Brevetti

La tutela brevettuale gioca un ruolo strategico nelle aziende e negli enti interessati all'innovazione di processo e prodotto, offre innovazione e vantaggio competitivo.
Ca’ Foscari promuove una cultura della Proprietà Industriale che favorisca gli investimenti in ricerca e sviluppo e a tal fine supporta i propri ricercatori nel deposito brevettuale e nella gestione dei rapporti con enti e imprese. 

PInK offre un processo di trasferimento tecnologico che copre i seguenti servizi:

  • attività di scouting dei risultati scientifici
  • ricerca di opportunità di finanziamento e potenziamento tecnologico
  • consulenza nelle fasi di ricerca d’anteriorità e deposito
  • valorizzazione e promozione delle invenzioni, anche attraverso la partecipazione a vetrine tecnologiche o fiere generaliste per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di tecnologia-innovazione.

Brevetti depositati

I brevetti sotto elencati, in ordine cronologico di deposito, sono disponibili per accordi di licenza o cessione secondo le date indicate in ciascun brevetto.
Tutti i brevetti di Ca' Foscari sono presenti in Knowledge Share, il portale che contiene i brevetti depositati dalle principali Università ed enti di ricerca italiani.

Chemioterapia: monitoraggio farmaco Imatinib

L’efficacia di molti farmaci antitumorali varia significativamente a seconda del farmaco e del singolo paziente, per il quale un dosaggio scorretto potrebbe risultare inutile o addirittura dannoso. Il monitoraggio terapeutico del farmaco permette di stabilire la dose ottimale da somministrare, ora in modo molto più celere e semplice grazie al primo metodo elettrochimico che determina la concentrazione del farmaco Imatinib nel plasma del paziente. L’invenzione è sviluppabile in un test in loco da leggere in tempo reale.

Titolare: Università Ca’ Foscari Venezia, Centro di Riferimento Oncologico di Aviano
Inventori: Gregorio Bonazza, Salvatore Daniele, Federico Polo, Stefano Tartaggia, Giuseppe Toffoli
Domanda italiana: 102019000008808
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 29/08/2019


Chemioterapia: monitoraggio farmaco Irinotecano

L’efficacia di molti farmaci antitumorali varia significativamente da paziente a paziente, rendendo necessarie dosi personalizzate per evitare effetti collaterali. L’invenzione applica per la prima volta un metodo elettrochimico per il monitoraggio terapeutico del farmaco Irinotecano, determinandone in modo rapido e semplice la concentrazione nel plasma del paziente per stabilirne, quindi, la dose ottimale. Il metodo è sviluppabile in un dispositivo portatile che effettui il test e ne legga i risultati in tempo reale.

Titolare: Università Ca’ Foscari Venezia, Centro di Riferimento Oncologico di Aviano
Inventori: Gregorio Bonazza, Salvatore Daniele, Federico Polo, Stefano Tartaggia, Giuseppe Toffoli
Domanda italiana: 102019000008841
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 29/08/2019


Sensore tattile per braccio robotico

Robot sensibili… o per lo meno la loro “pelle”: tra gli stupefacenti sviluppi della biorobotica un nuovo sensore tattile trasforma lo strato più esterno del robot in una sorta di pelle artificiale. Il recettore, applicato su un’area relativamente ampia, è infatti in grado di percepire intensità e punto di applicazione delle forze, imitando il senso umano del tatto. Innovativo per leggerezza e adattabilità ad aree curve, può rivestire ampie superfici di protesi robotiche e/o di bracci robotici collaborativi.

Titolare: Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa, Università degli Studi di RomaLa Sapienza”, Istituto Italiano di Tecnologia, Genova, Università Campus Bio-Medico di Roma, Università Ca’ Foscari Venezia
Inventori: Jessica D’Abbraccio, Luca Massari, Calogero Maria Oddo, Eduardo Palermo, Emiliano Schena, Edoardo Sinibaldi, Giuseppe Terruso, Martina Zaltieri
Domanda italiana: 102019000003657
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 29/08/2019


Il giapponese intuitivo: nuovi modi di scrivere online

La lingua giapponese scritta fa uso di ben due alfabeti fonetici (hiragana e katakana) e di sinogrammi (kanji), senza contare che… non prevede spazi tra le parole. Una difficoltà non da poco per chi vuole imparare, scrivere o tradurre un testo in giapponese, che si complica ulteriormente quando la scrittura deve passare per il web. Il nuovo metodo per la glottodidattica inventato dai ricercatori cafoscarini, basato su unità lessicali lunghe (Long Unit Word), facilita l'apprendimento della lingua scritta da parte di bambini madrelingua e di discenti di ogni età all’estero.

