Cooperazione Transnazionale

La Cooperazione transnazionale si basa su territori transnazionali più estesi ed è volta alla promozione dello sviluppo  territoriale integrato.

L’Università Ca’ Foscari può partecipare a 4 programmi


Alpine Space 2014-2020

Gli obiettivi strategici del Programma Spazio alpino ripropongono, a livello di area alpina, gli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva della Strategia Europa 2020.

Il Programma, con un budget di  circa 116 milioni e mezzo  (fondi FESR) mira a rafforzare la cooperazione tra le aree ammissibili promuovendo azioni di sviluppo territoriale integrato, nel quadro delle priorità della politica di coesione dell’Unione.

Austria Slovenia intero paese ;
Francia : Regioni di Rhône-Alpes, Provence-Alpes-Côte d’Azur, Franche-Comté Alsace ; 
Germania
: distretti di Oberbayern and Schwaben ( Bayern), Tübingen e Freiburg (Baden-Württemberg); 
Italia
: Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria

Il Programma si articola nelle seguenti priorità:

  1. Spazio Alpino innovativo che mira a potenziare le condizioni di contesto per l’innovazione ed a incrementare le capacità per l’erogazione di servizi di interesse generale in una società che sta cambiando.
  2. Spazio Alpino a basse emissioni di carbonio che mira a stabilire strumenti per politiche integrate transnazionalmente di basse emissioni di carbonio e incrementare le opzioni di mobilità e trasporto a basse emissioni di anidride carbonica.
  3. Spazio Alpino vivibile che mira a valorizzare, in maniera sostenibile, il patrimonio culturale e naturale dello Spazio Alpino e ad accrescere la protezione, la conservazione e la connettività ecologica degli ecosistemi dell’area di programma
  4. Spazio Alpino ben governato che mira a incrementare l’applicazione di una governance multilivello e transnazionale nello Spazio Alpino.

Per l’Università Ca’ Foscari la parte di co-finanziamento fornita dal FESR per il Programma ammonta ad un massimo del 85%, mentre la restante parte è corrisposta dal Fondo di Rotazione per gli organismi di natura pubblica.

La Call 2017 è articolata in 2 step:

  • 1° step: dal 12 aprile al 28 giugno 2017;
  • 2° step: dal 17 ottobre al 20 dicembre 2017.

Autorità di gestione: Government Office of the Land Salzburg

Punto di contatto nazionale: Regione Lombardia


Central Europe 2014-2020

La Commissione Europea investirà 246 milioni di euro per la cooperazione transnazionale tra le città e le regioni dell'Europa centrale nell'ambito del programma Interreg Central Europe 2014-2020.

Le priorità di Interreg Central Europe 2014-2020 sono:

  1. Promuovere l'istruzione, la ricerca e l'innovazione per rendere l'Europa centrale più competitiva;
  2. Ridurre le emissioni di carbonio nell'area attraverso l'utilizzo delle energie rinnovabilie l'efficienza energetica;
  3. Tutelare le risorse naturali e culturali dell'Europa centrale sottoposte a pressioni ambientali ed economiche;
  4. Collegare meglio l'Europa centrale, investendo nelle reti di trasporto europee per merci e passeggeri.

Il programma mira sostenere progetti di cooperazione transnazionale che coinvolgono le organizzazioni pubbliche e private di nove paesi dell'Europa centrale: Austria, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia, Polonia, Slovacchia, Slovenia e Croazia (che aderisce allo strumento a partire da quest'anno).

Per l’Università Ca’ Foscari la parte di co-finanziamento fornita dal FESR per il Programma ammonta ad un massimo del 80%, mentre la restante parte è corrisposta dal Fondo di Rotazione per gli organismi di natura pubblica.

Attualmente sono in fase di valutazione i progetti presentati sulla I call della programmazione 2014-2020. La prossima call aprirà a settembre/ottobre 2017.

Autorità di gestione: Department for UE-Strategy and Economic Development City of Vienna

Punto di contatto nazionale: Regione Veneto - Sezione Cooperazione Transfrontaliera e Territoriale Europea


Mediterraneo 2014-2020

Il Programma di cooperazione transnazionale MED ha l’obiettivo di migliorare la competitività dello spazio mediterraneo e garantirne la crescita in una logica di sviluppo sostenibile.

