche”, gli studenti apprenderanno e metteranno in pratica i principi del design thinking per:

  • Individuare la semplicità nella complessità
  • Bilanciare funzionalità (utilità) e bellezza
  • Risolvere i problemi delle persone
  • Migliorare la qualità delle esperienze (lavorative, di vita, commerciali, sociali, …)

Scopo
Introdurre gli studenti al design thinking e favorire lo sviluppo di competenze e capacità per:

  • Stabilire un rapporto empatico con i “clienti”
  • Trasformare intuizioni in idee percorribili e realizzabili
  • Risolvere problemi complessi e sfaccettati
  • Prototipare rapidamente delle soluzioni
  • Testare soluzioni e assunti
  • Definire la realizzabilità/economicità delle soluzioni proposte

Articolazione contenuti

  • Primo incontro: Introduzione al design thinking;Il processo; Scoperta
  • Secondo incontro: Definizione; Point of view; Ideazione
  • Quarto incontro: Prototipazione; Test; Iterazione; Business modeling

Destinatari: Studenti di qualsiasi disciplina, professionisti e manager impegnati in progetti di innovazione e change management. Il workshop è introduttivo, quindi si rivolge in particolare a destinatari che approcciano il design thinking per la prima volta.
Prerequisiti
: nessuno in particolare; rudimenti di strategia e/o marketing sono utili ma non richiesti
Attrezzatura richiesta ai partecipanti
: niente in particolare; un laptop o un table connessi alla rete possono essere utili
Luogo: Aula 12, San Sebastiano
Durata: 12 ore
Orario: 12, 13 e 15 giugno, dalle 9.00 alle 13.00

Intelligenza emotiva e sociale - Fabrizio Gerli

Bio dei docenti: Fabrizio GerliSara Bonesso

Titolo:  Potenzia la tua intelligenza emotiva e sociale

Descrizione
Perché le competenze emotive e sociali sono tanto importanti? Quali sono gli effetti che derivano dal loro possesso? Come fare per svilupparle? Il ciclo di seminari accompagnerà i partecipanti alla scoperta di che cosa sono realmente le competenze emotive e sociali, del loro impatto e delle modalità attraverso cui ognuno di noi può potenziarne il possesso. Inoltre, fornirà ai partecipanti un modello di riferimento per comprendere quali sono alcune competenze emotive e sociali maggiormente rilevanti per essere efficaci nel proprio contesto professionale o personale, e illustrerà le tecniche per sperimentare l’apprendimento di queste competenze.

Articolazione contenuti

Seminario 1

  • Le competenze emotive e sociali e gli effetti del loro possesso
  • Il processo di apprendimento delle competenze
  • I facilitatori dell’apprendimento

Seminario 2

  • Come funziona il nostro cervello quando apprendiamo una competenza
  • Sviluppare una competenza secondo il proprio stile
  • Come creare un piano di sviluppo personale  

Destinatari: massimo 35 partecipanti
Prerequisiti
: nessuno
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: nessuna in particolare
Luogo
: Aula 12, San Sebastiano
Durata
: 8 ore
Orario: 6 e 8 giugno, dalle 14.30 alle 18.30

Mindfulness; programma MBSR - Franco Cucchio

Bio del docente: Franco Cucchio

Descrizione
Questo laboratorio proporrà un’introduzione esperienziale e didattica della Mindfulness e in particolar modo del programma MBSR (Mindfulenss-Based Stress Reduction) sviluppato dal prof. Jon Kabat-Zinn presso la Medical School, University of Massachusetts (USA) a partire dal 1979. Mindfulness significa “consapevolezza non giudicante del momento presente coltivata attraverso il prestare attenzione”. La pratica della mindfulness permette la riduzione dello stress e lo sviluppo di attenzione, chiarezza, intuito e comprensione. Attraverso pratiche di mindfulness, condivisioni e spiegazioni si esplorerà come sia possibile coltivare la consapevolezza nel proprio vivere quotidiano.

Scopo
Offrire un’introduzione alle origini e alla pratica della mindfulness.

