Competenze di sostenibilità

Le Competenze di Sostenibilità in breve

L'acquisizione di competenze di sostenibilità (cds) si basa su attività volontarie, rivolte studentesse e  studenti cafoscarini di qualsiasi livello e comporta l'erogazione di 1 CFU extracurriculare e un Open Badge e alla laurea si riceve un attestato stampato su carta ecologica.

Per registrare il credito di sostenibilità è necessario inserire nel proprio Piano di Studio le Competenze di Sostenibilità e iscriversi a questo moodle.
In ogni Dipartimento è disponibile almeno un docente referente col quale lo studente/la studentessa concorderà il tema da affrontare e le modalità di svolgimento.

Quali attività si possono svolgere?

A seconda del tema scelto, le attività possono comprendere la frequenza a seminari e workshop, la messa in atto di ricerche bibliografiche o scientifiche, la realizzazione di attività sul campo e molto altro. Attività proposte dai docenti referenti o direttamente da studentesse e studenti, individualmente, in gruppo o in collaborazione iterdipartimentale. Sarà possibile registrare il credito di sostenibilità a seguito dell'elaborazione di una tesina, la realizzazione di un video o un articolo giornalistico, a seconda dell’attività effettuata, che verranno valutati dal docente referente.

Perchè farle?

Perchè affrontano tematiche e ambiti nuovi, o poco conosciuti, spesso con modalità interattive e rafforzando le competenze trasversali (capacità di relazione, di decisione,  di comunicazione, di risoluzione di criticità, di adattamento a diversi ambienti culturali e gestione e organizzazione del lavoro individuale e di gruppo). Un bagaglio di esperienze utile nell'ambito accademico e lavorativo.

Temi

Ogni attività svolta dalla/o studentessa/studente avrà come oggetto un tema definito in accordo con il/la referente, che la/lo indirizzerà tenendo conto delle proposte presentate, dei progetti proposti dall'Ateneo sui temi della sostenibilità e della coerenza scientifica delle stesse.

Le tematiche potranno riguardare gli ambiti trattati dai 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU.

  1. Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo
  2. Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile
  3. Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età
  4. Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti
  5. Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze
  6. Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie
  7. Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni
  8. Incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti
  9. Costruire un'infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile
  10. Ridurre l'ineguaglianza all'interno di e fra le Nazioni
  11. Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili
  12. Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo
  13. Promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico
  14. Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile
  15. Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre
  16. Pace, giustizia e istituzioni forti
  17. Rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile

Progetti realizzati dall'Ateneo sulle tematiche di sostenibilità

Attestato

A studenti e studentesse che conseguiranno il CFU relativo alle cds verrà consegnato, in sede di proclamazione delle lauree, un attestato stampato su Alga Carta gentilmente offerta da Favini Srl. Tale carta, scelta per la sua coerenza con il tema della sostenibilità ambientale e per il suo legame con il territorio, nasce negli anni '90 come soluzione alla proliferazione delle alghe nella laguna di Venezia. Oggi utilizza alghe in eccesso, provenienti da ambienti marini in altre parti del mondo, per un riuso creativo (upcycling).
Le alghe raccolte, una volta essiccate e macinate, vengono mischiate con la tradizionale cellulosa e trasformate in carta. Con mezzo chilo di alghe si può sostituire un chilo di albero. Alga Carta è riciclabile, biodegradabile, certificata FSC e utilizza EKOenergia, l’energia rinnovabile idroelettrica autoprodotta. Le emissioni residue non evitabili vengono azzerate.

Referenti

Last update: 22/06/2022