M'illumino di meno 2021, partecipa al contest social di Ca' Foscari

Assieme alla RUS - la Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile, l’Università Ca’ Foscari aderisce per il dodicesimo anno consecutivo alla campagna nazionale M’illumino di meno, promossa dal programma radiofonico Caterpillar e Radio 2, una giornata dedicata al risparmio energetico e alla promozione degli stili di vita sostenibili in programma per il 26 marzo.

Per questa edizione, il tema  scelto è quello del “Salto di specie”, vale a dire un’evoluzione ecologica, piccola o grande che sia, nel nostro modo di vivere che ci permetterà di uscire migliori da questo periodo di emergenza sanitaria, dalla mobilità all’abitare, dall’alimentazione all’economia circolare.

Dal 19 al 28 marzo, utilizzando l’hashtag #milluminocafoscari, tutti i membri della comunità cafoscarina potranno partecipare al contest social indetto per l’occasione, condividendo su Facebook o Instagram immagini o brevi video originali, accompagnati da una breve descrizione, che ritraggano un “salto di specie”, ovvero gesti e modifiche al proprio stile di vita in grado di ridurre il proprio impatto sull’ambiente, promuovendo importanti valori sociali.

Gli ambiti proposti sono 7: Mobilità, Casa, Cibo, Economia circolare, Energia, Natura, Salto Libero (un salto di specie personalizzato per chi non si ritrova negli altri).

Al termine del contest, una giuria selezionerà i tre post più significativi e i vincitori riceveranno un premio firmato Ca’ Foscari. Gli altri contributi entrati in graduatoria saranno pubblicati sui nostri canali istituzionali e avranno inoltre visibilità a livello nazionale sul sito della RUS, che ha promosso l’iniziativa.

Anche i docenti di Ca’ Foscari avranno la possibilità di partecipare alla campagna di sensibilizzazione: nonostante l’impossibilità di svolgere attività in presenza, i docenti che aderiranno  condivideranno, all’inizio delle lezioni online, una presentazione con alcuni dati relativi all'impegno e alle azioni dell'Ateneo su temi come gestione dei rifiuti, efficienza energetica, incentivi alla mobilità sostenibile etc., promuovendo stili di vita più sostenibili e incentivando studenti e studentesse a fare il loro “salto di specie”

Per tutte le informazioni su come partecipare al contest social, consulta il regolamento nella pagina dedicata all’iniziativa

QUALI “SALTI DI SPECIE” HA FATTO CA’ FOSCARI NEGLI ANNI?

Dal 2010 l'Ateneo valuta e quantifica l’impronta di carbonio (carbon footprint) e determina quali siano le principali fonti di emissione e i processi coinvolti. 

Nel 2018 è stato elaborato il Piano d’Ateneo di riduzione delle emissioni di carbonio 2018–2020 che ha permesso di realizzare alcuni importanti interventi, nonché di mettere a punto i processi di raccolta dati, gli indicatori e le mappature necessarie per definire in modo puntuale gli ambiti in cui Ca’ Foscari impatta maggiormente a livello ambientale e sui quali è quindi possibile intervenire.

Per questo l’Ateneo intende predisporre un piano di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici 2022-2030, che preveda strategie e azioni finalizzate da un lato a ridurre l’impronta di carbonio dell’Ateneo e dall’altro a minimizzare gli impatti e ridurre i costi di ripresa relativi a:

  • inquinamento dell’aria;
  • eventi meteorologici estremi;
  • ondate di calore;
  • criticità energetiche e idriche.

Quest'anno inoltre l'Ateneo ha costituito un Comitato Scientifico che si occuperà proprio di redigere il Piano di Ateneo di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

Dal 2019 l'Ateneo ha stipulato il Protocollo sul GPP (Green Public Procurement) con la Regione del Veneto, gli Atenei di Padova, Venezia e Verona, Unioncamere del Veneto ed ARPAV, per la condivisione di buone pratiche relative agli ‘acquisti verdi’. Il protocollo ha portato alla costituzione di due tavoli tecnici tematici: uno concentrato sul tema dei bandi/acquisti verdi e l’altro sui rifiuti.

Per scoprire di più su tutte le azioni sostenibili messe in atto da Ca' Foscari, visita www.unive.it/sostenibile

Francesca Favaro