Articolazione contenuti
Laboratori di pratiche, role playing e momenti interattivi tra i partecipanti.

Destinatari: aperto a tutti
Prerequisiti: nessuno specifico
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: cuscino da meditazione (se possibile) e materassino da yoga
Luogo: Aula Colonne, San Sebastiano
Durata: 11 ore
Orario: 14 e 15 giugno dalle 9.30 alle 13.00, 16 giugno dalle 9.30 alle 13.30

Team Working - Francesca Chiara

Docente: Francesca Chiara

Descrizione
I gruppi di lavoro, con le loro dinamiche, sono fatti dalle persone che li compongono e dalla qualità delle relazioni che esse vi instaurano. Lavorare in gruppo richiede prima di tutto a ciascun membro del team di avere la consapevolezza del contributo che può dare al gruppo stesso, dei comportamenti che agisce e di quelli che può migliorare. In seconda battuta, è necessario conoscere e gestire le dinamiche tipiche del gruppo di lavoro, quali i processi di lavoro (obiettivi e metodi), le disfunzionalità e i conflitti, la leadership, le relazioni e i processi di comunicazione.

Scopo
Il percorso formativo si propone di accompagnare i partecipanti in un processo di sviluppo che consentirà loro di:

  • migliorare la propria capacità di lavorare in gruppo
  • migliorare la propria capacità di leggere le dinamiche di un gruppo di lavoro

Articolazione contenuti

  • Struttura; caratteristiche e dinamiche di un gruppo di lavoro
  • Comportamenti funzionali e disfunzionali nel gruppo
  • Traiettorie di sviluppo della propria competenza di team working

Destinatari: massimo 12 partecipanti
Prerequisiti: nessuno specifico
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: nessuna
Luogo: Aula 13, San Sebastiano
Durata: 8 ore
Orario: 13 e 14 giugno, dalle 9.00 alle 13.00

Carlo Scarpa a Venezia

Opere di Carlo Scarpa a Venezia e nel Veneto a 40 anni dalla sua morte - Guido Pietropoli

L'Ordine degli Architetti concede 11 crediti professionali per questo corso.

Le iscrizioni per questo corso sono state prorogate fino al giorno 4 giugno

Bio del docente: Guido Pietropoli

Descrizione
Sotto la guida di Guido Pietropoli - collaboratore di Carlo Scarpa - i corsisti affronteranno la lettura di alcuni progetti e architetture di Carlo Scarpa (Aula Baratto a Ca’ Foscari *, Negozio Olivetti*, Fondazione Querini Stampalia*, Museo Correr*, Restauro ex convento San Sebastiano*, Gipsoteca Canoviana a Possano, Museo Castelvecchio a Verona, Tomba Brion a San Vito di Altivole) attraverso l’analisi dei disegni originali, di documenti d’epoca ecc. e, per le opere veneziane, attraverso visite guidate. Ove possibile, le lezioni sulle opere veneziane si svolgeranno all’interno degli edifici stessi. Il corso non intende presentare un panorama esaustivo dell’opera di Carlo Scarpa ma mira a fornire strumenti di analisi interdisciplinari per un’avvicinamento alle sue architetture, qualunque sia il background culturale dei partecipanti.

*opere veneziane

Scopo
Fornire strumenti conoscitivi e di lettura per l’apprezzamento dell’architettura scarpiana

Articolazione contenuti, orario e luogo:

venerdì 9 giugno (Aula 13, San Sebastiano)

  • 10.30-12.30, San Sebastiano - Presentazione del corso - Introduzione all’architettura di Carlo Scarpa. - Proiezione di brani del film RAI “Un’ora con Carlo Scarpa.”
  • 12.30-14.00 - Trasferimento a Ca’ Foscari a piedi e pausa pranzo
  • 14.00-16.00, Ca’ Foscari - Gli anni della formazione. Visita all’aula Baratto - I vetri dell’architetto.
  • 16.00-17.00 - Trasferimento a S. Marco (a piedi o in vaporetto)
  • 17.30-18.30, Negozio Olivetti - Carlo Scarpa e le arti - La maturità del linguaggio: lezione all’interno e visita negozio Olivetti.

