Conferimento degli incarichi di funzioni dirigenziali (del 2/2008)

Integrazione al Regolamento per il conferimento degli incarichi di funzioni dirigenziali.

Emanato con D.R. n.1435 del 26/11/2002

Art. 1 - Competenze per l’attribuzioni degli incarichi dirigenziali

  1. In attuazione dell’art. 19 del D.lgs n. 165/2001 e successive integrazioni e modificazioni, e dell’art. 24 dello Statuto dell’Università Ca’ Foscari, il consiglio di amministrazione individua le posizioni organizzative da ricoprirsi con incarico dirigenziale e il Direttore Amministrativo, d’intesa con il Rettore propone al Consiglio di Amministrazione l’attribuzione degli incarichi, per l’approvazione.
  1. Gli incarichi, a tempo determinato, possono essere attribuiti sia a personale dipendente, con o senza la qualifica dirigenziale, sia a soggetti terzi.

Art. 2 - requisiti professionali richiesti

  1. Gli incarichi dirigenziali sono attribuiti ai dirigenti di ruolo dell’Ateneo e a persone la cui particolare competenza, capacità e qualificazione professionale dovrà essere comprovata, alternativamente:

    1. dallo svolgimento per almeno cinque anni di funzioni dirigenziali in organismi ed enti pubblici o privati ovvero aziende pubbliche o private,
    2. dall’acquisizione di una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria, post-universitaria, da pubblicazioni scientifiche
    3. dall’acquisizione di particolari capacità professionali desumibili da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno cinque anni, anche presso amministrazioni statali, ivi comprese quelle che conferiscono gli incarichi, in posizioni funzionali previste per l’accesso alla dirigenza, ovvero  nei ruoli apicali delle carriere del personale del comparto Università,
    4. dalla provenienza dai settori della ricerca, della docenza universitaria, delle magistrature e dei ruoli degli avvocati e procuratori dello Stato.

Art. 3 - modalità per l’individuazione dei soggetti cui affidare incarichi dirigenziali

  1. In via prioritaria, il Direttore Amministrativo, d’intesa con il Rettore, previa autorizzazione del Consiglio di Amministrazione, assegna gli incarichi dirigenziali ai dirigenti di ruolo in servizio presso l’Università Ca’ Foscari,  previa verifica di quanto previsto dall’art. 4.
  2. I rimanenti incarichi saranno assegnati dal Direttore Amministrativo, d’intesa con il Rettore, previa autorizzazione del Consiglio di Amministrazione:

    1. a dirigenti di ruolo appositamente selezionati tramite concorsi pubblici,
    2. a candidati interni che abbiano svolto incarichi e ricoperto posizioni di analoga complessità, selezionati a seguito di verifica dei requisiti di cui all’art. 2 e di quanto previsto dall’art. 4 anche mediante valutazione del curriculum  e colloquio
    3. ad altri candidati  in possesso dei requisiti di cui all’art. 2 da selezionare tramite avviso pubblico. L’avviso è affisso all’albo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, inserito nel sito internet della stessa, nonché pubblicato su uno o più quotidiani. La verifica dei requisiti di cui all’art. 2 e di quanto previsto dall’art. 4 avviene a cura di una apposita Commissione, nominata dal Direttore Amministrativo, d’intesa con il Rettore, la quale proporrà, al termine della selezione, uno o più candidati per la scelta.

Art. 4 - Valutazione

  1. I parametri da valutare per l’individuazione dei soggetti ai quali attribuire gli incarichi di funzioni dirigenziali riguardano le seguenti competenze che possono essere tra loro diversamente combinate in relazione ai singoli incarichi da conferire:

    1. capacità di direzione di strutture complesse  e di assunzione di responsabilità formali e sostanziali,
    2. capacità di conseguire gli obiettivi assegnati e orientamento al risultato,
    3. conoscenza delle norme di funzionamento del settore pubblico e capacità di rispettare e far rispettare regole e vincoli dell’amministrazione,
    4. capacità di innovazione e di gestione attraverso gli strumenti della programmazione e controllo,
    5. capacità di gestire i collaboratori, attraverso la guida, la motivazione, la valutazione,
    6. visione generale dell’organizzazione per farsi carico degli obiettivi generali e favorire l’integrazione tra diversi uffici e servizi,
    7. capacità di far fronte ad incarichi aggiuntivi rispetto a quelli di pertinenza di uffici precedentemente diretti.

Art. 5 - Incarico

  1. Nel provvedimento di conferimento dell’incarico al personale dell’Università, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato con qualifica di dirigente, il Direttore Amministrativo definisce

    1. l’oggetto dell’incarico
    2. la durata dell’incarico
    3. gli obiettivi da conseguire, l’attività e relativa responsabilità.

  2. Il Direttore Amministrativo e il singolo dirigente, con riferimento a quanto stabilito nel provvedimento di cui al comma 1, sottoscrivono un contratto individuale nel quale viene precisato l’ammontare dell’indennità di posizione e di quella di risultato.
  3. Gli incarichi di funzioni dirigenziali al personale dipendente senza qualifica dirigenziale o a soggetti terzi sono formalizzati dal Direttore Amministrativo con contratto individuale di lavoro subordinato a tempo determinato che dovrà contenere, oltre al trattamento economico definito nel rispetto dei principi dell’art. 24 del citato Dlgs 165/2001, gli stessi elementi di cui ai commi precedenti.
  4. Per il periodo di durata del contratto, i dipendenti senza qualifica dirigenziale sono collocati in aspettativa senza assegni, con riconoscimento dell’anzianità di servizio.
  5. Sono fatti salvi i casi di revoca previsti dall’art. 21 del Dlgs 165/2001. E’ sempre ammessa la risoluzione consensuale del rapporto.
  6. Gli incarichi hanno durata non superiore ai cinque anni. Gli incarichi sono rinnovabili.

Art. 6 - Norma di rinvio

  1. Per quanto non espressamente disciplinato nel presente regolamento, si rinvia a quanto previsto dal Dlgs 165/2001, e successive integrazioni e modificazioni, e dal CNNL del personale dirigente dell’Università.