EARTH due parole sul futuro

Earth - due parole sul futuro

L'Università Ca’ Foscari Venezia in collaborazione con gli artisti Ornella Ricca e Pietro Spagnoli, realizza il progetto culturale “EARTH due parole sul futuro” volto a sensibilizzare e accrescere l’attenzione sui temi che riguardano il Pianeta Terra, favorendo, attraverso un’opera artistica, un dialogo e una riflessione su passato, presente e futuro del nostro Pianeta, coinvolgendo tutta la comunità cafoscarina e il territorio.

Incontri di approfondimento sulle tematiche generate dall'opera e attività laboratoriali dedicate agli studenti e ai visitatori saranno parte integrante del progetto, fungendo da stimolo per un coinvolgimento attivo di tutta la comunità cafoscarina e del territorio.

Il progetto rientra all'interno del programma Ca' Foscari sostenibile ed è svolto in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica, il Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi e la Biblioteca di Arte Scientifica.


Installazione

L'installazione, curata da Diego Mantoan, si terrà nella sede universitaria del Campus Scientifico di Mestre dal 9 al 27 ottobre 2017.

Per la realizzazione dell'installazione, i due artisti Ornella Ricca e Pietro Spagnoli hanno preso spunto dall’uso degli ostraka nella Grecia antica. L’ostrakon era un frammento di ceramica su cui i cittadini di Atene, nel V secolo a.C, in una votazione democratica, incidevano il nome delle persone ritenute nemiche degli interessi della città, al fine di esiliarle. Da questa pratica deriva, appunto, il termine ostracismo. Per realizzare gli ostraka i due artisti hanno chiesto a studiosi e ricercatori di tutto il Mondo, di individuare due parole: una da “esiliare”, da non usare più, ed un’altra invece da “accogliere”, da sostenere, per il bene del Pianeta Terra, ricevendo 550 risposte (da 90 tra Accademie, Università e Centri di Ricerca nazionali e internazionali).

Si tratta di un’installazione itinerante, già esposta in diverse città italiane con appuntamenti in varie Università, che proseguirà il suo percorso nei prossimi mesi.

9 - 27 ottobre 2017

lunedì/venerdì: 8.00 – 20.00
sabato: 8.00 - 14.00
domenica: chiuso

Ingresso libero

Campus Scientifico [mappa]
Edifico Alfa


Vernissage - martedì 10 ottobre 2017

L'installazione, curata da Diego Mantoan, esposta nella sede universitaria del Campus Scientifico di Mestre - Edificio Alfa è stata inaugurata martedì 10 ottobre 2017.

L'inaugurazione è stata un'occasione di incontro e dialogo con l'ospite internazionale Ruth Fe Salditos, fondatrice del Panay Fair Trade Center e produttrice nelle Filippine di prodotti equo solidali, che si batte da oltre ventanni per la tutela e la promozione dei diritti dei piccoli produttori e lavoratori, con Alessandro Franceschini vicepresidente di Altromercato e con gli artisti Pietro Spagnoli e Ornella Ricca.

L'incontro, organizzato in collaborazione con la cooperativa El Fontego, tenuto presso l'Auditorium Danilo Mainardi si è concluso con la cerimonia di inaugurazione dell'installazione artistica e un buffet equo solidale.


Partecipazione studenti

Uno degli obiettivi del progetto è il coinvolgimento attivo degli studenti cafoscarini, fin dalle iniziali fasi organizzative, con la volontà da un lato di dare loro la possibilità di mettere in pratica e acquisire conoscenze in ambito artistico e organizzativo e dall’altro di farli riflettere sull’importanza della tematica trattata.

Il tema verrà analizzato da più punti di vista, indagando gli aspetti culturali, sociali, scientifici e linguistici che lo caratterizzano, attraverso la partecipazione a diverse attività: partecipazione a laboratori pratici sulle tematiche storico-artistiche, linguistiche e culturali, organizzazione e realizzazione dell’allestimento dell’installazione, realizzazione di ricerche di approfondimento sul rapporto tra scienza e arte.

L'attività svolta potrà rientrare all'interno delle Competenze di Sostenibilità.

Allegati

Attività

  • Workshop sulle tematiche storico-artistiche, linguistiche e culturali
  • Attività di ricerca e analisi sul rapporto tra scienza e arte
  • Partecipazione alle fasi di allestimento dell’installazione, a diretto contatto con gli artisti e il curatore