Utilizzo e qualità della risorsa idrica

L'Ateneo, consapevole dell'importanza di agire per essere attore e promotore del cambiamento, ha dato avvio ad azioni concrete per una gestione sostenibile dell'acqua, coinvolgendo la comunità studentesca e il personale.

La carenza crescente d'acqua è un'emergenza globale, causata dagli effetti dei cambiamenti climatici e da una gestione non efficiente della risorsa idrica in molte aree del mondo. La siccità che negli ultimi anni sta colpendo il nostro territorio, dovuta all'assenza di consistenti piogge, alla diminuzione delle riserve di neve e alle elevate temperature, evidenzia l'importanza di adottare strategie di risparmio idrico e comportamenti responsabili per tutelare una risorsa indispensabile per la vita e sempre più scarsa.

L'acqua è un bene comune ed è responsabilità di tutte e tutti salvaguardarla, evitando gli sprechi.

Azioni concrete

  • Chiudi sempre l'acqua del rubinetto quando non serve;
  • Attenzione allo scarico del wc, usa la doppia pulsantiera per selezionare la quantità d’acqua che ti serve davvero;
  • Attenzione alle perdite! Segnala prontamente eventuali guasti o malfunzionamenti (maggiori info su come segnalare i guasti a questo link).

Calcolo dell'impronta idrica dell'Ateneo

Il Progetto Smart Water Metering, promosso e coordinato dal Waste Manager di Ateneo, in collaborazione con gli uffici dell'Area Servizi Informatici e Telecomunicazioni e dell'Area Servizi Immobiliari e Acquisti e con la collaborazione di Veritas SpA, è già in fase di implementazione e permetterà di raccogliere dalla primavera/estate 2022 i dati necessari ad una successiva elaborazione per il calcolo dell’impronta idrica di Ateneo.

Sistema di raccolta dell'acqua piovana

Presso il Campus Scientifico di Mestre è attivo un sistema di raccolta e utilizzo dell’acqua piovana per l'irrigazione. Nel Piano di Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici è prevista un'azione che mira a quantificare quanto viene già raccolto e utilizzato annualmente al Campus Scientifico e ad analizzare se e come tale recupero sia attivabile in altri contesti/sedi universitarie.

Campagna di comunicazione all’interno delle sedi

L'Ateneo nel Piano di Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici ha previsto di predisporre una campagna di comunicazione, attraverso segnaletica e adesivi da affiggere all’interno delle sedi, nei punti dove l’utente può agire, tra questi l'utenza troverà nei bagni indicazioni per non sprecare l’acqua.

Colonnine dell'acqua

Da anni l’Ateneo si impegna a promuovere e valorizzare comportamenti sostenibili presso la comunità cafoscarina, azioni quotidiane messe in atto per ridurre il proprio impatto sull'ambiente, tra queste un utilizzo responsabile delle risorse.

A marzo 2023 sono state installate le nuove colonnine dell'acqua nelle principali sedi dell’Ateneo, andando ad aumentare il numero di erogatori precedentemente installati nel 2017. Un’iniziativa nata dalla volontà di ridurre in modo significativo la quantità di plastica utilizzata quotidianamente da studenti/esse e personale, incentivando in questo modo l’utilizzo di borracce.

L’acqua erogata dal distributore proviene dalla rete idrica cittadina, che viene analizzata giornalmente per assicurarne la purezza e la sicurezza.

Gli erogatori di acqua potabile sono stati collocati nelle aree di ristoro delle seguenti sedi:

  • Ca' Foscari
  • Ca' Cappello
  • Ca' Dolfin
  • Ca' Bembo
  • Ca' Bernardo
  • Ca' Bottacin
  • Ca' Foscari Zattere
  • Campus Scientifico di Mestre
  • Campus di Treviso
  • Malcanton Marcorà
  • Palazzina Briati
  • Palazzo Cosulich
  • Palazzo Moro
  • Palazzo Vendramin
  • Rio Nuovo
  • S. Basilio
  • S. Giobbe
  • Santa Marta
  • San Sebastiano

Last update: 21/05/2024