Easi: EU Programme for Employment and Social Innovation

Banner EASI

Il programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) è uno strumento finanziario europeo che punta a promuovere un elevato livello di occupazione sostenibile e di qualità, garantire una protezione sociale adeguata e dignitosa, combattere l'emarginazione e la povertà e migliorare le condizioni di lavoro.

La dotazione complessiva per il periodo 2014-2020 è di 919.469.000 euro.

Obiettivi

  1. Rafforzare l'adesione agli obiettivi dell'UE e il coordinamento degli interventi a livello europeo e nazionale nei settori dell'occupazione, degli affari sociali e dell'integrazione.
  2. Sostenere la definizione di adeguati sistemi di protezione sociale e valide politiche per il mercato del lavoro.
  3. Modernizzare la legislazione europea e garantirne l'effettiva applicazione.
  4. Promuovere la mobilità geografica e accrescere le possibilità di impiego sviluppando un mercato del lavoro aperto.
  5. Migliorare la disponibilità e l'accessibilità di microfinanziamenti a favore delle categorie vulnerabili, delle microimprese, e delle imprese sociali.

Struttura e finanziamenti

Il programma è gestito direttamente dalla Commissione Europea. Riunisce tre programmi dell'UE gestiti separatamente tra il 2007 e il 2013: PROGRESS, EURES e Progress Microfinance.
Dal gennaio 2014 questi tre programmi formano i tre assi del programma EaSI. Sostengono in particolare:

  • la modernizzazione delle politiche sociali e del lavoro con l'asse PROGRESS (61% della dotazione totale)
  • la mobilità professionale con l'asse EURES (18% della dotazione totale)
  • l'accesso a microfinanziamenti e all'imprenditoria sociale con l'assemicrofinanziamenti e imprenditoria sociale (21% della dotazione totale).

Focus Asse Progress

L'asse PROGRESS,  è di particolare interesse tematico per il nostro Ateneo, promuove il miglioramento delle politiche europee in tre ambiti tematici:

  • occupazione, in particolare la lotta alla disoccupazione giovanile
  • protezione sociale e integrazione, nonché riduzione e prevenzione della povertà
  • condizioni di lavoro.

Possono partecipare enti stabiliti in paesi UE, paesi SEE/EFTA, paesi candidati e potenziali candidati
Le azioni finanziabili sono:

  • attività analitiche, come ricerche, studi, analisi, valutazione
  • attività di apprendimento reciproco, sensibilizzazione e diffusione
  • attività di sostegno a operatori e reti

Il cofinanziamento europeo corrisponde all'80% dei costi delle attività progettuali.