sabato 10 giugno (Aula 13, San Sebastiano)

  • 10.30-12.30, San Sebastiano - Due progetti degli anni settanta: Il restauro dell’ex Convento di San Sebastiano, sede dell’Università di Venezia e la tomba Brion a San Vito d’Altivole. Proiezione di brani del lungometraggio “Memoriae Causa”
  • 12.30-14.00 circa - Trasferimento alla Querini in vaporetto
  • 14.00-18.30, Querini Stampalia - Il restauro della Querini e il progetto della foresteria. Proiezione del lungometraggio “Hortus Conclusus” - visita all’ala Scarpa della Querini Stampalia.
    I musei allestiti da Carlo Scarpa : La galleria nazionale della Sicilia a Palazzo Abatellis a Palermo , la Gipsoteca Canoviana a Possagno, il museo Correr a Venezia e Museo di Castelvecchio a Verona. Proiezione di brani del lungometraggio “Nulla dies sine linea”.

Destinatari: dai semplici cultori della materia, agli studenti di architettura e discipline artistiche, agli architetti e storici dell’arte ecc. Massimo di 25 partecipanti.
Prerequisiti: conoscenza della lingua italiana e/o diploma di scuola superiore
Attrezzatura richiesta ai partecipanti: macchina fotografica o smartphone, chiavetta USB, album per schizzi
Durata: 16 ore


Corsi estivi specialistici

3rd International School on Emergy Accounting

La International School on Emergy Accounting unisce studenti e ricercatori provenienti da una varietà di discipline diverse: ecologia, chimica, biologia, fisica, scienze ambientali, ingegneria, economia, scienze politiche e sociali. Ha come obiettivo principale lo sviluppo della Emergy Science  e delle sue applicazioni in vari campi d’interesse e in specifiche problematiche.

Date: 21 - 25 maggio 2018

Emergy Accounting [EN] 

Venice Short Film Workshop

Il Venice Short Film Workshop è un corso intensivo di produzione cinematografica di cortometraggi, pensato per aspiranti registi, e finalizzato ad offrire una preparazione completa su diversi temi: l’elaborazione di un’idea, le riprese video, la recitazione e la revisione dell’intero processo. 

Offre ai partecipanti la possibilità di creare un cortometraggio in un’atmosfera da “boot camp”, in cui creatività e collaborazione sono promosse e incoraggiate, così da favorire l’aumento di competenze e la valorizzazione del talento di ognuno.

Le iscrizioni per il 2017 sono chiuse. Prossimamente saranno disponibili informazioni su future edizioni. 

Venice Short Film Workshop [EN] 

Ambiente ed economia della laguna

La Laguna di Venezia rappresenta un sistema unico e complesso di elementi tra loro connessi la cui salvaguardia risulta indiscutibilmente di vitale importanza. Conoscere, capire e analizzare i numerosi elementi che alimentano il sistema lagunare diventa indispensabile se desideriamo realizzare e sviluppare qualsiasi progetto nell’arco dei prossimi anni.

Le iscrizioni per il 2017 sono chiuse. Prossimamente saranno disponibili informazioni su future edizioni.

Coastal Lagoons [EN] 

Lingua e cultura italiana

La Scuola offre corsi di studio della lingua e cultura italiana immersi nella realtà di Venezia e della sua laguna, con attività di apprendimento della lingua accompagnate da moduli di cultura italiana (arte, letteratura, design etc.) e attività ricreative.

Le iscrizioni per il 2017 sono chiuse. Prossimamente saranno disponibili informazioni su future edizioni.

Lingua e cultura italiana 

Corsi intensivi di italiano

La Scuola offre corsi estivi di lingua italiana aperti a tutti coloro che vogliano studiare l'italiano per un breve periodo. I corsi sono organizzati in moduli della durata di 40 ore in 2 settimane ciascuno, dal livello A1 (principiante) al C1 (avanzato).

Le iscrizioni per il 2017 sono chiuse. Prossimamente saranno disponibili informazioni su future edizioni.

Corsi intensivi di italiano