Ca' Foscari Plastic Free

Nel 2019 Ca’ Foscari ha aderito al protocollo CRUI #StopSingleUsePlastic, campagna indetta dall’Associazione Marevivo in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2018. La campagna è stata lanciata con l’obiettivo di chiedere alle istituzioni di introdurre il divieto dell’uso di prodotti di plastica “usa e getta” nei propri servizi e uffici. L’Ateneo aderendo a #StopSingleUsePlastic sta mettendo in atto azioni per favorire l’eliminazione della plastica monouso, per diffondere una corretta cultura ambientale.

Per raggiungere questi obiettivi il nostro Ateneo realizza azioni concrete coinvolgendo la comunità studentesca, i docenti e il personale, organizza incontri e seminari scientifici e attiva collaborazioni interdisciplinari che permettano di aumentare la consapevolezza su questi temi.


Una balena a Ca' Foscari

L'Università Ca' Foscari regala a tutta la comunità cafoscarina una borraccia in metallo, per un Ateneo sempre più plastic free. Studentesse, studenti e personale riceveranno una borraccia firmata 24Bottles, con un’illustrazione esclusiva dell’artista veneziano Lucio Schiavon.

Un'iniziativa per sensibilizzare la comunità cafoscarina nella riduzione dell'utilizzo della plastica.

24Bottles per Ca' Foscari

La borraccia di Ca' Foscari è prodotta da 24Bottles, azienda italiana bolognese fondata nel 2013, che garantisce alti standard di qualità, di rispetto dell'ambiente e di tutela dei lavoratori.

È realizzata in acciaio inossidabile 18/8 a singolo strato; a differenza del più economico alluminio, l’acciaio inossidabile 18/8 di grado alimentare usato per produrre le 24bottles è naturalmente sicuro e non necessita rivestimenti addizionali. È privo di BPA al 100% poiché non contiene strati di plastica e consente alla borraccia di contenere qualsiasi tipo di bevanda.

Anche il design è pensato per facilitarne l'uso: il tappo a vite è a tenuta stagna, l’ampia bocca sulla parte superiore è pensata per inserire il ghiaccio senza fatica e per una facile pulizia.

Le bottiglie 24Bottles sono attualmente prodotte in Cina, nella provincia di Zhejiang da partner certificati che hanno implementato e mantenuto certificazioni per il Sistema di gestione della qualità (ISO 9001), Sistema di gestione ambientale (ISO 14001) e il Sistema di gestione salute e sicurezza sul lavoro (OHSAS 18001). 24Bottles garantisce che il lavoro proprio e quello dei suoi partner viene effettuato in conformità agli elevati standard del settore in termini di qualità e sicurezza, lavoro equo, pratiche commerciali etiche e responsabilità ambientale.

Inoltre il fornitore ha calcolato l’impronta di carbonio delle 24Bottles, dalla materia prima alla produzione, dall’imballaggio al trasporto. L’intero volume delle emissioni di CO2 prodotte viene assorbito dagli alberi piantati in Oxygen, la foresta dell'azienda, attivata tramite la società treedom.

In questo modo le borracce di Ca' Foscari sono a emissioni zero.

Lo sai che c'è una Balena nascosta sotto Venezia?

Venezia è una città misteriosa. Si dice che forse sotto alle sue calli e ai suoi palazzi viva una balena.

L'Università Ca' Foscari ha deciso di prendersene cura facendo attenzione all'impatto delle proprie attività sull'ambiente intorno.

Usare la borraccia tutti i giorni, al posto delle bottigliette usa e getta, è un modo concreto per contribuire ad avere una città più pulita, più sostenibile, più viva.

E anche la balena, siamo sicuri, ne sarà felice.


Lucio Schiavon

L'illustrazione sulla borraccia di Ca' Foscari è opera di Lucio Schiavon, illustratore e grafico nato nel 1976 a Venezia, città che è la principale fonte di ispirazione per i suoi progetti. Negli anni Lucio ha collaborato con diverse realtà nazionali ed internazionali: Fabrica, New Yorker magazine, La Biennale di Venezia, Agenzia Armando Testa. Illustra libri per la casa editrice Nuages di Milano e ha esposto alla Fondazione Bevilacqua La Masa. Ha vinto l'International Motion art Award di New York e l’Interfilm Festival short Movie di Berlino 2015 con due diversi cortometraggi in animazione.


Informazioni per il ritiro della borraccia


Colonnine dell'acqua

Da anni l’Ateneo si impegna a promuovere e valorizzare comportamenti sostenibili presso la comunità cafoscarina, azioni quotidiane messe in atto per ridurre il proprio impatto sull'ambiente, tra queste un utilizzo responsabile delle risorse.

Da novembre 2017 sono state installate nelle principali sedi dell’Ateneo, le colonnine dell’acqua, un’iniziativa nata dalla volontà di ridurre in modo significativo la quantità di plastica utilizzata quotidianamente da studenti e personale, incentivando in questo modo l’utilizzo di borracce.

L’acqua erogata dal distributore proviene dalla rete idrica cittadina, che viene analizzata giornalmente per assicurarne la purezza e la sicurezza. Nei distributore inoltre, l'acqua passa attraverso un apposito filtro a carboni attivi e un sistema di raffreddamento.
Gli erogatori di acqua potabile sono stati collocati nelle aree di ristoro delle seguenti sedi:

  • Ca' Foscari
  • Ca' Cappello
  • Campus Scientifico di Mestre - Edificio Zeta
  • Malcanton Marcorà
  • S. Basilio - Ala nuova
  • S. Giobbe - Ingresso Fondamenta San Giobbe, prima area ristoro

Last update: 04/12/2019