Pubblicazioni scientifiche

Catalogo pubblicazioni

Il catalogo delle pubblicazioni del Dipartimento attinge le informazioni da ARCA, l'archivio istituzionale ad accesso aperto della ricerca di Ca' Foscari con lo scopo di raccogliere, diffondere e conservare la produzione scientifica dell'università.

ARCA è un archivio Open Access: è consultabile liberamente, indicizzato dai motori di ricerca e interrogabile anche dal portale cerCa. In questo modo vengono valorizzate la produzione scientifica dell'Ateneo e la visibilità delle ricerche.


Vetrina bibliografica del Dipartimento

Franca Tamisari,
La danza dello squalo. Relazionalità e performance in una comunità yolngu della Terra di Arnhem
Padova, CLEUP, 2018 

In Australia, nella Terra di Arnhem Nordorientale, la gente yolngu ha saputo adattarsi alle condizioni imposte dalle politiche coloniali e postcoloniali, intrecciando la conoscenza del passato con le sfide del presente, la saggezza degli anziani con la visione dei giovani. La ricerca descrive come il complesso sistema territoriale e politico indigeno è espresso nei racconti cosmogonici, nelle canzoni e danze rituali, ma anche come è modificato e trasmesso per educare le nuove generazioni e per dialogare con le istituzioni non indigene. http://www.cleup.it/danza_squalo.html


Paola Corò,
Seleucid Tablets from Uruk in the British Museum. Text Editions and Commentary
Venezia, Edizioni Ca' Foscari, 2018

Between the second half of the 19th century and the first half of the 20th century the British Museum acquired as part of its cuneiform collections 120 economic tablets from Uruk dating to the Seleucid period; they belong to what has been described as “the most spectacular Hellenistic archives available today”. This book offers an analysis of the collection, accompanied by text editions.  http://doi.org/10.30687/978-88-6969-246-8 (open access)


Alberto Zava,
Dal nostro inviato in Unione Sovietica. Reportage di viaggio di giornalisti-scrittori italiani 1950-1960,
Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, 2018

Attraverso i reportage di tre giornalisti-scrittori italiani si delinea un quadro suggestivo dell’Unione Sovietica degli anni ’50-’60. In uno stretto rapporto con il poliedrico paesaggio sovietico, l’incontro con l’altro (geografico, culturale, umano) consente a Enrico Emanuelli, Carlo Levi e Guido Piovene di portare a compimento un’operazione, concretizzata in veri e propri volumi di reportage per i primi due e in articoli di giornale per il terzo, a metà tra la dimensione giornalistico-informativa e l’impianto letterario della scrittura di viaggio e di indagine. http://doi.org/10.30687/978-88-6969-234-5  (open access)

Last update: 27/09/2018