Nanomateriali per sensori per la salute e l’ambiente (Nano@Sens)

Gruppo di ricerca

Chiara Zanardi, Professoressa Ordinaria
Maria Antonietta Baldo, Professoressa Associata
Angela Maria Stortini, Ricercatrice Universitaria
Alessandro Silvestri, Ricercatore
Sabrina Fabris, Tecnica Amministrativa
Lorena Gobbo, Tecnica Amministrativa
Linda Trevisan, Tecnica Amministrativa
Giulia Moro, Cultrice della Materia
Najmeh Karimian, Assegnista

sito web: https://www.unive.it/nano@sens

 

 

Collaborazioni

Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatiche e Statistiche, Università di Venezia
Università di Modena e Reggio Emilia
Istituto per la Sintesi Organica e Fotosintesi (CNR)
Università di Roma Tor Vergata
Università di Parma
Universitas de Burgos, Spain
Universitas de Cadiz, Spain
CIC biomaGUNE, San Sebastian, Spain
Centro De Investigación y Desarrollo Tecnológico En Electroquímica, S.C., Messico

Temi di ricerca

Sviluppo di sensori elettrochimici per il monitoraggio di contaminanti emergenti

Vengono sviluppati sensori per la determinazione di contaminanti organici presenti in acque di linea e reflue. Le molecole attualmente in corso studio sono fitosanitari e sottoprodotti della disinfezione, per le quali si sfruttano sensori basati su nanomateriali (nanoparticelle metalliche e grafene), eventualmente associati ad enzimi. Per i PFAS, invece, si utilizzano polimeri a stampo molecolare, materiali biomimetici che presentano al loro interno siti selettivi per il riconoscimento dell’analita.

Sensori per la determinazione di biomarkers in fluidi biologici

Il gruppo di ricerca sviluppa sensori elettrochimici per l’analisi non invasiva di diversi biomarcatori in fluidi biologici, come urina, saliva e sudore. In particolare, si stanno sviluppando piattaforme multisensore per la determinazione di elettroliti e molecole organiche nel sudore e per definire gli effetti di una prolungata esposizione ad inquinanti organici. Il progetto prevede lo sviluppo di piattaforme sensoristiche innovative, ecosostenibili e a basso costo, ottenute usando materiali polimerici, carta e tessuto come substrati.

Sensori miniaturizzati basati su micro- e nano-elettrodi per l’analisi di matrici complesse

Vengono sviluppati sistemi elettrodici caratterizzati da singoli e array di micro- e nano-elettrodi per condurre indagini diagnostiche “in-situ”, e in piccoli volumi di campione, sui processi elettrochimici di specie elettroattive presenti in matrici reali complesse. L’attenzione è principalmente rivolta ad applicazioni in campo ambientale, clinico ed alimentare per la determinazione di concentrazioni a livello di tracce di componenti naturali, contaminanti metallici o indicatori biologici delle matrici studiate.

Inchiostri intelligenti per l’elettroanalisi

Con l’avvento della elettronica flessibile, la classica tecnologia a stato solido verrà gradualmente sostituita da inchiostri conduttivi e tecniche di stampa a basso costo. I nanomateriali 2D sono candidati ideali per lo sviluppo di inchiostri conduttivi grazie alle loro proprietà elettriche. Il gruppo di ricerca sviluppa inchiostri intelligenti, modificando chimicamente materiali 2D per ottenere inchiostri in grado di rispondere a stimoli esterni. In combinazione con classiche tecniche di stampa come screen printing e inkjet printing, questi inchiostri vengono usati per la produzione di sensori elettrochimici.

Last update: 14/02/2024