Titolare: Università Ca’ Foscari Venezia
Inventori: Marcella Maria Mariotti, Alessandro Mantelli
Domanda italiana: 102019000002235
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 29/08/2019


Ricircolo di digestato dinamico per il trattamento di rifiuti organici

I sistemi di digestione anaerobica a due fasi, anche con ricircolo del digestato, sono ormai lo standard nel trattamento dei rifiuti organici (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano (FORSU) o altro rifiuto organico fermentabile). Il brevetto ottimizza il processo attraverso la gestione automatica del ricircolo del digestato, applicando un modello matematico per controllare il pH nel reattore di fermentazione.

Titolare: Università Ca' Foscari Venezia, Università degli Studi di Verona, Università La Sapienza
Inventori: David Bolzonella, Cristina Cavinato, Marco Gottardo, Mauro Majone, Federico Micolucci, Paolo Pavan, Francesco Valentino
Domanda italiana: 102018000008006
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 10/09/2018


Cosmesi green

Innovativo processo di produzione di una base cosmetica, costituita da componenti di derivazione naturale o prodotti da scarti, in grado di rilasciare in modo controllato gli ingredienti attivi presenti, garantendo un’ottimale penetrazione degli stessi sulla pelle e un’efficacia massimizzata. Il formulato è indirizzato alla produzione di una linea cosmetica d’alta gamma.

Titolare: Università Ca' Foscari Venezia
Inventrici: Michela Signoretto, Federica Menegazzo, Elena Ghedini
Domanda italiana: 102018000005118
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 08/06/2018


PHAs per bioplastiche e biogas dal rifiuto solido urbano

Il rifiuto solido domestico (FORSU) può essere riutilizzato e valorizzato in molti modi utili: tra questi vi è la fermentazione della sua frazione organica per ottenere dei polimeri poliesteri termoplastici (PHAs), precursori delle bioplastiche e del biogas. Il metodo brevettato utilizza colture microbiche miste (MMC) e combina un processo biologico con un sistema di filtraggio.

Titolare: Università La Sapienza, Università Ca' Foscari Venezia, Università degli Studi di Verona
Inventori: David Bolzonella, Marco Gottardo, Mauro Majone, Federico Micolucci, Paolo Pavan, Francesco Valentino
Domanda italiana: 102018000003322
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 08/04/2018


Sensore elettrochimico per individuazione di PFAs nelle acque

Grazie a un innovativo sensore elettrochimico sarà possibile misurare sul campo, con riscontro immediato e poco costoso, la concentrazione di Perfluorottano Sulfonato (PFOS), una delle molecole della famiglia dei PFAs più diffuse e inquinanti per le falde acquifere. Il sensore si basa su un polimero a stampo molecolare (sensore MIP) realizzato ad hoc.

Titolare: Università Ca' Foscari Venezia
InventoriPaolo UgoNajmeh KarimianAngela Maria StortiniLigia Maria Moretto
Domanda italiana: 102017000026417
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 12/06/2017


Luminescenza più vantaggiosa grazie ai silicati di bismuto

Con un procedimento di sintesi molto semplice è possibile creare composti luminescenti che sfruttano le proprietà ottiche non lineari dei silicati di bismuto. Le caratteristiche di minore costo e tossicità abbinate a una maggiore flessibilità di utilizzo ne fanno un composto adatto in campo biomedico e terapeutico, nell’illuminotecnica e nell’anticontraffazione.

Titolare: Università Ca' Foscari Venezia
Inventori: Michele Back, Pietro Riello
Domanda italiana: 102015000025007, Domanda internazionale: WO2016203431
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 12/06/2017


Misurazione da remoto del moto ondoso per la sicurezza e la ricerca nei mari

Attraverso telecamere sincronizzate e applicate a qualsiasi tipo di corpo in movimento (es. un natante o una piattaforma off-shore) non a contatto con l’acqua si possono raccogliere e analizzare immagini della superficie del mare e ricostruire in 4D (spazio + tempo) lo spettro ondoso. Elevata precisione, accuratezza e semplicità di calibrazione ne fanno un metodo di grande interesse per la navigazione commerciale, la sicurezza in mare e la ricerca scientifica.