Le priorità di Interreg MED 2014-2020 sono:

  1. Promuovere le capacità di innovazione dell’area per sviluppare una crescita intelligente e sostenibile;
  2. Sostenere strategie a basse emissioni carbonio ed efficienza energetica in specifici territori dell’area programma (città, isole, aree remote);
  3. Promozione e protezione delle risorse naturali e culturali;
  4. Rafforzare la governance dell’area Mediterranea.

Collegamenti

L’area di eleggibilità del programma riguarda dieci Stati dell'Unione: Cipro, Croazia, Francia, Grecia, Italia, Malta Portogallo, Regno Unito (Gibilterra), Slovenia, Spagna, e tre Stati non UE: Albania, Bosnia-Erzegovina e Montenegro.

MED è cofinanziato dall'Unione europea con il Fondo europeo di sviluppo regionale-FESR ed ha una disponibilità finanziaria FESR di 224,322 milioni di euro, oltre a 9,355 milioni di euro di fondi IPA (strumento finanziario per i Paesi in Pre-Adesione: Albania, Bosnia-Erzegovina e Montenegro).
Per l’Università Ca’ Foscari il contributo ammonta al 100% di cui l’85% è dato da fondi  FESR,  mentre la restante parte è corrisposta dal Fondo di Rotazione (solo per gli organismi di natura pubblica).
Il  23 giugno 2015 si è tenuto a Marsiglia il kick off meeting ufficiale di lancio del programma Med "Global challenges, Mediterranean solutions. Decision taking and concrete actions", contestualmente all’apertura del bando della nuova programmazione.

Il bando per progetti modulari ed integrati si è chiuso il 31 marzo 2017.

Autorità di gestione: L'Autorità di gestione è a Marsiglia (FRANCIA) presso la regione PACA (Provence-Alpes-Côte d'Azur)

Punto di contatto nazionale: Settore Attività Internazionali - Regione Toscana


ADRION 2014-2020

Il quadro normativo europeo 2014-2020 prevede che importanti programmi di cooperazione transnazionale supportino l'attuazione di strategie macroregionali.
La decisione della Commissione Europea ha dato avvio alla nascita di tre nuovi programmi transnazionali, dividendo in tre parti l’area del Programma South East Europe 2007-2013:

  • ADRION a sostegno della EU Strategy for Adriatic and Ionian Region (EUSAIR)
  • DANUBE a sostegno della EU Strategy for Baltic Sea Region
  • BALCANI-MEDITERRANEO

Collegamenti

Documenti allegati

Le priorità di Adrion  2014-2020 sono:

  1. Sostenere lo sviluppo di un sistema regionale d’innovazione nell’area.
  2. Promuovere una valorizzazione sostenibile del patrimonio naturale e culturale quali fattori di crescita dell’area Adriatico-Ionica e migliorare la capacità transnazionale di affrontare la vulnerabilità e fragilità ambientale, salvaguardando i servizi eco-sistemici.
  3. Migliorare la capacità di erogare servizi integrati di trasporto, di mobilità e multimodalità .
  4. Facilitare il coordinamento e l’attuazione di EUSAIR Strategia dell’Unione Europea per la Regione Adriatico Ionica, attraverso il rafforzamento delle capacità delle pubbliche amministrazioni e degli stakeholder e accompagnando l’attuazione delle priorità comuni.

Il Programma Adrion ha come obiettivo l’innovazione della governance e l’integrazione tra Stati membri e Paesi candidati. L’area di eleggibilità del programma coinvolge 4 Stati membri UE: Italia, Slovenia, Croazia e Grecia e 4 Paesi IPA: Albania, Serbia, Montenegro, Bosnia Erzegovina.

Il Programma è cofinanziato dall'Unione europea con il Fondo europeo di sviluppo regionale-FESR ed ha una disponibilità finanziaria di 83,467 milioni di euro. I Paesi non UE hanno disponibilità finanziarie tramite i fondi IPA.
Per l’Università Ca’ Foscari il contributo ammonta al 100% di cui l’85% è dato da fondi  FESR,  mentre la restante parte è corrisposta dal Fondo di Rotazione (solo per gli organismi di natura pubblica).  
Questi obiettivi si attuano attraverso progetti che coinvolgano partner di almeno tre Stati aderenti al Programma. Ai bandi possono partecipare autorità pubbliche (o pubbliche equivalenti) e soggetti privati.
Il prossimo bando è previsto per la primavera del 2017.

Autorità di gestione: Regione Emilia Romagna.
E-mail:  info@interregadrion.eu
Agenzia ERVET: Segretariato Tecnico

Last update: 05/07/2018