Eventi del Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali

Regolamento del Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali per lo svolgimento di eventi culturali e di ricerca.

Emanato con D.R. n. 276 del 03/12/2012

Art. 1 - Oggetto del regolamento

  1. Sono considerati eventi culturali e di ricerca: i congressi, i convegni, i simposi, i seminari,  le tavole rotonde,  gli incontri ed ogni altra attività simile, comunque denominata.
  2. Gli  eventi  culturali e di ricerca che non comportano spese a carico del Dipartimento ed il conferimento di patrocinio sono autorizzati dal Direttore del Dipartimento.
  3. Gli eventi culturali e di ricerca che comportano assunzione di spese a carico del Dipartimento, ai sensi dell’art. 14 del “Regolamento di Ateneo per l’amministrazione, la finanza e la contabilità  di Ca’ Foscari” e della delibera del C.d.A n. 39 del 26.2.2010, sono disciplinati dagli articoli seguenti.

Art. 2 - Spese consentite

  1. Possono essere assunte a carico del bilancio del Dipartimento di  Filosofia  e  Beni  Culturali tutte le spese inerenti agli eventi culturali e di ricerca.
  2. La spesa è qualificata inerente all’evento dall’attestazione del docente organizzatore. A titolo esemplificativo sono inerenti all’evento:

    • le spese per l’
    • uso dei locali;
    • le spese per la registrazione delle relazioni e degli interventi;
    • le spese per la traduzione simultanea;
    • le spese per la pubblicazione degli atti;
    • le spese di ospitalità e di viaggio per illustri studiosi e autorità invitati all’evento;
    • le spese di viaggio, vitto e alloggio per i conferenzieri;
    • le spese relative a rinfreschi e colazioni;
    • le spese per le cene ed i pranzi limitate alla partecipazione dei conferenzieri, degli illustri studiosi, delle Autorità e a un massimo di due persone individuate tra gli organizzatori. In tali casi le spese, essendo connesse a eventi culturali e di ricerca, sono da considerarsi inerenti all’evento ai sensi dell’ art. 14 del “Regolamento di Ateneo per l’amministrazione, la finanza e la contabilità  di Ca’ Foscari”. La spesa per la partecipazione alle varie iniziative di altri docenti interni può gravare sui fondi di ricerca dei docenti stessi che attestano l’inerenza dell’incontro alla propria attività di ricerca.

Art. 3 - Proposta di evento culturale e di ricerca

  1. La proposta di evento culturale e di ricerca è di norma  presentata al Direttore del Dipartimento e al delegato per la razionalizzazione delle attività culturali della Struttura entro il 31 gennaio per eventi previsti entro il 31 luglio ed entro il 30 giugno per eventi previsti entro il 31 gennaio dell’anno successivo.
  2. La proposta contiene il programma, il bilancio preventivo, la richiesta di cofinanziamento a carico del Dipartimento, e l’indicazione del docente organizzatore. Il preventivo di spesa indica distintamente le spese per vitto alloggio e viaggio dei conferenzieri, per  il loro compenso, per l’ospitalità di personalità illustri, e per le altre spese. Sono valutate dal Direttore e dal delegato solo le proposte fornite di questo apparato di corredo.
  3. Le proposte sono sia quelle che prevedono che la spesa gravi su fondi dipartimentali, sia quelle che prevedono il carico esclusivo su fondi personali dei docenti, dei centri, dei laboratori di Dipartimento.

Art. 4 - Valutazione della proposta

  1. Il Direttore di Dipartimento presenta le proposte al Consiglio di Dipartimento per ogni valutazione in ordine alla distribuzione dei fondi in relazione alle diverse proposte e l’approvazione dei relativi impegni di spesa (cfr. art. 100 del “Regolamento di Ateneo per l’amministrazione la finanza, e la contabilità  di Ca’ Foscari”).
  2. La deliberazione del Consiglio di Dipartimento che approva la proposta può prevedere un tetto per il compenso dei conferenzieri nella misura variabile secondo quanto disposto dalla delibera del C.d.A n. 39 del 26.2.2010 e per le altre spese.  Il proponente potrà utilizzare la quota di cofinanziamento del Dipartimento fino al limite di spesa concesso presentando regolare  documentazione di spesa. I fondi non utilizzati  ritornano nel controllo del Dipartimento per essere destinati ad altri eventi.
  3. Non sono soggetti alla programmazione ed ai termini previsti dall’Art. 3, ed alla deliberazione prevista dal comma 2, le proposte che rivestono il carattere dell’urgenza e della eccezionalità e che rientrano nei limiti di spesa di competenza del Direttore. In tali casi l’autorizzazione all’evento e l’approvazione dell’impegno di spesa spettano al Direttore del Dipartimento.

Art. 5 - Disposizioni finali

Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento, si rinvia al Regolamento di Ateneo per l’amministrazione la finanza, e la contabilità  di Ca’ Foscari.

Last update: 05/07/2018