Titolari: Università Ca' Foscari Venezia e Consiglio Nazionale delle Ricerche
Inventori: Francesco Barbariol, Alvise Benetazzo, Filippo Bergamasco, Sandro Carniel, Mauro Sclavo, Andrea Torsello
Domanda italiana:
102015000082942, Domanda internazionale: WO2017103779
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 12/06/2017


Preparazione green di reagenti: i carbonati organici

I carbonati organici sono composti non tossici e con una buona biodegradabilità, eccellenti sostituti di solventi nocivi e additivi nella produzione di farmaci, carburanti e lubrificanti. Il processo di produzione del composto, finora altamente tossico, può ora basarsi su un nuovo procedimento più veloce e rispettoso dell’ambiente, che permette l’applicazione del prodotto su larga scala.

Titolari: Università Ca' Foscari Venezia, Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna
Inventori: Fabrizio Cavani, Maurizio Selva, Tommaso Tabanelli
Domanda italiana: 102015000054988, Domanda internazionale: WO2017051363
Disponibile per accordi di licenza o cessione dal 12/06/2017


Brevetti verso il mercato

Celle fotovoltaiche: energia pulita dagli scarti del vino

Da scarto a preziosa risorsa rinnovabile: per la prima volta un rifiuto agroalimentare può essere sfruttato per realizzare celle fotovoltaiche che producano energia elettrica sostenibile. Dai residui derivati dalla vinificazione (normalmente smaltiti senza altro uso) si possono estrarre coloranti naturali che catturano l’energia solare, trasformandosi in risorsa rigenerata green.

Il gruppo di lavoro guidato dalla prof.ssa Elisa Moretti e composto da Manuel Meneghetti, Stefano Meneghetti, Enrico Rodrigues Castellon, Aldo Talon, Emilio Celotti, dopo studi preliminari nati in seno a un progetto FSE finanziato dalla Regione del Veneto, ha portato avanti ricerche ed esperimenti insieme all'azienda Serena Wines 1881, sfociati nel deposito di un brevetto (domanda italiana: 102019000006939) in co-titolarità. L’azienda ha poi acquisito la quota cafoscarina e siglato un accordo per sviluppare l'invenzione in prototipo ed eventuale scale up. Leggi di più


Uno sguardo al futuro con nuove... lenti

Con il metodo ideato dai ricercatori Elti Cattaruzza, Omar Grasso e Marco Mardegan le lenti in vetro per occhiali da sole possono essere colorate in un’ampia gamma di tinte in modo più semplice, sicuro e facilmente integrabile ai flussi produttivi esistenti. Prima di questa invenzione, la colorazione superficiale del vetro avveniva in maniera diffusa con il metodo dell’Hydrogen Firing (trattamento termico del vetro in presenza di idrogeno gassoso); il prototipo messo a punto nei laboratori cafoscarini permette invece di tingere le lenti vetro immergendole in un bagno salino fuso di opportuna composizione: si può così variare la colorazione grazie agli scambi di specie chimiche tra il sale ed il vetro, senza l’uso di idrogeno, che è un gas infiammabile ed esplosivo. Inoltre può essere attuato contemporaneamente al processo di tempra chimica (indurimento) del vetro per aumentarne la resistenza agli impatti.

La quota del brevetto, domanda italiana nr. 102016000043786, è stata ceduta a Luxottica Group, azienda leader nel design, produzione e distribuzione di occhiali di fascia alta, di lusso e sportivi presente in tutto il mondo con una rete wholesale globale che tocca più di 150 paesi nei cinque continenti.


Zirconia che cura: sviluppo di nuove nanoparticelle contro il cancro

Materiali a base di zirconia sono utilizzati da tempo in medicina, ad esempio nelle protesi, ma senza possibili applicazione alla diagnosi e alla cura. I ricercatori Alvise Benedetti, Pietro Riello e Gabriele Sponchia hanno sintetizzato delle nuove nanoparticelle di ossido di zirconio totalmente mesoporose, attraverso una tecnica innovativa di tipo sol-gel che permette un elevato controllo della forma e del diametro delle nanoparticelle e della porosità del composto. Queste nanoparticelle, per le loro capacità di essere inglobate nelle cellule di diversi sistemi biologici risultando comunque atossiche, possono trovare applicazione in campo biomedico (diagnosi del cancro ed altre patologie, drug delivery più efficace della Silice). Trovano inoltre applicazione in settori quali la cosmesi (es. come carrier di principi attivi, di antiossidanti e di agenti emollienti), in campo dentale e protesico e della medicina rigenerativa (es. produzione di scaffold biocompatibili).

Un'invenzione dalle grandi potenzialità che ha sollevato l'interesse di Brenta srl: la startup innovativa di Ninetreesgroup S.p.A. che si occupa di nanotech per l'industria chimico-farmaceutica ha deciso di investire su questa scoperta acquistando il brevetto (domanda italiana num. 0001428445, domanda internazionale: WO2016120795).